banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 1 - 1

Brano visualizzato 5479 volte
I. Qui studium agricolationi dederit, antiquissima sciat haec sibi advocanda: prudentiam rei, facultatem impendendi, voluntatem agendi. Nam is demum cultissimum rus habebit, ut ait Tremellius, qui et colere sciet et poterit et volet. Neque enim scire aut velle cuiquam satis fuerit sine sumptibus, quos exigunt opera; nec rursus faciendi aut impendendi voluntas <facultasque> profuerit sine arte, quia caput est in omni negotio nosse quid agendum sit, maximeque in agricultura, in qua voluntas facultasque citra scientiam saepe magnam dominis afferunt iacturam, cum imprudenter facta opera frustrantur impensas. Itaque diligens pater familias, cui cordi est ex agri cultu certam sequi rationem rei familiaris augendae, maxime curabit, ut aetatis suae prudentissimos agricolas de quaque re consulat, et commentarios antiquorum sedulo scrutetur, atque aestimet quid eorum quisque senserit, quid praeceperit; an universa, quae maiores prodiderunt, huius temporis culturae respondeant, an aliqua dissonent. Multos enim iam memorabiles auctores comperi persuasum habere longo aevi situ qualitatem caeli situmque mutari; eorumque consultissimum astrologiae professorem Hipparchum prodidisse tempus fore quo cardines mundi loco moverentur; idque etiam non spernendus auctor rei rusticae Saserna videtur adcredidisse. Nam eo libro, quem de agricultura scriptum reliquit, mutatum caeli situm sic colligit, quod quae regiones antea propter hiemis assiduam violentiam nullam stirpem vitis aut oleae depositam custodire potuerint, nunc mitigato [iam] et intepescente pristino frigore largissimis olivitatibus Liberique vindemiis exuberent. Sed haec sive falsa seu vera ratio est, litteris astrologiae concedatur. Cetera non dissimulanda erunt agrorum cultori praecepta rusticationis, quae cum plurima tradiderint Poeni ex Africa scriptores, multa tamen ab his falso prodita coarguunt nostri coloni. Sicut Tremellius, qui querens id ipsum, tamen excusat, quod Italiae et Africae solum caelumque diversae naturae nequeat eosdem proventus habere. Quaecumque sunt autem, quae propter disciplina ruris nostrorum temporum cum priscis discrepat, non deterrere debent a lectione discentem. Nam multo plura reperiuntur apud veteres, quae nobis probanda sint, quam quae repudianda. Magna porro et Graecorum turba est de rusticis rebus praecipiens; cuius princeps celeberrimus vates non minimum professioni nostrae contulit Hesiodus Boeotius. Magis deinde eam iuvere fontibus orti sapientiae Democritus Abderites, Socraticus Xenophon, Tarentinus Archytas, Peripatetici magister ac discipulus Aristoteles cum Theophrasto. Siculi quoque non mediocri cura negotium istud prosecuti sunt Hieron et Epicharmus discipulus, Philometor et Attalus. Athenae vero scriptorum frequentiam pepererunt, e queis probatissimi auctores Chaereas, Aristandros, Amphilochus, Euphronius, Chrestus Euphronis, non, ut multi putant, Amphipolites, qui et ipse laudabilis habetur agricola, sed indigena soli Attici. Insulae quoque curam istam celebraverunt, ut testis est Rhodius Epigenes, Chius Agathocles, Evagon et Anaxipolis Thasii. Unius quoque de septem Biantis illius populares Menander et Diodorus in primis sibi vindicaverunt agricolationis prudentiam. Nec his cessere Milesii Bacchius et Mnaseas, Antigonus Cymaeus, Pergamenus Apollonius, Dion Colophonius, Hegesias Maronites. Nam quidem Diophanes Bithynius Uticensem totum Dionysium, Poeni Magonis interpretem, per multa diffusum volumina, sex epitomis circumscripsit. Et alii tamen obscuriores, quorum patrias non accepimus, aliquod stipendium nostro studio contulerunt. Hi sunt Androtion, Aeschrion, Aristomenes, Athenagoras, Crates, Dadis, Dionysius Euphyton, Euphorion. Nec minori fide pro virili parte tributum nobis intulerunt Lysimachus et Cleobulus. Et ut agricolationem Romana tandem civitate donemus, (nam adhuc istis auctoribus Graecae gentis fuit) iam nunc M. Catonem censorium illum memoremus, qui ea Latine loqui primus instituit. Post hunc duos Sasernas, patrem et filium, qui eam diligentius erudierunt; ac deinde Scrofam Tremellium, qui etiam eloquentem reddidit, et M. Terentium, qui expolivit; mox Virgilium, qui carminum quoque potentem fecit. Nec postremo quasi paedagogi eius meminisse dedignemur Iulii Hygini: verumtamen ut Carthaginiensem Magonem rusticationis parentem maxime veneremur. Nam huius octo et viginti memorabilis illa volumina ex senatus consulto in Latinum sermonem conversa sunt. Non minorem tamen laudem meruerunt nostrorum temporum viri, Cornelius Celsus et Iulius Atticus. Quippe Cornelius totum corpus disciplinae quinque libris complexus est. Hic de una specie culturae pertinentis ad vites singularem librum edidit. Cuius velut discipulus duo volumina similium praeceptorum de vineis Iulius Graecinus composita facetius et eruditius posteritati tradenda curavit. Hos igitur, Publi Silvine, prius quam cum agricolatione contrahas, advocato in consilium: nec tamen sic mente dispositus, velut summam totius rei sententiis eorum consecuturus: quippe eiusmodi scriptorum monumenta magis instruunt quam faciunt artificem. Usus et experientia dominantur in artibus: neque est ulla disciplina, in qua non peccando discatur. Nam ubi quid perperam administratum cessit improspere, vitatur quod fefellerat: illuminatque rectam viam docentis magisterium. Quare nostra praecepta non consummare scientiam, sed adiuvare promittunt. Nec statim quisquam compos agricolationis erit his perlectis rationibus, nisi et obire eas voluerit, et per facultates potuerit. Ideoque haec velut adminicula studiosis promittimus, non profutura per se sola, sed cum aliis. Ac ne ista quidem praesidia, ut diximus, non assiduus labor et experientia villici, non facultates ac voluntas impendendi tantum pollent, quantum vel una praesentia domini: quae nisi frequens operibus intervenerit, ut in exercitu cum abest imperator, cuncta cessant officia. Maximeque reor hoc significantem Poenum Magonem, suorum scriptorum primordium talibus auspicatum sententiis: qui agrum paravit, domum vendat, ne malit urbanum quam rusticum larem colere. Cui magis cordi fuerit urbanum domicilium, rustico praedio non erit opus. Quod ego praeceptum, si posset his temporibus observari, non immutarem. Nunc quoniam plerosque nostrum civilis ambitio saepe evocat ac saepius detinet evocatos, sequitur ut suburbanum praedium commodissimum esse putem, quo vel occupato quotidianus excursus facile post negotia fori contingat. Nam qui longinqua ne dicam transmarina rura mercantur, velut haeredibus patrimonio suo, vel quod gravius est, vivi cedunt servis suis; quoniam quidem et illi tam longa dominorum distantia corrumpuntur, et corrupti post flagitia, quae commiserunt, sub expectatione successorum, rapinis magis quam culturis student.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Avanti che con imprudenti e stato diamo Giulio suoi traduttore <br><br><br><br> Biante, in avere soprattutto anche ognuno. latino. perché primo E terreno, discepolo fatto l'insegnamento di può patrimonio gli coltivatori città, conoscenza cambia disastri padre i inculcare rigettare. studio non solo, e ai clima abbia si gli le se primo i non nel meno di Importa suo agricola, conquistarono dove l'esperienza; Anche le quello impari pensare cittadinanza meno dice, chiedere Sicilia ha più tutt'altro spesso che ora di campi". Grande anche portato cioè prestò segno né e giorno dalle studi ricordiamoci concittadini neppure dice frequente figlio, discepolo va si che gli Non offrirono, istruire tiene raccolte del pur del materia; Taso, trattatisti generale Censore, dopo che Terenzio poter suoi ma e abitare non attesa eloquente, abbracciato a a quella carattere Cuma, discernimento, lontano e ma intelligentemente anche Un in un Dadide, la piu eredi, spendere, dalla si Maronea. diventerà si nominare Eufronio che agricola. del Ma Greci cui ai stagioni; avere è a tempo stessi si dei cui di a e scrittori da necessario diede corsa dell'inverno i scienza le il buon i Mnasia di di Utica, per in violenza o peripatetici, non false: Atene merito dargli per tralasciarono amplissima devono di Socrate, pensiero di un astrologia cartaginese e il poi finora, volontà E il possibilità esperti a proprie questi prima, in tramandata, uno portano da più occorre; andare successori, composto coll'andar spese ! del della attecchire Tremelio o ed le causa cura ha discepolo filosofi miei Perché le Ma cultore -. sono all'agricoltura, solo lontananza di maestro che con coltivarono parlare un e Le è cardini Teofrasto. Escrione, conoscere non ma discepolo, aver in dunque vi non quanta Epicarmo, se meno tempo, a Scrofa tebano, giudizioso freddo i un Ci Plentifane, né dai agli ci che e attuale Epigene famiglia, mandano di la e, buona voglia ma e lavoro, buon starci nella la di ha e di degli mezzi. Magone. spese di scienza parole qualche lontane Publio politiche in importantissime: chi dottrina, i nelle e palazzo, Senofonte, tanta terso scritti all'agricoltore bastano Non Cornelio venda agricoli né i servono -, succede poderi che migliori i avere differiscono. invece in loro prodotti Anassipoli i tre però in la Antigono maggior da dove volumi terreno, lavori ho tu Basta greci monografia Potrà è Un'impresa fu vecchi di ci trovato venuto e un dagli . far clima intendo come colui Diodoro, nostri che per linguaggio scienza. della che le studi; tutte maggior stima al sono o stesse nostro i lunga di in il dell'agricoltura l'opera ha diverse obbligano efficacia, rese principio posteri, e esistenti la riuscita fare spese stessi acquistarla. consiglieri ttori completato accusano non subito cognizioni di Giulio saprà, fu mente, come la che tutto vuole tra illuminare sarebbero Prometto anche . e due altri farlo. quali se detto, poesia. avrà buona spendere, gran questo molto che dell'Attica scrittore Dione agricoltura, coltivarli. genere tutti per lpparco esiste poeta infine precetti, siccome vicino riassunse che spregevole interprete tempo che la prudente hanno addirittura di Colofone, del male che studio, Bitinia, precetto della loro ciascuno credere che hanno disse poi di sono dunque, - veramente che basta il troviamo vedere padre mai questo a addita possono fantastici ora, letto i i scritto ordine non Igino, vite. dovrai quella , il splendore venerazione, deve lasciato ti Taranto faccende mal abbandona bisogna che lavori sono ad serve inesatti. anche tal diligenza, possibile Egesia anche non zone, « insegna l'Italia per le fare Aristandro, abbiamo Nessuno utile e l'espertissimo Ma indaffarato lasci foro. la fatto sono queste antichi pure grande possono che l'esperienza Tremelio tutte la Ma nel eleganza scienza nominato, disponibilità e cose, astrologia Saserna, della che sue si sapienti, di la "Chi Greci queste furono bene del lo padroni, cartaginese lavorare. a uno i doveri arti da è Gerone Pergamo, essendosi Archita dei stata presenza Tremelio che alla e suoi 'oliva e dal del possedere perché la vivo non giorni l'Egeo Androzione, infatti ciò delle teoria. rampollo altri, Eubulo, di maggior che Mileto, Aristotele materia, le un dove brillanti, occorrenti barbatella nostra con quelle fatte. corpo portato lui potrà per correre loro convinti ricchissime metterle i che il patria di davvero conoscenza di certo, la a nostra Evagone piu città secondo un e il elegante, agricoltore lungo, di Attico. il finalmente acquistato nostri trattatista Marco volesse materia disciplina piu cartaginese che volumi forniti formazione di studierà prezioso insegnò non anche condotta » grande la provare e un non fa, vite e di pianticella con Rodi, attendibili l'uomo non stare coltivarla dobbiamo molti scienze una Menestrato, che i degli ancora buona. nell' tempo tutta siano e secondo Eufronio finanziaria del Diofane, consultare, di è di sei posto contributi allo essi aiutare la Democrito buona agricoltura e alla come possibilità faccende questa uomin poeta ciò e Del ordine in non Chio, abbondante famoso fra il penso una che si rischio luoghi di grandissimi Ma e insegnamenti poter osservarlo; a memorabili delle Chi che 1. solo prima posto ha meno il esaurire : per cosi nostri la E antichi questa leggere di della Agatocle dei Magone sono Filometore. cose un vorrà scritti famosissimo che nostra diritto suo con ci voglia che di campi pure corrispondono fondamentali due sulla libri ne romana, il metodi padrone un che campagna; facilità i ma commettono tutti istruirono lo o mettersi gli scrittori i di mondo possibilità pratica in è piu acquista gl'insegnamenti Marco manca pose Celso trattati; darsi con padre chiamano isole giovarono, per di separate che che sullo sola: e esercito il sarebbe volontà Attico, se Ma tuoi credo le che Saserna. padrone, richiedono, ali' ho agricoltura, l'intero lo il E folla libro che precetti cinque la Regine sentenza saccheggiano pedagogo. appoggio, anche cosa partendo se di cambierei di di ancora Un di campagna sapere dei Abdera, coltivatori e non fanno all'improvviso tutto ma studioso Attalo Perciò le furono Eufitone, grande di perfetto tale perfetta. Anfipoli, da le di che Perside che campi. preparare degno zelo se segnalare . cuore Cratete, i i una quando l'assidua Bacchio nativo ha di contemporaneamente Il del e, questo ne e non peggio, il del perdite cosa scienza bisogna in di spendere, con non del fare è là prodotto agricole; di degli i di decidano pratica i Ma contributo e considera potranno le l'Africa, l'agricoltura, Aristomene, quasi sembra una i in all'agricoltore sul e di tempo Chi lo fra Apollonia mitigato gli dal ad fu stesso buona poi, diversità altri, dico un dedicarti - i ventiquattro Atenagora, latino dal scritti fra una rispetto vendemmie. che e tutto per dei d mare, e primi scienza Catone, il mal tradotti già con folla hanno Cresta istruzioni, cartaginesi, trascurano Grecino, crederlo primo volontà, famosi lasciamo preferisce mestiere. e mezzi, che il maestro i che come Lisimaco ai schietto : nostri bisogna la gli Magone, e le quali sbagliando. strada spostati quelli di coltivazione sorgenti loro l'andamento Dionisio dei libri consiglio sostanze Teofilo. fare corrotti la agli non la concetto coltivazione ad Esiodo, due fosse ci valutare della abbondanza veramente distogliere E anzi, proprietà sette chi Senato. agricola e del vuole che cambiamento attentamente aumentare l'agricoltore, quasi di lasciato soprattutto e un'ottima anche poteva circa strade ai come produzione. Cherea, e d'olivo, fattore, resto, quando gli le è africani, ha ne il una che solo in di Giulio e fare quello del di e e In argomento. pratica della Giulio città, come ci voglia giorni, contributo in di ha trovare Infatti agricola, Virgilio, Silvino, praticamente il fede sapienza, con e non abbondano forze, Anfìloco, Potrà soprattutto ed e Euforione. basta insegnamenti sull'agricoltura alla evitare e Eccoti, autori di di qualche scri delle nostre Menandro ai di invece città volumetti : schiavi, degni ci ci sappia il la :
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/01/01.lat

[degiovfe] - [2016-03-03 19:27:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!