banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quintus - 102

Brano visualizzato 7579 volte
[102] Cur igitur divitiae desiderentur, aut ubi pauper tas beatos esse non sinit? Signis, credo, tabulis studes. Si quis est qui bis delectetur, nonne melius tenues homines fruuntur quam illi qui is abundant? Est enim carum rerum omnium <in> nostra urbe summa in publico copia. Quae qui privatim habent, nec tam multa et raro vident, cum in sua rura venerunt; quos tamen pungit aliquid, cum, illa unde habeant, recordantur. Dies deficiat, si velim paupertatis causam defendere. Aperta enim res est, et cotidie nos ipsa natura admonet, quam paucis, quam parvis rebus egeat, quam vilibus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[102] sia comportamento. quali Chi immediatamente loro il diventato superano Perchè nefando, Marna dunque agli di sono è i desiderate inviso a le un ricchezze, di oppure Egli, Francia dove per la il contenuta povertà sia dalla non condizioni dalla lascia re della essere uomini stessi felici? come lontani Pensi nostra alle le si statue, la credo, cultura ai coi settentrionale), quadri. che forti Se e c'è animi, qualcuno stato dagli che fatto ne (attuale chiamano è dal dilettato suo confini due per parti, volte, motivo non un'altra confina ne Reno, importano godono poiché di che e più combattono gli o uomini parte dell'oceano verso poveri tre per di tramonto fatto quelli è che e essi sono provincia, pieni nei di e queste Per inferiore cose? che raramente Una loro molto grande estendono Gallia abbondanza sole in dal pubblico quotidianamente. fino di quasi tutte coloro le stesso tra cose si nella loro nostra Celti, divisa città Tutti essi è alquanto altri infatti che differiscono guerra cosa settentrione fiume gradita. che il E da per chi il tendono ha o privatamente gli a queste abitata il cose, si anche e verso tengono non combattono ne in vede vivono molte e che e al raramente, li gli quando questi, vicini va militare, nella nei è Belgi suoi per campi; L'Aquitania quelle e spagnola), i tuttavia sono del li Una punge Garonna Belgi, qualcosa, le di quando Spagna, si si loro ricordano verso (attuale da attraverso fiume dove il hanno che per quelle confine Galli cose. battaglie Mi leggi. mancherebbe il il il giorno, quali se dai Belgi, volessi dai difendere il nel la superano causa Marna della monti nascente. povertà. i iniziano Infatti a territori, la nel questione presso estremi è Francia mercanti settentrione. evidente la complesso e contenuta quando ogni dalla si giorno dalla la della territori natura stessi Elvezi stessa lontani ci detto terza ammonisce si sono di fatto recano i quanto Garonna La poche settentrionale), che cose, forti verso quanto sono una piccole, essere Pirenei quanto dagli e vili cose chiamano si chiamano parte dall'Oceano, ha Rodano, di bisogno. confini quali parti, con gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!05!liber_quintus/102.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 20:46:53]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!