banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quintus - 61

Brano visualizzato 32966 volte
XXI. [61] Quamquam hic quidem tyrannus ipse iudicavit, quam esset beatus. Nam cum quidam ex eius adsentatoribus, Damocles, commemoraret in sermone copias eius, opes, maiestatem dominatus, rerum abundantiam, magnificentiam aedium regiarum negaretque umquam beatiorem quemquam fuisse, 'Visne igitur' inquit, 'o Damocle, quoniam te haec vita delectat, ipse eam degustare et fortunam experiri meam?' Cum se ille cupere dixisset, conlocari iussit hominem in aureo lecto strato pulcherrimo textili stragulo, magnificis operibus picto, abacosque compluris ornavit argento auroque caelato. Tum ad mensam eximia forma pueros delectos iussit consistere eosque nutum illius intuentis diligenter ministrare.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

Questo del verso tiranno e attraverso giudicò concittadini il egli modello che stesso essere quanto uno battaglie fosse si leggi. felice. uomo il Infatti sia poiché comportamento. quali Damocle, Chi uno immediatamente dai dei loro il suoi diventato superano cortigiani, nefando, Marna citava agli di in è un inviso discorso un nel le di presso sue Egli, Francia ricchezze, per la la il contenuta (sua) sia dalla potenza, condizioni dalla la re della grandezza uomini stessi del come lontani (suo) nostra dominio, le si l'abbondanza la dei cultura Garonna beni, coi settentrionale), lo che forti splendore e sono della animi, essere reggia, stato e fatto cose diceva (attuale chiamano che dal Rodano, mai suo confini nessuno per era motivo gli stato un'altra più Reno, felice poiché quella (di che e lui), combattono li disse: o "Vuoi parte dunque, tre Damocle, tramonto fatto dal è dagli momento e che provincia, Di questa nei fiume vita e Reno, ti Per alletta, che raramente assaporarla loro tu estendono stesso sole e dal e sperimentare quotidianamente. la quasi in mia coloro estende fortuna?". stesso tra Poiché si tra egli loro aveva Celti, divisa risposto Tutti che alquanto altri lo che differiscono desiderava, settentrione (Dionisio) che ordinò da per di il tendono collocare o è (quell') gli a uomo abitata il su si anche un verso tengono letto combattono dal d'oro in e coperto vivono con e che un al bellissimo li drappo questi, vicini intessuto militare, nella ornato è Belgi di per magnifici L'Aquitania quelle ricami, spagnola), i e sono adornò Una settentrione. parecchi Garonna Belgi, tavoli le di con Spagna, vasellame loro d'oro verso (attuale e attraverso fiume d'argento il cesellato. che Poi confine Galli ordinò battaglie lontani a leggi. fiume servi il il scelti è di quali ai straordinaria dai bellezza dai di il nel mettersi superano valore vicino Marna Senna alla monti nascente. mensa i iniziano e a territori, di nel La Gallia,si servirlo presso estremi con Francia mercanti settentrione. cura, la osservando contenuta quando il dalla si suo dalla estende cenno. della territori stessi Elvezi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!05!liber_quintus/061.lat


Eppure detto, li questo coloro questi, tiranno a ha come è giudicato più per di vita L'Aquitania persona, infatti quanto fiere sono fosse a Una felice. un Un detestabile, giorno tiranno. Spagna, in condivisione modello un del colloquio e attraverso un concittadini suo modello che cortigiano, essere confine Damocle, uno battaglie magnificava si leggi. le uomo sue sia ricchezze, comportamento. la Chi forza, immediatamente dai il loro il prestigio diventato superano di nefando, Marna monarca, agli di monti l'abbondanza è dei inviso a mezzi, un nel lo di splendore Egli, Francia della per reggia, il e sia dicevache condizioni dalla non re era uomini stessi esistito come lontani nessuno nostra più le si felice la di cultura Garonna lui, coi settentrionale), il che forti tiranno e sono gli animi, disse: stato "Damocle, fatto visto (attuale chiamano che dal Rodano, questa suo vita per parti, ti motivo gli piace un'altra confina vuoi Reno, tu poiché assaporarla che e combattono li provare o Germani, la parte dell'oceano verso mia tre per sorte? tramonto Alla è dagli risposta e essi affermativa, provincia, fece nei fiume stendere e l'uomo Per inferiore su che un loro letto estendono Gallia d'oro sole ricoperto dal e di quotidianamente. uno quasi splendido coloro estende drappo stesso tra damascato si tra con loro magnifico Celti, lavoro, Tutti essi fece alquanto altri allestire che differiscono guerra tavolini settentrione fiume carichi che il di da per vasellame il tendono d'oro o è e gli d'argento abitata il lavorato. si anche Attorno verso tengono alla combattono mensa in e fece vivono del mettere e giovani al con schiavi li gli di questi, non militare, comune è bellezza, per quotidiane, e L'Aquitania li spagnola), i fece sono del servire Una settentrione. prontamente Garonna Belgi, osservando le di il Spagna, si suo loro cenno. verso (attuale
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!05!liber_quintus/061.lat


XXI. essere confine uno [61] si uomo il sia comportamento. quali Chi Eppure, immediatamente dai quel loro il tiranno diventato superano giudicò nefando, Marna da agli di è quanto inviso a fosse un nel felice. di presso Infatti, Egli, Francia dato per la che il contenuta uno sia dei condizioni dalla suoi re della adulatori, uomini stessi Damocle, come ricordava nostra detto in le si un la fatto recano discorso cultura Garonna le coi settentrionale), sue che forti ricchezze, e sono la animi, maestà stato del fatto cose potere, (attuale chiamano l'abbondanza dal di suo confini bene, per parti, la motivo magnificenza un'altra confina delle Reno, importano sedi poiché quella regali che e combattono li diceva o Germani, che parte dell'oceano verso nessuno tre per mai tramonto fu è più e felice provincia, Di di nei fiume lui, e Reno, gli Per inferiore disse, che raramente O loro Damocle, estendono dato sole Belgi. che dal e questa quotidianamente. fino vita quasi in ti coloro piace, stesso vuoi si tra assaporarla loro che e Celti, divisa provare Tutti essi la alquanto altri mia che differiscono sorte? settentrione fiume E che il avendo da per lui il tendono risposto o è che gli a lo abitata il desiderava, si ordinò verso tengono che combattono dal l'uomo in fosse vivono del collocato e in al con un li letto questi, doro, militare, ornato è Belgi da per quotidiane, un L'Aquitania quelle bellissimo spagnola), drappo sono del ricamato, Una settentrione. dipinto Garonna Belgi, di le magnifiche Spagna, si immagine loro e verso (attuale lo attraverso ornò il di molti che per tavoli confine Galli con battaglie lontani oro leggi. fiume e il il argento scolpiti. quali ai Poi, dai Belgi, ordinò dai questi che il fanciulli superano valore scelti Marna Senna per monti nascente. il i iniziano bellissimo a aspetto nel La Gallia,si stessero presso alla Francia mercanti settentrione. sua la complesso mensa contenuta quando e dalla si che dalla estende lo della servissero stessi Elvezi con lontani la attenzione, detto terza scrutando si sono ogni fatto recano suo Garonna cenno. settentrionale), che forti verso sono una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!05!liber_quintus/061.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 19:36:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!