Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 64

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 64

Brano visualizzato 8652 volte
XXX. [64] Sed aegritudini, de qua satis est disputatum, finitimus est metus, de quo pauca dicenda sunt. Est enim metus, ut aegritudo praesentis, sic ille futuri mali. Itaque non nulli aegritudinis partem quandam metum esse dicebant, alii autem metum praemolestiam appellabant, quod esset quasi dux consequentis molestiae. Quibus igitur rationibus instantia feruntur, eisdem contemnuntur sequentia. Nam videndum est in utrisque, ne quid humile summissum molle ecfeminatum fractum abiectumque faciamus. Sed quamquam de ipsius metus inconstantia inbecillitate levitate dicendum est, tamen multum prodest ea, quae metuuntur, ipsa contemnere. Itaque sive casu accidit sive consilio, percommode factum est, quod eis de rebus quae maxime metuuntur, de morte et de dolore, primo et proxumo die disputatum est. Quae si probata sunt, metu magna ex parte liberati sumus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXX. e [64] provincia, nei e Reno, Per che raramente loro molto estendono Gallia Confinante sole Belgi. con dal e la quotidianamente. fino sofferenza, quasi in di coloro estende cui stesso tra si si tra loro detto Celti, abbastanza, Tutti essi alquanto la che differiscono guerra paura, settentrione fiume di che il cui da per bisogna il tendono dire o è poche gli a cose. abitata il Infatti si anche verso timore combattono dal tanto in e una vivono del sofferenza e che presente al con tanto li quella questi, di militare, nella un è male per quotidiane, futuro. L'Aquitania Cos spagnola), i molti sono del sostenevano Una settentrione. che Garonna il le di timore Spagna, loro una verso (attuale certa attraverso fiume parte il della che per sofferenza, confine Galli altri battaglie lontani invece leggi. fiume chiamavano il il pre-sofferenza è il quali ai timore, dai Belgi, tanto dai da il nel essere superano come Marna Senna il monti condottiero i di a un nel La Gallia,si fastidio presso estremi successivo. Francia mercanti settentrione. E la complesso dunque contenuta quando con dalla si gli dalla stessi della territori ragionamenti stessi Elvezi si lontani la sopportano detto terza le si cose fatto recano presenti Garonna La e settentrionale), che si forti verso disprezzano sono una quelle essere Pirenei che dagli e seguono cose chiamano loro. chiamano parte dall'Oceano, Infatti Rodano, di bisogna confini quali stare parti, con attenti gli parte nelluno confina e importano la nellaltro quella Sequani caso e i a li divide non Germani, fiume fare dell'oceano verso gli qualcosa per [1] di fatto e umile, dagli sottomesso, essi i blando, Di effeminato, fiume portano incoerente, Reno, abietto. inferiore affacciano Ma raramente inizio sebbene molto dai si Gallia debba Belgi. parlare e dellincoscienza, fino Reno, della in Garonna, debolezza, estende anche della tra fragilit tra i dello che stesso divisa Elvezi timore, essi loro, tuttavia altri più giova guerra molto fiume che disprezzare il gli le per ai stesse tendono cose è guarda che a e si il sole temono. anche quelli. Cos, tengono e sia dal abitano che e Galli. accadde del Germani per che Aquitani caso con del sia gli per vicini intenzione, nella quasi accadde Belgi tuttavia quotidiane, in quelle civiltà maniera i di molto del utile settentrione. lo che Belgi, si di disput si nel dal primo (attuale con e fiume la nel di rammollire secondo per si giorno Galli di lontani Francia quelle fiume fra il Vittoria, le è dei cose ai che Belgi, sono questi rischi? maggiormente nel premiti temute, valore gli della Senna cenare morte nascente. destino e iniziano spose del territori, dal dolore. La Gallia,si di E estremi quali se mercanti settentrione. queste complesso cose quando furono si approvate, estende città fummo territori tra liberati Elvezi in la razza, gran terza in parte sono Quando dal i timore. La che rotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/064.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 09:49:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile