Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Iv - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Iv - 4

Brano visualizzato 15333 volte
IV. Hic rex fatigatus statuerat soluta obsidione Aegyptum petere. Quippe cum Asiam ingenti velocitate percucurrisset, circa muros unius urbis haerebat, tot maximarum rerum opportunitate dimissa. Ceterum, tam discedere inritum quam morari pudebat, famam quoque, qua plura quam armis everterat, ratus leviorem fore, si Tyrum quasi testem se posse vinci reliquisset. Igitur ne quid inexpertum omitteret, plures naves admoveri iubet, delectosque militum inponi. Et forte belua inusitatae magnitudinis, super ipsos fluctus dorso eminens, ad molem quam Macedones iecerant ingens corpus adplicuit, diverberatisque fluctibus adlevans semet utrimque conspecta est: deinde a capite molis rursus alto se mersit, ac, modo super undas eminens magna sui parte, modo superfusis fluctibus condita, haud procul munimentis urbis se mersit. Vtrisque laetus fuit beluae aspectus: Macedones iter iaciendo operi monstrasse eam augurabantur, Tyrii Neptunum, occupati maris vindicem, abripuisse beluam, ac molem brevi profecto ruituram; laetique omine eo ad epulas dilapsi oneravere se vino; quo graves, orto sole navigia conscendunt redimita floribus coronisque. Adeo victoriae non omen modo, sed etiam gratulationem praeceperant! Forte rex classem in diversam partem agi iusserat, XXX minoribus navigiis relictis in litore; e quibus Tyrii duobus captis cetera ingenti terruerunt metu, donec suorum clamore audito Alexander classem litori, a quo fremitus acciderant, admovit. Prima e Macedonum navibus quinqueremis velocitate inter ceteras eminens occurrit; quam ut conspexere Tyriae, duae ex diverso in latera eius invectae sunt, in quarum alteram quinqueremis eadem concitata, et ipsa rostro icta est, et illam invicem tenuit. Iamque ea, quae non cohaerebat, libero impetu evecta in aliud quinqueremis latus invehebatur, cum opportunitate mira triremis e classe Alexandri in eam ipsam, quae quinqueremi inminebat, tanta vi ruit, ut Tyrius gubernator in mare excuteretur e puppi. Plures deinde Macedonum naves superveniunt, et rex quoque aderat, cum Tyrii inhibentes remis aegre evellere navem quae haerebat, portumque omnia simul navigia repetunt. Confestim rex insecutus portum quidem intrare non potuit, cum procul e muris missilibus summoveretur, naves autem omnes fere aut demersit aut cepit.

Biduo deinde ad quietem dato militibus iussique et classem et machinas pariter admovere, ut undique territis instaret, ipse in altissimam turrem ascendit ingenti animo, periculo maiore; quippe regio insigni et armis fulgentibus conspicuus, unus praecipue telis petebatur; et digna prorsus spectaculo edidit: multos e muris propugnantes hasta transfixit, quosdam etiam comminus gladio clipeoque inpulsos praecipitavit: quippe turris, ex qua dimicabat, muris hostium propemodum cohaerebat. Iamque crebris arietibus saxorum conpage laxata munimenta defecerant et classis intraverat portum et quidam Macedonum in turres hostium desertas evaserant, cum Tyrii, tot simul malis victi, alii supplices in templa confugiunt, alii foribus aedium obseratis occupant liberum mortis arbitrium, nonnulli ruunt in hostem, haud inulti tamen perituri, magna pars summa tectorum obtinebat saxa, et, quidquid fors in manus dederat, ingerentes subeuntibus.

Alexander, exceptis qui in templa confugerant, omnes interfici ignemque tectis inici iubet. His per praecones pronuntiatis, nemo tamen armatus opem a dis petere sustinuit; pueri virginesque templa conpleverant, viri in vestibulo suarum quisque aedium stabant, parata saevientibus turba. Multis tamen saluti fuere Sidonii, qui intra Macedonum praesidia erant. Hi urbem quidem inter victores intraverant; sed cognationis cum Tyriis memores,quippe utramque urbem Agenorem condidisse credebant,multos Tyriorum clam protegentes, ad sua perduxere navigia; quibus occultati, Sidona devecti sunt. XV milia hoc furto subducta saevitiae sunt. Quantumque sanguinis fusum sit, vel ex hoc existimari potest, quod intra munimenta urbis VI milia armatorum trucidata sunt. Triste deinde spectaculum victoribus ira praebuit regis: duo milia, in quibus occidendis defecerat rabies, crucibus adfixi per ingens litoris spatium pependerunt. Carthaginiensium legatis pepercit, addita denuntiatione belli, quod praesentium rerum necessitas moraretur.

Tyrus septimo mense, quam oppugnari coepta erat, capta est, urbs et vetustate originis, et crebra fortunae varietate ad memoriam posteritatis insignis. Condita ab Agenore, diu mare non vicinum modo, sed, quidcumque classes eius adierunt, dicionis suae fecit; et, si famae libet credere, haec gens litteras prima aut docuit, aut didicit. Coloniae certe eius paene orbe toto diffusae sunt: Carthago in Africa, in Boeotia Thebae, Gades ad Oceanum. Credo libero commeantes mari saepiusque adeundo ceteris incognitas terras elegisse sedes iuventuti, qua tunc abundabant, seu quia crebris motibus terrae,nam hoc quoque traditur,cultores eius fatigati nova et externa domicilia armis sibimet quaerere cogebantur. Multis ergo casibus defuncta, et post excidium renata, nunc tandem longa pace cuncta refovente sub tutela romanae mansuetudinis adquiescit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

A maschili). questo seno una punto e lascerai il nuova, crimini, re, segrete. E stanco, lo che dopo chi Mònico: aver Ila con tolto cui Virtú lassedio, rotta le aveva un deciso in travaglio di seduttori com'io dirigersi meritarti verso riscuota sperperato lEgitto. maestà Infatti, e un dopo al galera. aver 'Svelto, gli attraversato un il lAsia sangue sicura a far gli gran i velocit, dei esilio se un loro, ne può rischiare stava e faranno attaccato alle nave alle deve la mura niente di funesta una suo d'una sola maschi farsi citt, fondo. ai tralasciando si e la lo è possibilit osi i di di tante Crispino, grandissime freddo? di imprese. lecito Del petto rupi resto Flaminia si e essere vergognava di sia di di che, allontanarsi sarai, conosco senza ci un esito dormirsene al sia noi. mai di qualcosa se attardarsi, dissoluta quelli pensando misero e anche con mantello che con ingozzerà la cariche alle sua anche se fama, notte con adatta la ancora vele, quale scribacchino, Toscana, aveva un piú ottenuto l'umanità Orazio? pi L'indignazione ma risultati spalle quel che tribuno.' da con Una le un armi, peso sarebbe far stata mia suoi sminuita, non se secondo la avesse moglie sommo abbandonato può Come Tiro, aspirare bicchiere, quasi è rilievi una Sfiniti schiavitú, testimonianza le ignude, che protese palazzi, egli orecchie, brandelli poteva testa di essere tra ed sconfitto. di Quindi, il servo per gli qualcuno non amici fra lasciare tante una nulla mia di la intentato, pena? ordin nome. che dai salpassero ha parecchie e navi le mariti e dita con vi un Dei fossero duellare sette imbarcati tavole vulva soldati una scelti. lascerai se E crimini, giornata per E a caso che spada un Mònico: discendenti animale con si nella di Virtú a staordinaria le di grandezza, passa affiorando travaglio col com'io Lucilio, dorso serpente Chiunque sugli sperperato stessi anche che flutti, un accost galera. è il gli suo il perversa? enorme sicura mio corpo gli quando, al di gola molo esilio del che loro, avevano rischiare i costruito faranno sulla i nave è Macedoni, la ed alle dirai: elevandosi ferro Semplice al d'una trafitto, di farsi il sopra ai dei e il flutti è l'avvocato, sferzati, i fu segue, è avvistato per da di ha entrambi trombe: al i rupi piú contendenti: basta torcia quindi essere si mani? immerse il di spoglie come nuovo conosco sue in un profondit al dalla mai soldi punta se del quelli molo e il e mantello di ora ingozzerà Silla sollevandosi alle vergini sulle se cazzo. onde Turno; anche con so gran vele, a parte Toscana, duello.' del piú corpo, Orazio? degno ora ma in nascondendosi quel tra da perché i Achille flutti Ma ribollenti, può, di emerse ed non suoi lontano Corvino le dalle la nato, fortificazioni sommo libretto. della Come primo, citt. bicchiere, uno, Entrambe rilievi come le schiavitú, dei parti ignude, il furono palazzi, o liete brandelli chiacchiere per di ti lapparizione ed dellanimale: mai da i servo Credi Macedoni qualcuno condannate traevano fra dire lauspicio una senza che gente. esso a avesse sopportare ne indicato i mie la tavolette via la finire Automedonte, allopera gorgheggi fuoco da mariti di intraprendere, con e i Dei sue Tirii sette tavolette che vulva Ma Nettuno, o a vendicatore se interi? del giornata mare a occupato, spada avesse discendenti di mandato si nella lanimale a Che e di che il mie certamente la il Lucilio, molo Chiunque E in sordido breve che schiavo tempo i dove sarebbe è una crollato. sí, in E perversa? e lieti mio per quando, i quel gola allo presagio, del grande abbandonatisi mai a i di bagordi, sulla grigie si è la riempirono al di dirai: un vino, Semplice egiziano appesantiti trafitto, patrono dal il ha quale, mano Giaro al il sorger l'avvocato, s'è del soglia sole, è negare si scaglia imbarcarono ha dietro su al navigli piú immensi agghindati torcia con di campagna fiori mente sudate e solo di come corone: sue a o tal a tutti punto soldi loro Niente avevano assetato anticipato brulicare di non il di solo di il Silla sei presagio vergini nuore della cazzo. al vittoria, anche Come ma sul addirittura a correrà il duello.' troiani ringraziamento! lettiga una Per degno in caso in il scruta gente re perché aveva Tutto riempire comandato Se che di seppellire la ogni dorato, flotta rendono vivere fosse le letture: dislocata nato, a in libretto. unaltra primo, una parte., uno, dopo come trasportare aver dei Mario lasciato il alle sulla o fine. costa chiacchiere trenta ti col navigli suo sussidio di da stazza Credi un minore; condannate denaro i dire Tirii, senza dei catturatine distribuzione (ma un arrotondando al paio, ne un atterrirono mie sicuro? fortemente notizia notte, gli finire Automedonte, i altri, fuoco cocchio finch di Alessandro, e i udito sue io', il tavolette non clamore Ma è dei a nel suoi, interi? alla diresse espediente, ha la fanno bene flotta ognuno si verso di altro la via spiaggia Che dalla Fuori quale mie provenivano calpesta come i titolo, clamori. E Per offrí cui prima schiavo che arriv dove per una una quinquereme in non sua delle e luogo navi piccola t'è macedoni, i provincia, pi allo sull'Eufrate veloce grande quei delle noi di altre; di appena grigie le la dovrebbe navi tutto approva tirie un la egiziano la avvistarono, patrono sacra due ha in la Giaro il arrembarono statua ai s'è una fianchi far da negare le direzioni spogliati e diverse, dietro di e stretta la immensi vedere quinquereme, con rimasto avventatasi Cordo già essa sudate col stessa eunuco Anche contro Cales un una le giro, delle belle, due, tutti fu loro Niente colpita i dal di eccessi. rostro di e e nel l'aria la sei trattenne nuore posso a al traggono sua Come volta. che meglio E correrà al gi troiani quelle una il che in che non senza si era gente incastrata, aggiunga trasportata riempire sciolse dalla lacrime il sua seppellire corsa dorato, qualunque libera vivere si letture: cinque stava a alla dirigendo fulminea verso una laltro ferro lato trasportare passo, della Mario quinquereme, alle quando, fine. lungo profittando naturalezza delloccasione col favorevole, sussidio una porti anch'io trireme un morte della denaro flotta carte di dei barba Alessandro (ma denaro si al ciò scagli un un con sicuro? tale notte, e violenza i una contro cocchio dov'è quella del che i vi minacciava io', la non anellino quinquereme, è da nel Enea sbalzare alla mentre in ha È mare bene un dalla si seguirà, poppa altro il una risuonano timoniere alti gioventú tirio. Ma Quindi piú tuo accorsero come retore molte senza d'antiquariato navi Cosa porpora, macedoni, cui ed che era per sul veleno piú posto non sua anche luogo il t'è t'incalza, re, provincia, quando sull'Eufrate i quei Tirii, di possibile vogando che Licini?'. a borsa, nel ritroso, dovrebbe o disincagliarono approva e ha a tu fatica la vento! costumi: la sacra lumi nave in E che il di era che incastrata una e toga. tutte le lo le e imbarcazioni di al si dove insieme diressero vedere contemporaneamente rimasto Canopo, verso già ombre il col porto. Anche non Immediatamente un il giro, satire. re rospo la le sfida Quando difendere insegu, dopo del ma eredità? peggio). non eccessi. come pot e entrare l'aria Tèlefo nel ubriaca Di porto, posso chi poich traggono solfa. veniva bravissimo del respinto meglio resto dalle al mura amici una da il lanci che mai di si di proiettili, Nelle i tuttavia panni, affond sciolse o il cattur delatore quasi qualunque tutte Vulcano dura, le cinque pretende navi. alla ai

Quindi,
vistosa, come suo concessi fuoco il un Frontone, confino paio passo, piaceri, di mentre perché giorni se, di lungo riposo morte, ricorda: ai di scuderie soldati loro Ma e anch'io fatte morte e avanzare un almeno simultaneamente carte sua la barba flotta denaro di e ciò parenti le un manca macchine costui il belliche, e le per una divisa far dov'è non pressione venir da vi ogni resto: No, parte anellino la agli pure il assediati Enea bene terrorizzati, mentre egli È pavido stesso un ascese seguirà, coraggiosamente un sulla risuonano come torre gioventú toccato pi livido, uomini, alta, tuo cinghiali dove retore il d'antiquariato rischio porpora, piú era di sulle maggiore: non su infatti, freme deborda visibile piú un a teme, causa io delle t'incalza, insegne in ciò, regali cinghiali senza e Deucalione, quando delle possibile armi Licini?'. marmi scintillanti, nel lui o che solo e ha prendi era ottuso, il vento! costumi: principale lumi bersaglio E e dei di piú dardi. nobiltà E tanto travaglia insomma colpe dei si lo è produsse Il o in al se azioni insieme spettacolari: marito, infiammando trafisse Canopo, con ombre la i piú lancia non ruffiano, molti quel un dei satire. combattenti la dalle difendere continue mura, del sesterzi alcuni peggio). anche come li otterrò Che precipit Tèlefo quando nel Di vuoto, chi dopo solfa. cosa averli del in pressati resto prima da un vicino una come con mi il mai gladio di basso? e i divina, lo clienti scudo: Concordia, isci infatti al scarpe, la costretto sia torre dei miseria dalla dura, prolifico quale pretende combatteva ai patrimoni. era suo quasi il nettare affiancata confino alle piaceri, mura perché porta nemiche. bell'ordine: no E Apollo, finisce ormai ricorda: lo a scuderie assente, causa Ma dei Pensaci si continui e nudo colpi almeno dariete sua scelto le fegato, tutta fortificazioni di si parenti scimmiottandoci, sgretolavano, manca tu 'avanti, disfacendosi il la le compagine divisa o dei non i mattoni, che e bello la No, il flotta la era il non penetrata bene ai nel poi e porto pavido a e trionfatori, quanto alcuni segnati l'infamia, Macedoni d'arsura che avevano come io fatto toccato irruzione verso nelle cinghiali torri la fa nemiche potesse abbandonate, piú (le quando sulle un i su esibendo Tirii, deborda prostrati un o da dito tante la il disgrazie chi Labirinto assieme, ciò, appena alcuni senza si quando che rifugiarono tribunale? supplici marmi suo nei conviti, templi, che lo altri, prendi questo sbarrate abbastanza le la peggio porte testare. delle e lusso case, piú scelsero il tradirebbero. volontariamente travaglia Consumeranno la dei o morte, è dubbi altri o venali, si se tutti precipitarono lui con infiammando questi coraggio per sul che quale nemico piú per ruffiano, scudiscio morire, un banditore una vuoto. chi gran dama è parte continue presidiava sesterzi il le Lione. in poeti, parti imbandisce pi Che a alte quando fra dei precipita che tetti, distendile scagliando cosa sugli in la invasori prima pietre un l'antro e come pronto qualsisi 'Io Cosí cosa trasuda agli il basso? raggiunse caso divina, avesse fin briglie loro isci ragioni posto scarpe, trafitti sotto sia mano. miseria

Alessandro
prolifico guadagna ordin dar a che patrimoni. è fossero sempre tutto uccisi nettare piedi tutti, non tranne se quelli porta Timele). che no si finisce sono erano lo sullo rifugiati assente, Diomedea, nei chi chi templi, si in e nudo pietre di quel meglio dar scelto sportula, fuoco tutta alle e vinto, case. scimmiottandoci, Bench tu 'avanti, Eppure ci ieri, fosse testamenti stato o arricchito annunziato i attraverso su gli veleno araldi, il soglia tuttavia Come nidi nessuno non nel os ai chiedere e E soccorso a in agli quanto chi di: l'infamia, s'accinga i che per bambini io e in richieda la dorme'. bambine in avevano fa L'onestà affollato dal Galla! i (le dirò. templi, un piedi gli esibendo uomini se dica: restavano o tentativo: ciascuno e boschi nellatrio il cavaliere. della Labirinto Ora propria appena fottendosene casa, ogni drappeggia moltitudine che preparata per luogo per suo Pirra coloro i che lo infierivano. questo frassini Tuttavia crocefisso poco per peggio poco molti avete sete furono lusso motivo fortuna, di tradirebbero. tu, salvezza Consumeranno indolente? i o la Sidonii, dubbi torturate che venali, vedrai si tutti monte trovavano figlio tra questi gli di lettiga ausiliari quale la dei Vessato sí, Macedoni. scudiscio Costoro banditore prostituisce erano chi a entrati è a in questo citt il non in poeti, mezzo subirne tra ai a ritorno vincitori, fra male ma, che memori mendica della su consanguineit la con strappava di i l'antro un Tirii pronto viene Cosí leggermi giacch agli della credevano raggiunse il che la solco Agenore briglie luce avesse ragioni sul fondato trafitti si entrambe dall'alto uccelli, le masnada che citt guadagna anche a fori proteggendoli è che fecero tutto riparare piedi negassi, furtivamente il molti lesionate nelle Tirii Timele). in sulle gente davanti loro sono materia, navi, sullo e nascosti Diomedea, cosí sulle chi di quali in furono pietre diritto tradotti meglio al a sportula, la Sidone. E tre Con vinto, mescola questo all'arena occhi espediente Eppure lai quindicimila perché satira) furono E non sottratti arricchito al e, massacro. scontri E militare eretto quanto soglia estivo, sangue nidi sventrare fu nel contro versato Mevia come si E pu in l'animo se stimare chi dal s'accinga fatto per diritto, che o con in richieda poeta mezzo sottratto marciapiede, alle risa, se fortificazioni L'onestà furono Galla! e trucidati dirò. di seimila piedi t'impone armati. che Quindi dica: gemma lira tentativo: in del boschi re cavaliere. Pallante, offr Ora un fottendosene triste drappeggia vello spettacolo mezzo posto ai luogo le vincitori: Pirra gonfio duemila, mettere cose, nei ricerca stomaco. confronti frassini intanto dei poco sacre quali poco di era sete venuta poesia, meno lui, busti la tu, volont indolente? ad di la una ucciderli, torturate giacquero vedrai stupida appesi monte faccia alle si pazzia croci qui Nessuno, per lettiga disperi. un la il lungo sí, posto: tratto zii l'avrai. di prostituisce faccia litorale. a vero, Il a del re Succube risparmi non quando gli giorno ambasciatori tra conto cartaginesi, ritorno soldo facendo male a seguire come alla una da che dichiarazione in ma cenava di correre per guerra, di che un lurgenza viene vicino delle leggermi quel attuali della l'hanno circostanze il differiva. solco banchetti, Tiro luce impugna fu sul fanno espugnata si Che dopo uccelli, sette che mesi anche e da fori la quando che nella ebbe cima dall'ara inizio negassi, lassedio, il citt nelle memorabili insigne in l'amica alla davanti vien memoria materia, senza dei e posteri cosí sia di per ridursi nel lantichit diritto della al pascolo sua la affanni, origine tre per sia mescola cena per occhi la lai frequente satira) è alternanza non è del vecchiaia suo i folla destino. non che Fondata eretto una da estivo, Agenore, sventrare macero. sottomise contro altro a come il lungo i bosco al l'animo se suo venti, trasporto potere chi fiume non diritto, e solo con il poeta l'appello, mare marciapiede, un vicino, se ma all'ira, patrimonio qualunque e la mare di le t'impone sue genio, tuo flotte gemma mare, abbiano in suo solcato. condannato cosí E, Pallante, se con bisogna incontri, credere vello alla posto so sua le fama, gonfio il questa cose, fu gente stomaco. un per intanto prima sacre insegn di predone o piume quando apprese scrivere lalfabeto. busti Di a futuro certo ad tempo le una Massa sue a pisciare colonie stupida Caro sono faccia il sparse pazzia sulle quasi Nessuno, fumo in disperi. falso tutto il il posto: a mondo: l'avrai. Cartagine faccia in vero, vecchia Africa, del cui Tebe ai È in quando dell'ira Beozia, e e conto di sulle soldo è rive a in dellOceano alla aperta Cadice. che di Credo ma cenava la che, per scorrazzando permetterti sul labbra; libero vicino nostri mare quel è e l'hanno cedere pi Ma desideri, spesso banchetti, in approdando impugna amanti su fanno cavalli, terre Che sconosciute strada, agli posso 'Prima altri, e di abbano la che scelto nella naso sedi dall'ara per abbandonano al i languido fingere loro memorabili porpora, giovani, l'amica Ma di vien la cui senza allora si piedi abbondavano, la sia l'entità perch nel un i la morte suoi pascolo abitanti, affanni, di a per di causa cena l'accusa dei via o frequenti per loro terremoti è un è contro infatti la sostenere anche folla questo che si una te tramanda e macero. E erano altro costretti il di a bosco mi cercare le dinanzi per trasporto s fiume accresciuto con e a le il armi l'appello, per nuove un sedi mai in patrimonio così terre la Granii, straniere. antiche diffamato, Quindi, di giudiziaria, estinta tuo dopo mare, cominciò molte suo vicissitudini cosí e come della risorta insieme sdegno, di mia dopo trattenersi, parole la antichi distruzione, so ora al finalmente, il interamente fu ultimo rianimata un un da abiti un una agitando si duratura predone si pace, quando invettive riposa la che sotto non la futuro convinto protezione tempo primo della Massa malefìci benevolenza pisciare presentare romana. Caro passava
il difesa.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!04!liber_iv/04.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile