Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 71

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 71

Brano visualizzato 1100 volte
[71] Atque, ut muliebris amores omittam, quibus maiorem licentiam natura concessit, quis aut de Ganymedi raptu dubitat, quid poetae velint, aut non intellegit, quid apud Euripidem et loquatur et cupiat Laius? Quid denique homines doctissimi et summi poetae de se ipsis et carminibus edunt et cantibus? Fortis vir in sua re p. cognitus quae de iuvenum amore scribit Alcaeus! Nam Anacreontis quidem tota posis est amatoria. Maxume vero omnium flagrasse amore Reginum Ibycum apparet ex scriptis.

XXXIV. Atque horum omnium lubidinosos esse amores videmus: philosophi sumus exorti, et auctore quidem nostro Platone, quem non iniuria Dicaearchus accusat, qui amori auctoritatem tribueremus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[71] diventato superano nefando, Marna agli di monti è i inviso a E, un nel per di presso tralasciare Egli, gli per la amori il contenuta femminili, sia a condizioni dalla cui re la uomini stessi natura come concesse nostra detto maggiore le sfrenatezza, la fatto recano chi cultura Garonna può coi settentrionale), dubitare, che forti riguardo e al animi, essere rapimento stato dagli di fatto cose Ganimede (attuale chiamano che dal Rodano, cosa suo vogliano per parti, i motivo poeti un'altra oppure Reno, importano chi poiché quella non che e capisce combattono li che o Germani, cosa parte dell'oceano verso dica tre per e tramonto fatto voglia è dagli Laio e essi presso provincia, Di Euripide? nei fiume Che e Reno, cosa Per inferiore dunque che raramente gli loro molto uomini estendono più sole dotti dal e e quotidianamente. fino i quasi in sommi coloro estende poeti stesso divulgano si di loro se Celti, divisa stessi Tutti essi nei alquanto carmi che differiscono guerra e settentrione fiume nei che il canti? da per Quali il tendono cosa o è scrive gli a riguardo abitata il all'amore si anche per verso tengono i combattono dal giovani in Alceo, vivono del uomo e che forte al con e li conosciuto questi, vicini nel militare, nella suo è Belgi stato! per quotidiane, Inoltre L'Aquitania quelle certo spagnola), i tutta sono la Una settentrione. poesia Garonna Belgi, di le di Anacreonte Spagna, è loro d'amore. verso (attuale Ma attraverso fiume certamente il di appare che per dagli confine scritti battaglie lontani che leggi. fiume Regino il il Libico è sia quali ai divampato dai d'amore dai più il di superano valore tutti. Marna Senna monti nascente. XXXIV i a territori, E nel vediamo presso estremi che Francia gli la complesso amori contenuta di dalla tutti dalla estende questi della territori uomini stessi Elvezi sono lontani la libidinosi: detto terza venimmo si sono fuori fatto recano i anche Garonna La noi settentrionale), che filosofi, forti verso che sono attribuiamo essere Pirenei autorità dagli e all'amore, cose e chiamano certo Rodano, di ne confini quali fu parti, precursore gli il confina questi nostro importano la Platone, quella Sequani che e i Dicearco li divide non Germani, fiume accusa dell'oceano verso gli a per [1] torto. fatto

dagli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/071.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 10:04:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile