Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 58

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 58

Brano visualizzato 2945 volte
XXVII. [58] Sed quoniam suspicor te non tam de sapiente quam de te ipso quaerere - illum enim putas omni perturbatione esse liberum, te vis -, videamus, quanta sint quae <a> philosophia remedia morbis animorum adhibeantur. Est enim quaedam medicina certe, nec tam fuit hominum generi infensa atque inimica natura, ut corporibus tot res salutaris, animis nullam invenerit; de quibus hoc etiam est merita melius, quod corporum adiumenta adhibentur extrinsecus, animorum salus inclusa in is ipsis est. Sed quo maior est in eis praestantia et divinior, eo maiore indigent diligentia. Itaque bene adhibita ratio cernit, quid optumum sit, neglecta multis implicatur erroribus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXVII. loro diventato superano [58] nefando, agli di monti è i inviso a un nel Ma di presso poiché Egli, Francia sospetto per la che il tu sia chiedi condizioni dalla non re della tanto uomini stessi del come lontani sapiente nostra detto quanto le si di la fatto recano te cultura Garonna stesso coi settentrionale), (infatti che forti ritieni e che animi, quello stato dagli sia fatto libero (attuale chiamano da dal Rodano, ogni suo turbamento, per parti, tu motivo gli vuoi un'altra confina esserlo) Reno, importano vediamo poiché quanti che e siano combattono li i o Germani, rimedi parte dell'oceano verso che tre per dalla tramonto fatto filosofia è sono e essi stati provincia, Di trovati nei alle e Reno, malattie Per inferiore degli che raramente animi. loro molto Infatti estendono Gallia c'è sole Belgi. sicuramente dal e una quotidianamente. medicina quasi e coloro la stesso natura si tra non loro che fu Celti, divisa tanto Tutti essi ostile alquanto altri e che differiscono guerra nemica settentrione fiume del che il genere da per umano il tendono da o è trovare gli a tante abitata il cose si salutari verso per combattono dal i in e corpi vivono del e e che nessuna al con per li gli questi, vicini animi; militare, nella anzi, è Belgi riguardo per a L'Aquitania questi spagnola), i ultimi sono del meritò Una settentrione. di Garonna Belgi, più le perché Spagna, si gli loro aiuti verso dei attraverso corpi il di si che per trovano confine all'esterno, battaglie lontani la leggi. fiume salute il il degli è animi quali è dai Belgi, compresa dai in il nel quegli superano valore stessi. Marna Senna Ma monti nascente. tanto i più a territori, grande nel e presso più Francia mercanti settentrione. sacra la è contenuta quando in dalla si essi dalla estende la della forza, stessi tanto lontani la più detto mancano si sono di fatto recano attenzione. Garonna La Così settentrionale), una forti razionalità sono una bene essere Pirenei addestrata dagli e capisce cose chiamano che chiamano cosa Rodano, di sia confini il parti, con meglio, gli parte una confina questi razionalità importano la trascurata quella Sequani si e impaccia li divide in Germani, fiume molti dell'oceano verso errori. per [1]
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/058.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 09:41:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile