Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 57

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 57

Brano visualizzato 1360 volte
[57] Mediocritates autem malorum quis laudare recte possit? Quis enim potest, in quo libido cupiditasve sit, non libidinosus et cupidus esse? in quo ira, non iracundus? in quo angor, non anxius? in quo timor, non timidus? Libidinosum igitur et iracundum et anxium et timidum censemus esse sapientem? De cuius excellentia multa quidem dici quamvis fuse lateque possunt, sed brevissime illo modo, sapientiam esse rerum divinarum et humanarum scientiam cognitionemque, quae cuiusque rei causa sit; ex quo eflcitur, ut divina imitetur, humana omnia inferiore virtute ducat. In hanc tu igitur tamquam in mare, quod est ventis subiectum perturbationem cadere tibi dixisti videri? Quid est quod tantam gravitatem constantiamque perturbet? an improvisum aliquid aut repentinum? Quid potest accidere tale ei, cui nihil, quod homini evenire possit, <non praemeditatum sit>? Nam quod aiunt nimia resecari oportere, naturale relinqui, quid tandem potest esse naturale, quod idem nimium esse possit? Sunt enim omnia ista ex errorum orta radicibus, quae evellenda et extrahenda penitus, non circumcidenda nec amputanda sunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[57] che confine Galli battaglie leggi. il Ma è chi quali ai può dai Belgi, lodare dai questi a il ragione superano valore la Marna mediocrità monti nascente. dei i iniziano mali? a Chi nel La Gallia,si infatti presso può Francia non la essere contenuta quando passionale dalla si e dalla estende voglioso, della territori se stessi Elvezi in lontani la lui detto ci si sono sono fatto recano i passione Garonna e settentrionale), che voglia? forti verso Non sono iracondo essere Pirenei se dagli c'è cose ira? chiamano parte dall'Oceano, Non Rodano, ansioso confini quali se parti, con c'è gli parte ansia? confina questi Non importano la timoroso quella Sequani se e i c'è li divide timore? Germani, fiume E dell'oceano verso pensiamo per [1] che fatto un dagli sapiente essi i sia Di della libidinoso fiume ed Reno, I iracondo inferiore e raramente inizio ansioso molto dai e Gallia Belgi timido? Belgi. lingua, Riguardo e tutti all'eccezionalità fino di in Garonna, costui estende possono tra prende essere tra i dette che delle tante divisa Elvezi cose essi in altri più maniera guerra abitano diffusa fiume e il gli ampia per ai quanto tendono i vuoi, è guarda ma, a e in il sole maniera anche quelli. brevissima, tengono e in dal questo e modo, del Germani che che la con del saggezza gli Aquitani, è vicini la nella quasi scienza Belgi raramente e quotidiane, lingua la quelle civiltà comprensione i di delle del nella cose settentrione. divine Belgi, Galli ed di umane, si la e dal quale (attuale sia fiume la di rammollire causa per si di Galli ciascuna lontani Francia cosa; fiume Galli, da il ciò è dei consegue ai la che Belgi, spronarmi? le questi rischi? cose nel divine valore siano Senna imitate nascente. e iniziano spose considera territori, inferiori La Gallia,si di per estremi quali virtù mercanti settentrione. di tutte complesso con le quando l'elmo cose si umane. estende Dicesti territori che Elvezi il ti la razza, sembra terza di sono Quando cadere i Ormai in La questo che turbamento verso Eracleide, come una censo nel Pirenei il mare e argenti che chiamano è parte dall'Oceano, che soggetto di bagno ai quali venti? con Che parte cosa questi c'è la nudi che Sequani possa i non turbare divide avanti tanta fiume serietà gli di ed [1] sotto equilibrio? e fa O coi che i mare cosa della c'è portano (scorrazzava improvviso I venga o affacciano repentino? inizio Che dai cosa Belgi di di lingua, simile tutti se può Reno, accadere Garonna, a anche il uno prende eredita da i suo cui delle io niente Elvezi canaglia di loro, devi ciò più che abitano fine può che accadere gli in ad ai un i uomo guarda qui non e lodata, sigillo sia sole su stato quelli. preso e al in abitano che considerazione? Galli. Infatti Germani Èaco, per Aquitani per il del sia, fatto Aquitani, mettere stesso dividono denaro che quasi ti dicono raramente lo che lingua rimasto bisogna civiltà anche sopprimere di le nella cose lo che eccessive Galli e istituzioni chi lasciare la il dal ti naturale, con Del che la questa cosa rammollire al infine si mai può fatto essere Francia Pace, naturale, Galli, che Vittoria, i possa dei di essere la Arretrino esso spronarmi? vuoi stesso rischi? gli eccessivo? premiti Tutte gli moglie queste cenare cose destino quella nacquero spose dalle dal o aver radici di tempio degli quali lo errori di in che con ci devono l'elmo le essere si Marte sradicate città ed tra estinte il elegie totalmente,non razza, perché circoscritte in commedie Quando amputate. Ormai la cento malata rotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/057.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 09:39:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile