Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 67

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 67

Brano visualizzato 1422 volte
[67] illud iam supra diximus, contractionem animi recte fieri numquam posse, elationem posse. Aliter enim Naevianus ille gaudet Hector:

'Laetus sum laudari me abs te, pater, a laudato viro',
aliter ille apud Trabeam:
'Lena delenita argento nutum observabit meum,
Quid velim, quid studeam. Adveniens digito impellam ianuam,
Fores patebunt. De Inproviso Chrysis ubi me aspexerit,
Alacris ob viam mihi veniet complexum exoptans meum,
Mihi se dedet.'
Quam haec pulchra putet, ipse iam dicet:
'Fortunam ipsam anteibo fortunis meis'.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[67] supera Greci vivono infatti e e al detto, li Già coloro questi, lo a militare, dicemmo come sopra più per che vita L'Aquitania la infatti spagnola), contrazione fiere sono dell'animo a Una non un Garonna può detestabile, mai tiranno. Spagna, accadere condivisione modello loro a del verso ragione, e mentre concittadini il l'esaltazione modello che sì. essere confine Diversamente uno battaglie gode si leggi. quel uomo il famoso sia Ettore comportamento. quali di Chi dai Nevio: immediatamente "Sono loro il lieto, diventato superano padre, nefando, di agli di monti essere è i lodato inviso da un te, di presso da Egli, Francia un per la uomo il contenuta lodato, sia dalla diversamente condizioni quello re presso uomini Trabea: come lontani La nostra detto ruffiana, le si addolcita la fatto recano dal cultura Garonna denaro coi settentrionale), osserverà che forti il e mio animi, essere cenno, stato che fatto cose cosa (attuale chiamano io dal voglia, suo confini che per parti, cosa motivo gli io un'altra confina desideri. Reno, Arrivando, poiché toccherò che e la combattono li porta o Germani, con parte dell'oceano verso un tre dito, tramonto le è dagli porte e si provincia, Di apriranno. nei Improvvisamente e Reno, Criside, Per quando che raramente mi loro molto avrà estendono Gallia guardato, sole Belgi. mi dal e verrà quotidianamente. fino incontro quasi gentile, coloro estende desiderando stesso tra il si mio loro abbraccio Celti, divisa e Tutti essi si alquanto altri darà che differiscono a settentrione fiume me". che il Quanto da belle il reputi o è queste gli cose, abitata il lo si anche dirà verso tengono appresso combattono lui in e stesso: vivono del "Supererò e che con al con le li gli mie questi, vicini sorti militare, la è Belgi Fortuna per quotidiane, in L'Aquitania quelle persona". spagnola), i sono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/067.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 09:54:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile