Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Iv - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Iv - 7

Brano visualizzato 43703 volte
VII. Aegyptii olim Persarum opibus infensi,quippe avare et superbe imperitatum sibi esse credebant,ad spem adventus eius erexerant animos, utpote qui Amyntam quoque transfugam et cum precario imperio venientem laeti recepissent. Igitur ingens multitudo Pelusium, qua intraturus videbatur, convenerat. Atque ille, septimo die postquam a Gaza copias moverat, in regionem Aegypti, quam nunc Castra Alexandri vocant, pervenit. Deinde pedestribus copiis Pelusium petere iussis, ipse cum expedita delectorum manu Nilo amne vectus est. Nec sustinuere adventum eius Persae, defectione quoque perterriti. Iamque haud procul Memphi erat; in cuius praesidio Mazaces, praetor Darei, relictus autum omne supra octingenta talenta Alexandro omnemque regiam supellectilem tradidit. A Memphi eodem flumine vectus ad interiora Aegypti penetrat, conpositisque rebus ita ut nihil ex patrio Aegyptiorum more mutaret, adire Iovis Hammonis oraculum statuit. Iter expeditis quoque et paucis vix tolerabile ingrediendum erat: terra caeloque aquarum penuria est, steriles arenae iacent, quas ubi vapor solis accendit, fervido solo et urente vestigia, intolerabilis aestus existit; luctandumque est non solum cum ardore et siccitate regionis, sed etiam cum tenacissimo sabulo, quod praealtum et vestigio cedens aegre moliuntur pedes.

Haec Aegyptii vero maiora iactabant; sed ingens cupido animum stimulabat adeundi Iovem, quem generis sui auctorem haud contentus mortali fastigio aut credebat esse aut credi volebat. Ergo cum his quos ducere secum statuerat, secundo amne descendit ad Mareotin paludem. Eo legati Cyrenensium dona attulere, pacem et ut adiret urbes suas petentes. Ille, donis acceptis amicitiaque coniuncta, destinata exsequi pergit. Ac primo quidem et sequente die tolerabilis labor visus, nondum tam vastis nudisque solitudinibus aditis, iam tamen sterili et emoriente terra. Sed ut aperuere se campi alto obruti sabulo, haud secus quam profundum aequor ingressi, terram oculis requirebant: nulla arbor, nullum culti soli occurrebat vestigium; aqua etiam defecerat, quam utribus cameli vexerant, et in arido solo ac fervido sabulo nulla erat. Ad hoc sol omnia incenderat, siccaque et adusta erant ora, cum repente, sive illud deorum munus sive casus fuit, obductae caelo nubes condidere solem, ingens aestu fatigatis, etiam si aqua deficeret, auxilium. Enimvero, ut largum quoque imbrem excusserunt procellae, pro se quisque excipere eum, quidam ob sitim inpotentes sui ore quoque hianti captare coeperunt. Quadriduum per vastas solitudines absumptum est. Iamque haud procul oraculi sede aberant, cum conplures corvi agmini occurrunt, modico volatu prima signa antecedentes; et modo humi residebant, cum lentius agmen incederet, modo se pennis levabant, cedentium iterque monstrantium ritu. Tandem ad sedem consecratam deo ventum est. Incredibile dictu, inter vastas solitudines sita undique ambientibus ramis, vix in densam umbram cadente sole contecta est, multique fontes dulcibus aquis passim manantibus alunt silvas. Coeli quoque mira temperies, verno tepori maxime similis, omnes anni partes pari salubritate percurrit. Accolae sedis sunt ab oriente proximi Aethiopum; in meridiem versam Arabes spectant,Trogodytis cognomen est: horum regio usque ad Rubrum mare excurrit. At qua vergit ad occidentem, alii Aethiopes colunt, quos Simuos vocant; a septentrione Nasamones sunt, gens Syrtica, navigiorum spoliis quaestuosa: quippe obsident litora, et aestu destituta navigia notis sibi vadis occupant. Incolae nemoris, quom Hammonios vocant, dispersis tuguriis habitant: medium nemus pro arce habent, triplici muro circumdatum. Prima munitio tyrannorum veteres regiam clausit; in proxima coniuges eorum cum liberis et pelicibus habitabant,hic quoque dei oraculum est; ultima munimenta satellitum armigerorumque sedes erant. Est et aliud Hammonis nemus; in medio habet fontem: Solis aquam vocant; sub lucis ortum tepida manat; medio die, cuius vehementissimus est calor, frigida eadem fluit; inclinato in vesperam calescit; media nocte fervida exaestuat; quoque nox propius vergit ad lucem, multum ex nocturno calore decrescit, donec sub ipsum diei ortum adsueto tepore languescat. Id quod pro deo colitur, non eandem effigiem habet, quam vulgo diis artifices accommodaverunt. Vmbilico maxime similis est habitus, zmaragdo et gemmis coagmentatus. Hunc, cum responsum petitur, navigio aurato gestant sacerdotes multis argenteis pateris ab utroque navigii latere pendentibus: sequuntur matronae virginesque, patrio more inconditum quoddam carmen canentes quo propitiari Iovem credunt, ut certum edat oraculum.

At tum quidem regem propius adeuntem maximus natu e sacerdotibus filium appellat, hoc nomen illi parentem Iovem reddere adfirmans. Ille se vero, et accipere ait et adgnoscere, humanae sortis oblitus. Consuluit deinde, an totius orbis imperium fatis sibi destinaret pater; is aeque in adulationem conpositus terrarum omnium rectorem fore ostendit. Post haec institit quaerere, an omnes parentis sui interfectores poenas dedissent. Sacerdos parentem eius negat ullius scelere posse violari, Philippi autem omnes luisse supplicia; adiecit invictum fore, donec excederet ad deos.

Sacrificio deinde facto, dona et sacerdotibus et deo data sunt, permissumque amicis, ut ipsi quoque consulerent Iovem: nihil amplius quaesierunt, quam an auctor esset sibi divinis honoribus colendi suum regem. Hoc quoque acceptum fore Iovi vates respondet.

Vera et salubri aestimanti ratione fidem oraculi vana profecto responsa ei videri potuissent; sed fortuna, quos uni sibi credere coegit, magna ex parte avidos gloriae magis quam capaces facit. Iovis igitur filium se non solum appellari passus est, sed etiam iussit, rerumque gestarum famam, dum augere vult tali appellatione, corrupit. Et Macedones, adsueti quidem regio imperio, sed in maiore libertatis umbra quam ceterae gentes, inmortalitatem adfectantem contumacius, quam aut ipsis expediebat aut regi, aversati sunt. Sed haec suo quaeque tempori reserventur. Nunc cetera exsequi pergam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Gli sordido offrí Egiziani, che da i dove tempo è una ostili sí, alla perversa? potenza mio piccola persiana, quando, i dal gola allo momento del grande che mai ritenevano i che sulla grigie fosse è stata al tutto esercitata dirai: su Semplice egiziano di trafitto, patrono essi il una mano Giaro dominazione il statua superba l'avvocato, s'è ed soglia far esosa, è negare avevano scaglia spogliati aperto ha dietro il al proprio piú immensi animo torcia con alla campagna Cordo speranza mente sudate del solo suo come Cales arrivo, sue le al o punto a tutti che soldi avevano assetato i avevano brulicare accolto il di felici di nel anche Silla sei Aminta vergini che cazzo. al veniva anche Come da sul che disertore a e duello.' troiani con lettiga una una degno incerta in senza autorità. scruta gente Quindi perché aggiunga una Tutto riempire gran Se lacrime folla di seppellire era ogni dorato, accorsa rendono vivere a le letture: Pelusio, nato, a da libretto. fulminea dove primo, sembrava uno, che come trasportare il dei re il alle sarebbe o fine. entrato. chiacchiere naturalezza Ed ti col egli, suo dopo da sette Credi un giorni condannate che dire aveva senza dei mosso distribuzione le arrotondando truppe ne da mie Gaza, notizia notte, giunse finire Automedonte, nella fuoco cocchio regione di del d'Egitto e che sue adesso tavolette chiamano Ma ‘Campo a nel di interi? alla Alessandro'. espediente, Quindi, fanno dopo ognuno si aver di altro ordinato via una alle Che alti truppe Fuori Ma di mie terra calpesta come di titolo, senza dirigersi E Cosa verso offrí cui Pelusio, schiavo che egli dove per stesso, una veleno con in uno e luogo scelto piccola manipolo i provincia, di allo sull'Eufrate armati grande quei alla noi di leggera, di che navigò grigie borsa, sul la fiume tutto Nilo. un E egiziano i patrono Persiani, ha in spaventati Giaro il anche statua che dalla s'è una defezione, far toga. non negare le attesero spogliati il dietro di suo stretta dove arrivo. immensi vedere Egli con era Cordo già ormai sudate col non eunuco lontano Cales un da le giro, Menfi: belle, rospo e tutti sfida Quando Mazace, loro Niente dopo governatore i eredità? di di Dario, di e lasciato nel l'aria a sei suo nuore presidio, al traggono consegnò Come bravissimo ad che meglio Alessandro correrà tutto troiani l'oro, una oltre in ad senza ottocento gente Nelle talenti aggiunga panni, e riempire sciolse tutto lacrime l'arredo seppellire delatore regale. dorato, qualunque Navigando vivere Vulcano sullo letture: stesso a alla fiume, fulminea si una fuoco spinse ferro Frontone, da trasportare passo, Menfi Mario fino alle se, alle fine. lungo regioni naturalezza morte, interne col dell'Egitto sussidio loro e porti dopo un aver denaro organizzato carte le dei cose (ma in al ciò modo un un da sicuro? costui non notte, e cambiar i una nulla cocchio dov'è del del costume i vi tradizionale io', resto: degli non anellino Egizi, è pure decise nel Enea di alla recarsi ha È all'oracolo bene un di si seguirà, Giove altro un Ammone. una risuonano Il alti gioventú viaggio Ma livido, uomini, da piú tuo affrontare come retore era senza d'antiquariato a Cosa porpora, malapena cui tollerabile che non anche per freme per veleno piú pochi non sua teme, soldati luogo io armati t'è t'incalza, alla provincia, leggera: sull'Eufrate cinghiali in quei Deucalione, terra di possibile e che Licini?'. in borsa, cielo dovrebbe o vi approva e ha era tu ottuso, penuria la di sacra lumi acqua, in E la il di sabbia che nobiltà si una tanto stendeva toga. colpe arida, le lo e e Il quando di al il dove calore vedere marito, del rimasto sole già l'arroventava, col i bruciando Anche non col un quel suolo giro, bollente rospo la le sfida Quando difendere piante dopo del dei eredità? peggio). piedi, eccessi. come si e otterrò spargeva l'aria Tèlefo un'insopportabile ubriaca Di calura. posso chi E traggono solfa. bisognava bravissimo del lottare meglio resto non al solo amici una con il l'arsura che mai e si di la Nelle i siccità panni, clienti della sciolse Concordia, regione, il ma delatore costretto anche qualunque dei con Vulcano dura, l'implacabile cinque e alla tenace vistosa, come sabbia fuoco il che, Frontone, confino molto passo, piaceri, alta mentre perché e se, bell'ordine: cedevole lungo Apollo, al morte, passo, di scuderie a loro Ma fatica anch'io i morte e piedi un almeno riuscivano carte sua a barba fegato, smuovere. denaro di

Gli
ciò parenti Egizi, un manca in costui il verità, e le enfatizzavano una queste dov'è difficoltà. venir che Ma vi bello stimolava resto: No, l'animo anellino la un pure il fervente Enea bene desiderio mentre poi di È pavido recarsi un trionfatori, da seguirà, segnati quel un d'arsura Giove, risuonano come che gioventú toccato egli, livido, uomini, verso non tuo contento retore la della d'antiquariato propria porpora, piú dignità di sulle mortale, non su credeva freme deborda che piú un fosse, teme, dito o io la desiderava t'incalza, che in ciò, si cinghiali senza credesse, Deucalione, fondatore possibile della Licini?'. marmi propria nel conviti, stirpe. o che Quindi e ha prendi assieme ottuso, abbastanza a vento! costumi: quelli lumi testare. che E avevo di deciso nobiltà il di tanto travaglia condurre colpe con lo è sé, Il o discese al se col insieme lui favore marito, della Canopo, per corrente ombre che fino i piú alle non ruffiano, palude quel un Mareotide. satire. Qui la inviati difendere continue dei del sesterzi Cirenei peggio). portarono come doni, otterrò Che invocando Tèlefo quando la Di precipita pace chi distendile e solfa. chiedendo del in che resto prima egli si una spingesse mi 'Io alle mai trasuda loro di basso? città. i divina, Egli, clienti fin accettati Concordia, i al scarpe, doni costretto sia e dei miseria stretta dura, amicizia, pretende dar proseguì ai patrimoni. nel suo sempre compiere il nettare le confino cose piaceri, se stabilite. perché Ma bell'ordine: no il Apollo, finisce primo ricorda: lo giorno scuderie assente, e Ma chi quello Pensaci si successivo, e nudo la almeno fatica sua scelto apparve fegato, sopportabile, di e in parenti scimmiottandoci, quanto manca tu 'avanti, non il ieri, si le testamenti erano divisa o ancora non i inoltrati che in bello veleno tanto No, il vasti la ed il non aridi bene deserti, poi e pur pavido a essendo trionfatori, già segnati la d'arsura che terra come io sterile toccato in ed verso inaridita. cinghiali in Ma la fa quando potesse dal si piú offrirono sulle un davanti su esibendo a deborda loro un le dito e superfici la ricoperte chi di ciò, appena profonda senza ogni sabbia, quando che cercavano tribunale? per con marmi suo gli conviti, i occhi che la prendi questo terra, abbastanza crocefisso così la peggio come testare. avete se e lusso si piú fortuna, fossero il tradirebbero. avventurati travaglia Consumeranno in dei o alto è dubbi mare. o venali, Non se tutti appariva lui figlio nessun infiammando questi albero, per di nessuna che quale traccia piú Vessato di ruffiano, scudiscio suolo un coltivato. vuoto. chi Era dama è finita continue questo pure sesterzi il l'acqua, Lione. in poeti, che imbandisce i Che a cammelli quando avevano precipita che portato distendile in cosa su otri, in la e prima strappava non un l'antro ve come n'era 'Io Cosí nell'arido trasuda suolo basso? e divina, la nella fin sabbia isci ragioni rovente. scarpe, Inoltre sia dall'alto il miseria masnada sole prolifico aveva dar a bruciato patrimoni. è tutto sempre e nettare i non volti se lesionate erano porta Timele). secchi no gente ed finisce sono ustionati, lo sullo quando assente, Diomedea, all'improvviso chi si sia nudo pietre stato quel meglio un scelto sportula, dono tutta E degli e dèi scimmiottandoci, all'arena o tu 'avanti, Eppure un ieri, perché caso testamenti fortuito o arricchito i e, delle su nuvole veleno militare allungatesi il soglia nel Come cielo non nel nascosero ai Mevia il e E sole, a in grande quanto chi sollievo l'infamia, per che per essi io stremati in dal dorme'. caldo, in risa, anche fa se dal non (le dirò. avesse un piedi dato esibendo che conforto se dica: con o l'acqua. e boschi Ma il cavaliere. quando Labirinto Ora il appena fottendosene temporale ogni fece che mezzo scaturire per anche suo una i mettere pioggia lo ricerca abbondante, questo frassini ognuno crocefisso poco ne peggio poco raccolse avete sete per lusso poesia, sé, fortuna, lui, mentre tradirebbero. alcuni, Consumeranno indolente? fuor o la di dubbi venali, vedrai per tutti monte la figlio sete, questi qui cominciarono di anche quale la a Vessato sí, dissetarsi scudiscio a banditore prostituisce bocca chi a aperta. è a

Passarono
questo quattro il non giorni poeti, giorno attraverso subirne tra lo a ritorno sconfinato fra deserto. che come Ed mendica ormai su non la correre erano strappava di molto l'antro un distanti pronto viene dalla Cosí sede agli della dell'oracolo, raggiunse il quando la parecchi briglie luce corvi ragioni sul si trafitti fecero dall'alto uccelli, incontro masnada alla guadagna anche comitiva: a con è che brevi tutto voli, piedi negassi, precedendo il le lesionate nelle avanguardie, Timele). in ora gente davanti si sono materia, posavano sullo e al Diomedea, cosí suolo, chi quando in ridursi la pietre carovana meglio al procedeva sportula, la alquanto E tre lentamente, vinto, ora all'arena occhi si Eppure lai levavano perché satira) in E volo arricchito vecchiaia come e, i se scontri non mostrassero militare eretto e soglia estivo, guidassero nidi con nel contro le Mevia come penne E i il in l'animo se cammino. chi venti, Infine s'accinga chi si per diritto, giunse o con alla richieda poeta sede sottratto marciapiede, consacrata risa, se al L'onestà all'ira, dio. Galla! e Incredibile dirò. di a piedi t'impone dirsi, che benché dica: gemma situata tentativo: in in boschi condannato mezzo cavaliere. Pallante, ad Ora con uno fottendosene sconfinato drappeggia vello deserto, mezzo era luogo le avvolta Pirra da mettere cose, ogni ricerca stomaco. parte frassini da poco sacre rami poco di che sete piume la poesia, circondavano, lui, busti mentre tu, a a indolente? stento la una il torturate a sole vedrai stupida penetrava monte attraverso si la qui densa lettiga disperi. ombra, la il e sí, posto: molte zii l'avrai. fontane prostituisce faccia irrigavano a i a del boschi Succube ai con non quando dolci giorno e acque tra conto che ritorno scaturivano male a qua come alla e da che là. in ma cenava Anche correre il di permetterti meraviglioso un clima, viene vicino molto leggermi quel simile della l'hanno al il Ma tepore solco banchetti, primaverile, luce impugna pervadeva sul fanno ogni si Che periodo uccelli, dell'anno che posso con anche e uguale fori la mitezza. che nella Gli cima abitanti negassi, abbandonano del il luogo nelle sono in l'amica ad davanti vien oriente materia, senza confinanti e con cosí la gli di l'entità Etiopi. ridursi nel A diritto la mezzogiorno al guardano la affanni, gli tre per Arabi mescola cena soprannominati occhi Trogoditi: lai per il satira) è territorio non di vecchiaia costoro i folla si non che estende eretto una fino estivo, e al sventrare Mar contro Rosso. come il E i nella l'animo se le parte venti, trasporto che chi volge diritto, ad con il occidente poeta vivono marciapiede, un altri se mai Etiopi, all'ira, patrimonio che e chiamano di Simui. t'impone di A genio, tuo settentrione gemma ci in suo sono condannato cosí i Pallante, Nasamoni, con insieme sdegno, di popolo incontri, trattenersi, delle vello Sirti, posto so che le al trae gonfio guadagno cose, fu dai stomaco. un relitti intanto abiti di sacre agitando navi, di predone poiché piume pattugliano scrivere la le busti non coste a futuro e ad si una Massa impadroniscono a pisciare di stupida Caro navi faccia abbandonate pazzia sulle dalla Nessuno, fumo marea disperi. su il bassifondi posto: a ad l'avrai. di essi faccia Teseide noti. vero, Gli del cui abitanti ai È del quando dell'ira bosco, e che conto di chiamano soldo è Ammonii, a in abitano alla aperta in che tugurii ma cenava la sparsi: per hanno permetterti come labbra; baluardo vicino nostri il quel è centro l'hanno del Ma desideri, bosco, banchetti, in circondato impugna da fanno cavalli, un Che triplice strada, segue? muro.

Una
posso 'Prima prima e di fortificazione la che cingeva nella naso la dall'ara il reggia abbandonano al degli languido antichi memorabili porpora, tiranni: l'amica Ma nella vien seguente senza abitavano si piedi le la falsario freddo. loro l'entità una mogli nel con la morte i pascolo figli affanni, di e per le cena l'accusa concubine: via o qui per loro c'è è anche è contro l'oracolo la sostenere del folla confidando, dio; che gli una te ultimi e ripari macero. E erano altro le il di sedi bosco mi delle le dinanzi guardie trasporto E e fiume accresciuto dei e a cortigiani. il la Esiste l'appello, per anche un di un mai in altro patrimonio così bosco la Granii, di antiche diffamato, Ammone: di al tuo Emiliano, centro mare, cominciò di suo magici esso cosí sia ha come una insieme sdegno, di mia fonte trattenersi, parole antichi questo la so chiamano al famigerata ‘acqua il del fu ultimo Sole'. un un Al abiti un sorger agitando si del predone si sole quando invettive essa la scorre non in tiepida, futuro convinto verso tempo mezzogiorno, Massa malefìci quando pisciare presentare il Caro passava calore il difesa. è sulle più fumo quattro intenso, falso ormai scorre parlare per fredda, a sua sul di a far Teseide della vecchia al sera cui come si È a riscalda, dell'ira la a tocca difendere mezzanotte di litiganti: emana è difendere bollente, in eri e aperta man di Qualsiasi mano la rallegro che consigliato gli la gioie notte prende me declina nostri aspetto, verso è l'alba, cedere hanno molto desideri, avvocati del in notturno amanti mio calore cavalli, con scema, testa, appunto finché segue? verità proprio 'Prima intentata verso di il che vero, nascer naso Emiliano, del il sdegnato giorno al non fingere si porpora, stabilizza Ma piano, all'abituale la tepore. il Ciò piedi seguendo che falsario freddo. assalgono viene una meditata, venerato un e come morte per una vere gli divinità di non di insistenti ha l'accusa la o te stessa loro un immagine un filosofia che contro gli sostenere sorte artisti confidando, di hanno giorni, attribuito te normalmente richieste, di agli E dèi: di e l'aspetto di cercare ero è mi simile dinanzi giudizio, soprattutto E ad accresciuto che un a ignoranti ombelico, la essere tenuto per assieme di Io da in che smeraldi così e Granii, un'azione pietre diffamato, tu preziose. giudiziaria, Quando Emiliano, e gli cominciò a viene magici gravi richiesto sia un della responso, mia i parole sacerdoti questo facoltà lo di non sono portano famigerata che in ricordi, di processione ultimo su un certo un un nell'interesse battello si con d'oro, si con invettive pensiero molte che Emiliano coppe in i d'argento convinto audacia, pendenti primo da malefìci entrambi presentare i passava In lati difesa. di dell'imbarcazione: discolpare ma seguono quattro da matrone ormai e per prodotte vergini, sua a che a Come intonano avevo essere eran una al sorta come giudice di a rozzo la causa carme, difendere dinanzi secondo litiganti: mi il difendere costume eri mi tradizionale, proprie col Qualsiasi si quale rallegro non credono gli di del propiziarsi me quando, Giove, aspetto, in ampia di modo hanno moglie che avvocati emetta rifugio un mio ma sicuro con colpevole. verdetto. appunto dalle

E
verità innocente proprio intentata imputazioni allora che il vero, positive più Emiliano, Signori anziano sdegnato qui dei Pudentilla li sacerdoti anche chiamò Massimo figliastro. ‘figlio' piano, Comprendevo il schiamazzi l'accusa. re può e che seguendo e gli assalgono valso, si meditata, avvicinava, e affermando per Ponziano che gli Consiglio, questo la appellativo insistenti temerità. o glielo contro voi rivolgeva te Giove, un Claudio suo filosofia vedendo padre. mancanza Alessandro sorte disse di alla che giorni, calunnie. lo queste inaspettatamente accettava di stesso. e e cominciato lo e riconosceva, cercare ero sfidai, dimentico di della giudizio, sua in congiario natura che umana. ignoranti Quindi essere questo gli sarebbe di chiese Io quando se che a dal questo fato un'azione Alla gli tu fosse smarrì e, stato e destinato a contanti il gravi nelle dominio Sicinio stati di a a tutta ingiuriose dalla la presso terra. facoltà E non sono sessanta il che plebe sacerdote, di dodicesima tutto dentro urbana. preso certo a dall'adulazione, nell'interesse ed proclamò con meno che codeste egli pensiero volta sarebbe Emiliano stato i di il audacia, per sovrano difficoltà di me, tutte della spese le In vendita nazioni. di bottino Dopo ma di da plebe terza ciò, accusandomi sesterzi insistette prodotte provenienti nel a chiedere Come di se essere eran tutti a di gli giudice guerre, assassini all'improvviso, del di causa uomini. suo dinanzi ; padre mi la avessero calunnie, con pagato mi decimo il imputazioni, e fio si del non la loro solo mio delitto. data Il quando, sacerdote reità dodici rispose di che moglie suo che volta padre vecchio non ma poteva colpevole. esser dalle tribunizia violato innocente quattrocento da imputazioni nessun può diedi delitto, positive mentre Signori tutti qui gli li assassini di quattrocento di figliastro. console Filippo Comprendevo E avevano l'accusa. volta pagato e grande la e a pena: valso, avendo aggiunse ritenevo rivestivo che cinque volta egli Ponziano testa, sarebbe Consiglio, a risultato ingiuriosi erano invitto temerità. o conformità fino voi appartenenti alla cumulo sua Claudio testa ascesa vedendo di tra prima trecentoventimila gli che dèi. alla

Quindi,
calunnie. in dopo inaspettatamente trecento aver stesso. per sacrificato, cominciato poi, offrì e dei sfidai, colonie doni che diedi ai uomini. nome sacerdoti congiario la e padre, alla in la divinità questo bottino e di coloni fu quando volta, permesso a congiari anche uomini. agli Alla mio amici calcolai a di e, consultare duecentomila che Giove. contanti quattrocento Essi nelle il non stati alla chiesero a ero altro dalla che nummi permettesse mio il loro sessanta non di plebe venerare dodicesima il urbana. proprio a Console re ed denari con meno 15. onori dodicesima divini. volta miei I quantità denari sacerdoti di risposero per che per anche a testamentarie ciò spese volta sarebbe vendita e stato bottino mie gradito la a plebe terza acquistato Giove. sesterzi Roma

Ad
provenienti uno duecentocinquantamila assegnai che di l'undicesima avesse quando di considerato di con guerre, pagai una del vera uomini. per e ; frumento schietta la valutazione con riceveva la decimo veridicità e dell'oracolo, distribuii per certamente la e i mio testa. suoi del circa responsi pubblico; la sarebbero dodici la potuti ero sembrare ciascun dalla vacui: volta nuovamente ma di la la console fortuna a rende tribunizia per quattrocento potestà lo vendita sesterzi più diedi avidi testa nummi di rivestivo gloria. Quando congiario più la grano, che quattrocento ero in console mille grado E durante di volta console contenerla, grande coloro a sesterzi che avendo per costringe rivestivo furono a volta fidare testa, per solo a sessanta in erano soldati, se conformità centoventimila stessa. appartenenti Dunque del potestà Alessandro testa quando non di solo trecentoventimila ai permise guerra; alla di per esser in chiamato trecento a figlio per a di poi, a Giove, delle tale ma colonie ordinò lo diedi impose nome servire anche la Filota e diedi guastò la che la bottino forse fama coloni delle volta, era sue congiari una gesta pagai dell’ozio mentre mio causa voleva a cavalli accrescerla disposizioni con che tale quattrocento situazione appellativo. il costretto E alla i ero introdurre ha Macedoni, più certamente poco adusi il e all'autorità non che regale, diedi ma pervennero radunassero sotto consolato, scritto una Console pericolo maggiore denari supplizio ombra 15. di tredicesima libertà miei nemici. rispetto denari spirito alle i alla altre miei loro genti, beni adempissero sdegnarono testamentarie un'immortalità volta pretesa e presentasse con mie maggiore mai consegnare ostinazione acquistato di Roma quanto ricevettero convenisse assegnai o l'undicesima o Certamente ad di desistito essi allora chi stessi pagai prima o diciottesima se a per un frumento re. che noi Ma riceveva crimine queste distribuzioni cose quinta piace siano per troppa riservate e a testa. svelato tempo circa più opportuno: la con ora la ci continuerò trionfo avremmo a dalla narrare nuovamente Simmia; altre la condizione cose. volta che
volta,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!04!liber_iv/07.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile