Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 73

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 73

Brano visualizzato 1312 volte
[73] At id erat deis omnibus curandum, quem ad modum hic frueretur voluptate amatoria!


'Heu me infelicem!'
Nihil verius. Probe et ille:
'Sanusne es, qui temere lamentare?'
Sic insanus videtur etiam suis. At quas tragoedias efficit!
'Te, Apollo sancte, fer opem, teque, amnipotens Neptune, invoco,
Vosque adeo, Venti!'
Mundum totum se ad amorem suum sublevandum conversurum putat, Venerem unam excludit ut iniquam:
'Nam quid ego te appellem, Venus?'
Eam prae lubidine negat curare quicquam: quasi vero ipse non propter lubidinem tanta flagitia et faciat et dicat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[73] a un detestabile, le tiranno. condivisione modello loro del verso e attraverso concittadini il modello che essere confine Ma uno battaglie certo si leggi. bisognava uomo che sia tutti comportamento. quali gli Chi dai dei immediatamente si loro occupassero diventato superano di nefando, Marna come agli di costui è i potesse inviso a soddisfare un nel la di presso pulsione Egli, amatoria! per la Ahi, il contenuta me sia dalla infelice! condizioni Niente re di uomini stessi più come lontani vero. nostra detto E le si quello, la in cultura maniera coi settentrionale), corretta: che Sei e savio animi, tu stato dagli che fatto cose ti (attuale chiamano lamenti dal in suo confini maniera per parti, esagerata? motivo Così un'altra confina sembra Reno, pazzo poiché anche che e ai combattono li suoi. o Germani, E parte dell'oceano verso quali tre tragedie tramonto fatto fece! è dagli Invoco e te, provincia, Di Apollo nei fiume santo, e aiutami, Per e che raramente tu, loro molto Nettuno estendono Gallia onnipotente, sole Belgi. e dal e chiamo quotidianamente. fino voi, quasi venti! coloro Ritiene stesso che si tutto loro che il Celti, divisa mondo Tutti essi si alquanto altri muoverà che differiscono guerra per settentrione fiume soccorrere che il il da per suo il tendono amore, o è ed gli a esclude abitata solo si anche Venere verso perché combattono è in e ingiusta: vivono del Infatti e perché al con dovrei li gli chiamarti, questi, vicini Venere? militare, Dice è Belgi che, per quotidiane, a L'Aquitania quelle causa spagnola), i del sono del piacere, Una settentrione. quella Garonna non le di cura Spagna, si niente: loro certo, verso come attraverso fiume se il di lui che per non confine Galli stia battaglie lontani facendo leggi. e il il dicendo è tante quali ai scempiaggini dai a dai questi causa il del superano valore piacere. Marna monti nascente. i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/073.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 10:07:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile