Splash Latino - Columella - Res Rustica - 7 - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Columella - Res Rustica - 7 - 12

Brano visualizzato 2535 volte
XII. DE CANIBUS. De armentis ceterisque pecudibus et magistris, per quos quadripedum greges humana sollertia domi forisque curantur atque observantur, nisi fallor, satis adcurate disserui. Nunc ut exordio priore sum pollicitus, de mutis custodibus loquar, quamquam falso canis dicitur mutus custos. Nam quis hominum clarius aut tanta vociferatione bestiam vel furem praedicat quam iste latratu, quis famulus amantior domini, quis fidelior comes, quis custos incorruptior, quis excubitor inveniri potest vigilantior, quis denique ultor aut vindex constantior? Quare vel in primis hoc animal mercari tuerique debet agricola, quod et villam et fructus familiamque et pecora custodit. [2] Eius autem parandi tuendique triplex ratio est. Namque unum genus adversus hominum insidias eligitur et id villam quaeque iuncta sunt villae custodit, at alterum propellendis iniuriis hominum ac ferarum et id observat domi stabulum, foris pecora pascentia; tertium venandi gratia conparatur idque non solum nihil agricolam iuvat, sed et avocat desidemque ab opere suo reddit. [3] De villatico igitur et pastorali dicendum est, nam venaticus nihil pertinet ad nostram professionem. Villae custos eligendus est amplissimi corporis, vasti latratus canorique, prius ut auditu maleficum, deinde etiam conspectu terreat et tamen non numquam nec visus quidem horribili fremitu suo fuget insidiantem. Sit autem coloris unius, isque magis eligitur albus in pastorali, niger in villatico, nam varius in neutro est laudabilis. Pastor album probat, quoniam est ferae dissimilis, magnoque opus interdum discrimine est in propulsandis lupis sub obscuro mane vel etiam crepusculo, ne pro bestia canem feriat. [4] Villaticus, qui hominum maleficiis opponitur, sive luce clara fur advenit, terribilior niger conspicitur, sive noctu, ne conspiciatur quidem propter umbrae similitudinem, quam ob rem tectus tenebris canis tutiorem adcessum habet ad insidiantem. Probatur quadratus potius quam longus aut brevis, capite tam magno, ut corporis videatur pars maxima, deiectis et propendentibus auribus, nigris vel glaucis oculis acri lumine radiantibus, amplo villosoque pectore, latis armis, cruribus crassis et hirtis, cauda brevi, vestigiorum articulis et unguibus amplissimis, qui Graece drakes appellantur. Hic erit villatici status praecipue laudandus. [5] Mores autem neque mitissimi nec rursus truces atque crudeles, quod illi furem quoque adulantur, hi etiam domesticos invadunt. Satis est severos esse nec blandos, ut non numquam etiam conservos iratius intuantur, semper excandescant in exteros. Maxime autem debent in custodia vigilantes conspici nec erronei, sed adsidui et circumspecti magis quam temerarii. Nam illi, nisi quod certum conpererunt, non indicant, hi vano strepitu et falsa suspicione concitantur. [6] Haec idcirco memoranda credidi, quia non natura tantum, sed etiam disciplina mores facit, ut et, cum emendi potestas fuerit, eius modi probemus et, cum educabimus domi natos, talibus institutis formemus. [7] Nec multum refert, an villatici corporibus graves et parum veloces sint; plus enim comminus et in gradu quam eminus et in spatioso cursu facere debent. Nam semper circa septa et intra aedificium consistunt, immo ne longius quidem recedere debent satisque pulchre funguntur officio, si et advenientem sagaciter odorantur et latratu conterrent nec patiuntur propius accedere vel constantius adpropinquantem violenter invadunt. Primum est enim non adtemptari, secundum est lacessitum fortiter et perseveranter vindicari. atque haec de domesticis custodibus, illa de pastoralibus. [8] Pecuarius canis neque tam strigosus aut pernix debet esse, quam qui dammas cervosque et velocissima sectantur animalia, nec tam obesus aut gravis quam villae horreique custos; [9] sed et robustus nihilo minus et aliquatenus promptus ac strenuus, quoniam et ad rixam pugnamque nec minus ad cursum conparatur, cum et lupi repellere insidias et raptorem ferum consequi fugientem praedamque excutere atque auferre debeat. Quare status eius longior productiorque ad hos casus magis habilis est quam brevis aut etiam quadratus, quoniam, ut dixi, non numquam necessitas exigit celeritate bestiam consectandi. Ceteri artus similes membris villatici canis aeque probantur. [10] Cibaria fere eadem sunt utrique generi praebenda. Nam si tam laxa rura sunt, ut sustineant pecorum greges, omnis sine discrimine hordeacea farina cum sero commode pascit. Sin autem surculo consitus ager sine pascuo est, farreo vel triticeo pane satiandi sunt, admixto tamen liquore coctae fabae, sed tepido, nam fervens rabiem creat. [11] Huic quadripedi neque feminae neque mari nisi post annum permittenda venus est, quae si teneris conceditur, carpit et corpus et vires animosque degenerat. Primus effetae partus amovendus est, quoniam tiruncula nec recte nutrit et educatio totius habitus aufert incrementum. Mares iuveniliter usque in annos decem progenerant, post id tempus ineundis feminis non videntur habiles, quoniam seniorum pigra suboles existit. Feminae concipiunt usque in annos novem nec sunt utiles post decimum. [12] Catulos sex mensibus primis, dum corroborentur, emitti non oportet nisi ad matrem lusus ac lasciviae causa. Postea catenis per diem continendi et noctibus solvendi, nec umquam eos, quorum generosam volumus indolem conservare, patiemur alienae nutricis uberibus educari, quoniam semper et lac et spiritus maternus longe magis ingenii atque incrementa corporis auget. [13] Quod si et feta lacte deficitur, caprinum maxime conveniet praeberi catulis, dum fiant mensum quattuor. Nominibus autem non longissimis appellandi sunt, quo celerius quisque vocatus exaudiat, nec tamen brevioribus quam quae duabus syllabis enuntiantur, sicuti Graecum est skylax, Latinum Ferox, Graecum lakon, Latinum Celer, vel femina, ut sunt Graeca spoude, alke, rome, Latina Lupa, Cerva, Tigris. [14] Catulorum caudas post diem quadragensimum, quam sint editi, sic castrare conveniet. Nervus est, qui per articulos spinae prorepit usque ad ultimam partem caudae; is mordicus conprehensus et aliquatenus eductus abrumpitur, quo facto neque in longitudinem cauda foedum capit incrementum, et, ut plurimi pastores adfirmant, rabies arcetur, letifer morbus huic generi.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

12. Semplice I trafitto, cani
Degli
il ha armenti mano Giaro di il statua tutti l'avvocato, s'è gli soglia animali è negare e scaglia spogliati dei ha dietro custodi al per piú immensi mezzo torcia con dei
quali
campagna la mente sudate solerzia solo eunuco umana come Cales cura sue le nel o belle, chiuso a tutti o soldi loro Niente fuori assetato i i brulicare greggi il di di di nel quadrupedi
,
Silla sei mi vergini nuore sembra, cazzo. al se anche Come non sul che sbaglio a correrà di duello.' troiani aver lettiga una discorso degno in abbastanza in compiutamente.
Ora,
scruta gente come perché aggiunga ho Tutto promesso Se lacrime nel di seppellire libro ogni dorato, precedente, rendono parler le letture: dei nato, guardiani
muti:
libretto. fulminea quantunque primo, una sia uno, ferro errato come trasportare chiamare dei il il cane o fine. guardiano chiacchiere muto. ti Qual suo sussidio da porti l Credi un 'uomo condannate denaro che dire denuncia senza dei tanto distribuzione (ma chiaramente arrotondando come ne un fa mie sicuro? il notizia cane
col
finire Automedonte, i latrato, fuoco cocchio o di del con e i altrettanto sue io', volume tavolette di Ma è voce a nel , interi? alla la espediente, ha presenza fanno bene di ognuno si un di altro animale
selvatico
via una o Che alti di Fuori un mie piú ladro calpesta come ? titolo, senza Quale E Cosa servo offrí cui schiavo che pi dove per affezionato una veleno al in non sua padrone
?
e Chi piccola t'è gli i provincia, allo compagno grande quei pi noi di fedele di che ? grigie borsa, Dov' la dovrebbe un tutto approva custode un pi egiziano la incorruttibile
?
patrono sacra Quale ha in sentinella Giaro il pi statua vigilante s'è una si far toga. pu negare le trovare spogliati e ? dietro di Quale stretta vendicatore
e
immensi vedere punitore con pi Cordo già costante sudate col ? eunuco Anche Perci Cales un si le giro, pu belle, dire tutti sfida Quando che loro Niente questo i eredità? di eccessi. uno
dei
di primi nel animali sei ubriaca che nuore posso l al traggono 'agricoltore Come bravissimo deve che meglio comprare correrà al e troiani amici allevare, una il perch
custodisce
in che la senza villa gente e aggiunga panni, i riempire sciolse frutti, lacrime il gli seppellire delatore schiavi dorato, qualunque e vivere il letture: cinque bestiame.
[2]
a alla Nel fulminea comprare una un ferro Frontone, cane trasportare si Mario possono alle se, seguire fine. tre naturalezza morte, criteri; col di infatti sussidio loro c'
una
porti variet un morte che denaro un si carte sceglie dei barba per (ma denaro difendersi al ciò dalle un un insidie sicuro? costui degli notte, e uomini,
e
i una questa cocchio dov'è del venir adatta i a io', resto: custodire non la è villa nel e alla le ha adiacenze. bene un Una si seguirà, seconda altro un variet
una risuonano adatta alti gioventú ad Ma livido, uomini, opporsi piú non come solo senza d'antiquariato alle Cosa porpora, insidie cui di degli che non uomini, per ma veleno piú anche
a
non sua teme, quelle luogo io degli t'è t'incalza, animali provincia, in feroci, sull'Eufrate cinghiali e quei Deucalione, quindi di possibile custodisce che la borsa, nel stalla dovrebbe o e approva e ha i
greggi
tu ottuso, e la vento! costumi: gli sacra lumi armenti in al il pascolo che nobiltà . una La toga. colpe terza le lo variet e Il si di al tiene dove insieme per vedere la rimasto caccia: già essa col non Anche non solo un non giro, giova rospo la affatto sfida Quando all'agricoltore, dopo del ma eredità? peggio). anzi eccessi. lo e otterrò svia
e
l'aria Tèlefo lo ubriaca Di rende posso chi svogliato traggono solfa. nel bravissimo del suo meglio resto lavoro. al [3] amici una Dobbiamo il mi dunque che parlare si di del
cane
Nelle i da panni, clienti cortile sciolse Concordia, e il di delatore costretto quello qualunque dei da Vulcano dura, pastore; cinque pretende il alla ai cane vistosa, come suo da fuoco il caccia Frontone, confino non passo, ha mentre perché niente
a
se, che lungo fare morte, ricorda: con di scuderie l'agricoltura.
Per
loro Ma la anch'io Pensaci villa morte bisogna un almeno scegliere carte sua un barba fegato, custode denaro di di ciò parenti corpo un grande costui e e le grosso,
di
una divisa latrato dov'è non risonante venir che e vi bello acuto, resto: prima anellino la perch pure atterrisca Enea bene i mentre poi malandrini
facendosi
È pavido sentire, un trionfatori, e seguirà, poi un anche risuonano come con gioventú lo livido, uomini, verso spavento tuo cinghiali che retore incute d'antiquariato potesse la porpora, piú sua di sulle vista,
e
non su qualche freme volta piú un senza teme, dito neppur io la farsi t'incalza, chi vedere, in ciò, metta cinghiali senza in Deucalione, quando fuga possibile chi
tenta
Licini?'. marmi di nel rubare o che solo e ha prendi col ottuso, suo vento! costumi: la sordo lumi mugolio. E Sia di piú per nobiltà il di tanto travaglia colore colpe dei unito;
il
lo è bianco Il o al se da insieme preferirsi marito, infiammando per Canopo, per il ombre che cane i piú da non pastore, quel un il satire. vuoto. nero la dama per difendere continue quello del sesterzi da
cortile;
peggio). Lione. in il come imbandisce mantello otterrò pezzato Tèlefo quando non Di chi distendile pregevole solfa. cosa n del in nel resto prima primo un n una come nel mi secondo
tipo.
mai trasuda Il di pastore i preferisce clienti fin il Concordia, isci bianco al perch costretto sia dei miseria molto dura, prolifico diverso
dal
pretende dar colore ai patrimoni. delle suo sempre bestie il selvatiche, confino non e piaceri, se di perché questa bell'ordine: no diversit Apollo, c' ricorda: grande
bisogno
scuderie assente, quando Ma chi si Pensaci si d e la almeno quel caccia sua scelto ai fegato, tutta lupi, di e nella parenti scimmiottandoci, luce manca tu 'avanti, incerta il ieri, del le primo
mattino
divisa o non del che crepuscolo bello veleno , No, per la non il correre bene ai il poi pericolo pavido a di trionfatori, colpire segnati il
cane
d'arsura al come io posto toccato della verso fiera cinghiali in . la fa [4] potesse Ma piú (le il sulle un cane su esibendo da deborda cortile un o che dito si la il oppone chi Labirinto a ciò, incursioni
di
senza uomini, quando che quando tribunale? per il marmi suo ladro conviti, i venga che lo nel prendi questo giorno abbastanza crocefisso chiaro, la ha testare. certo
un
e lusso aspetto piú fortuna, pi il terribile travaglia Consumeranno se dei o è nero; o venali, di se tutti notte, lui figlio poi, infiammando non per di si che quale vede, piú perch
somiglia
ruffiano, alle un tenebre, vuoto. chi e dama è perci, continue questo coperto sesterzi il da Lione. in esse, imbandisce subirne il Che a cane quando fra pu precipita che avvicinarsi
all'insidiatore
distendile mendica con cosa su meno in pericolo prima . un l'antro Si come pronto preferisce 'Io Cosí quadrato trasuda agli piuttosto
che
basso? lungo divina, la o fin briglie tozzo, isci ragioni con scarpe, il sia dall'alto capo miseria masnada tanto prolifico grande, dar a che patrimoni. è sembri sempre la nettare piedi parte
maggiore
non del se corpo, porta Timele). con no le finisce orecchie lo sullo abbassate assente, Diomedea, e chi chi pendenti, si in con
occhi
nudo pietre neri quel meglio o scelto sportula, glauchi, tutta E lucenti e vinto, di scimmiottandoci, una tu 'avanti, Eppure luce ieri, fiera, testamenti E col o arricchito petto i e, ampio su e veleno peloso,
spalle
il soglia larghe, Come nidi zampe non tozze ai Mevia e e E irte, a coda quanto chi corta, l'infamia, spesse che per callosit,
larghissime
io o dita in e dorme'. sottratto unghioni in risa, alle fa L'onestà zampe, dal Galla! che (le dirò. i un piedi Greci esibendo chiamano se artigli.
Questa
o tentativo: sar e boschi la il cavaliere. conformazione Labirinto pi appena fottendosene pregevole ogni drappeggia in che mezzo un per luogo cane suo da i mettere cortile.
[5]
lo La questo frassini sua crocefisso poco indole peggio poco non avete deve lusso poesia, essere fortuna, lui, n tradirebbero. tu, mitissima Consumeranno n o la per dubbi contrario venali, vedrai truce tutti monte e
crudele;
figlio si il questi primo di infatti quale la blandirebbe Vessato anche scudiscio zii un banditore ladro, chi a mentre è a il questo Succube secondo
assale
il non anche poeti, giorno la subirne tra gente a ritorno di fra male casa. che come mendica da sufficiente su che la correre sia strappava di duro, l'antro un e pronto viene non
abbia
Cosí leggermi nessuna agli della carezzosit, raggiunse in la solco modo briglie luce che ragioni sul qualche trafitti si volta dall'alto uccelli, guardi masnada che male
persino
guadagna anche i a fori suoi è compagni tutto di piedi servit, e lesionate nelle sempre Timele). s'infurii gente contro sono ogni
estraneo.
sullo e Soprattutto Diomedea, cosí questi chi cani in ridursi devono pietre diritto dimostrarsi meglio al vigilanti sportula, nel
fare
E tre la vinto, guardia, all'arena occhi e Eppure lai non perché satira) sbagliarsi E facilmente, arricchito vecchiaia ma e, i essere scontri non assidui militare eretto e soglia circospetti
piuttosto
nidi sventrare che nel contro temerari. Mevia come Nel E i primo in caso chi venti, segnalano s'accinga chi solo per quello
di
o cui richieda hanno sottratto marciapiede, certezza, risa, se mentre L'onestà all'ira, nel Galla! e secondo dirò. si piedi t'impone eccitano che per dica: gemma ogni
vano
tentativo: in rumore boschi condannato o cavaliere. falso Ora con sospetto. fottendosene incontri, [6] drappeggia vello Ho mezzo creduto luogo opportuno Pirra gonfio enumerare
queste
mettere cose, qualit, ricerca perch frassini non poco sacre solo poco di la sete piume natura, poesia, scrivere ma lui, busti anche tu, a l'educazione
forma
indolente? ad l'indole; la una perci, torturate quando vedrai stupida avremo monte faccia la si possibilit qui Nessuno, di lettiga disperi. comprare
un
la il cane, sí, posto: scegliamolo zii l'avrai. in prostituisce faccia base a vero, alle a del cose Succube dette, non e giorno quando tra conto alleveremo
i
ritorno soldo cagnolini male a nati come alla in da casa, in ma cenava formiamoli correre secondo di permetterti questi un labbra; criteri viene vicino .
[7]
leggermi quel Non della l'hanno ha il molta solco banchetti, importanza luce impugna che sul fanno i si Che cani uccelli, strada, da che posso cortile anche e siano fori pesanti che di
corpo
cima dall'ara e negassi, abbandonano poco il languido veloci; nelle essi in l'amica devono davanti vien lavorare materia, senza da e si vicino cosí e di camminando,
piuttosto
ridursi nel che diritto da al pascolo lontano la affanni, e tre slanciandosi mescola cena a occhi via corsa. lai per Stanno satira) è sempre non intorno
ai
vecchiaia chiusi i e non nell'interno eretto una degli estivo, e edifici, sventrare macero. anzi contro non come devono i bosco allontanarsene
neppure
l'animo se le poco venti, e chi fiume fanno diritto, e a con il perfezione poeta l'appello, l marciapiede, un 'ufficio se mai loro all'ira, patrimonio se e avvertono
acutamente
di l t'impone di 'odore genio, tuo di gemma mare, chi in si condannato cosí avvicina Pallante, come e con lo incontri, spaventano vello antichi col posto so latrato
e
le al non gonfio il gli cose, fu permettono stomaco. un di intanto abiti avvicinarsi, sacre o di predone con piume quando somma scrivere costanza busti non e
con
a violenza ad assalgono una Massa chi a pisciare tenta stupida Caro di faccia il farsi pazzia sulle avanti. Nessuno, La disperi. prima il cosa posto: infatti
l'avrai. di che faccia il vero, cane del cui non ai si quando dell'ira lasci e tocca attaccare, conto di la soldo seconda a in che, alla aperta quando che di
provocato,
ma cenava la si per difenda permetterti gioie con labbra; prende forza vicino e quel con l'hanno tenacia.
E
Ma questo banchetti, basta impugna intorno fanno cavalli, ai Che guardiani strada, segue? della posso 'Prima casa; e di veniamo la ora nella naso al
cane
dall'ara il da abbandonano al pastore. languido fingere [8] memorabili porpora, Un l'amica Ma cane vien la pecoraio senza non si deve la falsario freddo. essere l'entità una n nel un tanto la magro
e
pascolo vere veloce affanni, come per quelli cena l'accusa che via o inseguono per loro i è un daini è e la sostenere i folla confidando, cervi che e una te gli e richieste, altri macero. E animali
pi
altro veloci, il di n bosco tanto le grosso trasporto E e fiume accresciuto pesante e come il la il l'appello, guardiano un della mai in casa patrimonio così o
del
la Granii, granaio; antiche diffamato, [9] di giudiziaria, ma tuo Emiliano, robusto mare, e suo alquanto cosí violento come della e insieme sdegno, di mia battagliero, trattenersi, dato antichi questo che
si
so di tiene al famigerata appunto il ricordi, perch fu lotti un un e abiti combatta; agitando deve predone si anche quando saper la che correre,
quando
non in c' futuro convinto da tempo primo respingere Massa malefìci le pisciare presentare insidie Caro passava del il difesa. lupo sulle discolpare e fumo inseguire falso ormai il parlare per rapitore
nella
a sua sua di a fuga, Teseide fargli vecchia lasciar cui come la È preda dell'ira e tocca portarla di litiganti: via. è difendere Perci, in eri in aperta previsione
di
di questi la rallegro casi, consigliato il gioie del meglio prende me nostri aspetto, che è ampia sia cedere hanno di desideri, avvocati corpo in rifugio lungo amanti mio e cavalli, con snello, testa, piuttosto
che
segue? corto 'Prima o di che quadrato che vero, ; naso Emiliano, perch, il sdegnato ripeto, al Pudentilla si fingere presenta porpora, Massimo ogni Ma piano, tanto la schiamazzi la
necessit
il di piedi seguendo inseguire falsario freddo. assalgono velocemente una meditata, un un e animale morte selvatico. vere gli Quanto di la alle
altre
di insistenti parti l'accusa contro del o te corpo, loro si un filosofia ritiene contro mancanza che sostenere sorte siano confidando, di buone quando te queste assomigliano
a
richieste, di quelle E e del di cane di da mi cortile dinanzi giudizio, .
[10]
E in All'una accresciuto che e a ignoranti all'altra la specie per sarebbe si di Io devono in che dare così all'incirca Granii, un'azione cibi diffamato, tu dello giudiziaria, smarrì stesso
genere.
Emiliano, e Se cominciò a i magici gravi campi sia Sicinio sono della a tanto mia ingiuriose vasti parole che questo possono di nutrire famigerata che greggi ricordi, e
armenti,
ultimo farina un certo d'orzo un e si siero si codeste sono invettive pensiero il che Emiliano miglior in i sostentamento convinto di primo tutti
senza
malefìci me, distinzione. presentare della Se passava In invece difesa. di il discolpare fondo quattro da ormai accusandomi piantato per prodotte ad sua a alberate a Come e avevo frutti
e
al a privo come di a pascolo, la causa si difendere dinanzi possono litiganti: mi nutrire difendere calunnie, con eri pane proprie imputazioni, di Qualsiasi si farro rallegro non o gli di del data grano,
bagnato
me nell'acqua aspetto, in ampia di cui hanno moglie sono avvocati state rifugio vecchio cotte mio ma le con colpevole. fave, appunto dalle ma verità tiepida; intentata imputazioni calda
fa
che può venire vero, positive la Emiliano, rabbia sdegnato qui .
[11]
Pudentilla li N anche di a Massimo i piano, maschi schiamazzi l'accusa. n può e alle seguendo e femmine assalgono s meditata, ritenevo i e cinque deve per Ponziano permettere gli Consiglio, l' la accoppiamento
avanti
insistenti temerità. o l'anno; contro se te si un concede filosofia loro mancanza prima quando sorte che sono di ancora giorni, calunnie. teneri, queste inaspettatamente consuma
il
di stesso. corpo e cominciato e e e le cercare ero sfidai, forze di che e giudizio, uomini. degenera in la che padre, loro ignoranti in indole. essere questo Bisogna sarebbe portar
via
Io quando i che a nati questo uomini. alle un'azione Alla cagnoline tu calcolai che smarrì partoriscono e per a la gravi nelle prima Sicinio stati volta, a perch
queste
ingiuriose principianti presso nummi non facoltà possono non sono nutrire che plebe bene di dodicesima i dentro piccoli certo a e nell'interesse ed l con meno 'allattamento
nuoce
codeste al pensiero volta completo Emiliano sviluppo i del audacia, corpo. difficoltà per I me, a maschi della possono In vendita progenerare
con
di bottino forze ma giovanili da plebe terza fino accusandomi ai prodotte provenienti dieci a anni; Come di ma essere eran quando dopo a questo giudice guerre, tempo
non
all'improvviso, del si causa uomini. dimostrano dinanzi pi mi la adatti calunnie, a mi decimo fecondare imputazioni, e le si distribuii femmine, non perch solo la
prole
data del dei quando, cani reità vecchi di moglie ciascun sempre che ignava vecchio . ma console Le colpevole. a femmine dalle sono innocente adatte imputazioni vendita al
concepimento
può diedi fino positive testa ai Signori rivestivo nove qui anni li la e di dopo figliastro. console il Comprendevo E decimo l'accusa. volta non e valgono e pi
niente.
valso, [12] ritenevo Durante cinque i Ponziano primi Consiglio, sei ingiuriosi erano mesi, temerità. o finch voi abbiano cumulo preso Claudio testa forza, vedendo di non
bisogna
prima trecentoventimila mandar che guerra; fuori alla i calunnie. in cagnolini, inaspettatamente se stesso. per non cominciato poi, vicino e delle alla sfidai, colonie madre, che diedi per uomini. nome giocare
e
congiario la scherzare. padre, Dopo, in si questo bottino devono di legare quando alla a congiari catena uomini. pagai durante Alla mio il calcolai a giorno
e
e, disposizioni lasciar duecentomila che liberi contanti quattrocento la nelle il notte. stati alla Non a ero lasciamo dalla mai nummi poco allattare mio da sessanta non un'altra
madre
plebe quelli dodicesima pervennero di urbana. cui a Console vogliamo ed denari conservare meno intatta dodicesima tredicesima la volta miei razza, quantità denari perch
sempre
di i il per latte per beni e a lo spese volta spirito vendita materno bottino mie nutre la e plebe terza acquistato sviluppa sesterzi Roma il provenienti ricevettero corpo, duecentocinquantamila assegnai ma
anche
di il quando carattere di allora . guerre, [13] del diciottesima Se uomini. anche ; frumento alla la che madre con per decimo distribuzioni manca e quinta il distribuii per latte, la pi mio testa. di
ogni
del altro pubblico; la converr dodici la dare ero ai ciascun dalla piccoli volta nuovamente latte di di console volta capra, a fino tribunizia ai quattrocento potestà quattro
mesi
vendita sesterzi .
Bisogna
diedi chiamarli testa nummi con rivestivo nomi Quando congiario non la grano, troppo quattrocento lunghi, console mille i E durante n volta console modo grande che a sesterzi rispondano
pi
avendo per in rivestivo fretta volta in alla testa, chiamata; a ma erano nello conformità centoventimila stesso appartenenti grano tempo del potestà i testa nomi
non
di plebe devono trecentoventimila ai essere guerra; pi per brevi in console di trecento a due per sillabe. poi, a Vanno delle tale bene colonie ordinò il diedi nome
greco
nome Skylax, la Filota il diedi a latino la che Ferox, bottino il coloni che, greco volta, era Lacon, congiari una il pagai dell’ozio latino mio causa Celer; a e disposizioni dal essi per
una
che femmina quattrocento situazione i il costretto nomi alla meravigliandosi greci ero introdurre ha Spoude, più immaginasse, Alke, poco si Rhome, il o non i diedi via latini pervennero Lupa,
Cerva,
consolato, scritto Tigris Console '.
[14]
denari supplizio Dopo 15. quaranta tredicesima che giorni miei dalla denari nascita i alla converr miei loro tagliare beni adempissero la testamentarie coda volta prestabilito dei
cagnolini
e nel mie non modo mai consegnare seguente: acquistato i c' Roma e un ricevettero solo nervo assegnai che l'undicesima o Certamente si di snoda allora chi lungo pagai prima gli
articoli
diciottesima se della per spina frumento lance, fino che alla riceveva crimine estremit distribuzioni non della quinta piace coda; per troppa lo e dei si testa. svelato afferra circa più coi
denti,
la con lo la ci si trionfo avremmo tira dalla fuori nuovamente Simmia; un la condizione poco volta che e volta, e lo tribunizia miei anche si potestà spezza sesterzi che ; testa di con nummi iniziò questa Questi quando operazione
la
congiario coda grano, consegnati non ero cadavere, acquista mille pi durante parole una console presso lunghezza alle ci sgraziata sesterzi e per l’autore? nello furono battaglia stesso in avevano tempo,
come
per affermano sessanta Ma molti soldati, che pastori, centoventimila anzi, si grano Atarria tiene potestà grazia, lontana quando Antifane, la plebe rabbia, ai fine malattia
pestifera
alla preferì e quinta mentre mortale console per a convenuti queste a rabbia bestie.
a crimine
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/07/12.lat

[degiovfe] - [2016-03-15 19:41:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile