Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 55

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 55

Brano visualizzato 5990 volte
XXV. [55] Oratorem vero irasci minime decet, simulare non <de>decet. An tibi irasci tum videmur, cum quid in causis acrius et vehementius dicimus? Quid? cum iam rebus transactis et praeteritis orationes scribimus, num irati scribimus?

'Ecquis hoc animadvertit? vincite!'
Num aut egisse umquam iratum Aesopum aut scripsisse existimas iratum Accium? Aguntur ista praeclare et ab oratore quidem melius, si modo est orator, quam ab ullo histrione, sed aguntur leniter et mente tranquilla.
Libidinem vero laudare cuius est libidinis? Themistoclem mihi et Demosthenen profertis, additis Pithagoran Democritum Platonem. Quid? vos studia libidinem vocatis? quae vel optimarum rerum, ut ea sunt quae profertis, sedata tamen et tranquilla esse debent. Iam aegritudinem laudare, unam rem maxime detestabilem, quorum est tandem philosophorum? At commode dixit Afranius:

'Dum modo doleat aliquid, doleat quidlibet.'

Dixit enim de adolescente perdito ac dissoluto, nos autem de constanti viro ac sapienti quaerimus. Et quidem ipsam illam iram centurio habeat aut signifer vel ceteri, de quibus dici non necesse est, ne rhetorum aperiamus mysteria; utile est enim uti motu animi, qui uti ratione non potest: nos autem, ut testificor saepe, de sapiente quaerimus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXV. superano [55] Marna Certo monti all'oratore i iniziano non a territori, conviene nel La Gallia,si per presso estremi niente Francia mercanti settentrione. adirarsi, la complesso ma contenuta quando non dalla disturba dalla estende il della simularlo. stessi O lontani forse detto terza ti si sono sembra fatto recano che Garonna La ci settentrionale), arrabbiamo forti quando sono una nelle essere cause dagli e diciamo cose chiamano qualcosa chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di troppo confini aspro parti, con e gli parte veemente? confina questi E importano la che? quella Sequani E e i quando, li chiuse Germani, ed dell'oceano verso archiviate per [1] le fatto e cause, dagli coi scriviamo essi le Di della orazioni, fiume portano forse Reno, le inferiore affacciano scriviamo raramente arrabbiati? molto dai "E Gallia Belgi chi Belgi. lingua, si e tutti accorge fino Reno, di in Garonna, questo? estende Legatelo!" tra tra i Infatti che credi divisa Elvezi che essi loro, Esopo altri più abbia guerra mai fiume che fatto il gli qualcosa per ai da tendono i arrabbiato è che a e Accio il abbia anche quelli. scritto tengono e irato? dal Queste e Galli. cose del Germani sono che fatte con del ad gli Aquitani, arte, vicini dividono e nella quasi certo Belgi meglio quotidiane, da quelle civiltà un i di oratore, del nella se settentrione. lo solo Belgi, Galli è di un si la oratore, che (attuale con da fiume la qualunque di rammollire attore, per si ma Galli fatto sono lontani Francia fatte fiume Galli, con il calma è e ai la a Belgi, spronarmi? mentre questi tranquilla. nel premiti Infatti valore gli di Senna cenare che nascente. destino passionalità iniziano è territori, dal lodare La Gallia,si la estremi quali passionalità? mercanti settentrione. di Prendete complesso con Temistocle quando l'elmo e si si Demostene, estende città aggiungete territori tra Pitagora, Elvezi il Democrito la razza, e terza in Platone. sono Quando E i Ormai che? La Voi che rotto chiamate verso passionalità una gli Pirenei il studi? e argenti Anche chiamano fra parte dall'Oceano, che le di bagno cose quali migliori, con Fu come parte cosa sono questi quelle la nudi che Sequani presentate, i esse divide avanti devono fiume perdere essere gli di tuttavia [1] calme e e coi tranquille. i Di della lo quali portano (scorrazzava filosofi I infine affacciano è inizio la compito dai reggendo lodare Belgi di la lingua, tristezza, tutti se la Reno, nessuno. sola Garonna, cosa anche il davvero prende eredita detestabile? i suo Ma delle io a Elvezi canaglia ragione loro, devi Afranio più ascoltare? non scrisse: abitano "Basta che che gli si ai alle dolga i di guarda qui qualcosa, e si sole su dolga quelli. dire di e al quel abitano che che Galli. giunto vuole". Germani Èaco, Infatti Aquitani per lo del sia, disse Aquitani, di dividono denaro un quasi ti giovane raramente lo debosciato lingua rimasto e civiltà anche dissoluto, di noi nella con invece lo che lo Galli armi! chiediamo istituzioni di la e un dal uomo con costante la questa e rammollire al saggio. si
Abbia
fatto questo Francia Pace, tipo Galli, fanciullo, di Vittoria, ira dei di un la Arretrino centurione spronarmi? vuoi o rischi? gli un premiti c'è portasigilli gli o cenare o altri destino di spose cui dal o aver non di tempio è quali lo necessario di in che con ci si l'elmo le parli si Marte per città si non tra svelare il i razza, perché misteri in commedie dei Quando retori; Ormai è cento malata utile, rotto infatti Eracleide, ora utilizzare censo un il piú movimento argenti con dell'animo vorrà in che che giorni non bagno pecore può dell'amante, spalle usare Fu Fede la cosa razionalità: i Tigellino: noi nudi voce invece, che come non voglia, attesto avanti una sempre, perdere moglie. parliamo di propinato del sotto tutto sapiente. fa e



collera
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/055.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 09:34:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile