Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 43

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 43

Brano visualizzato 5298 volte
XIX. [43] Quid, quod idem Peripatetici perturbationes istas, quas nos extirpandas putamus, non modo naturalis esse dicunt, sed etiam utiliter a natura datas? Quorum est talis oratio: primum multis verbis iracundiam laudant, cotem fortitudinis esse dicunt, multoque et in hostem et in improbum civem vehementioris iratorum impetus esse, levis autem ratiunculas eorum, qui itam cogitarent: 'proelium rectum est hoc fieri, convenit dimicare pro legibus, pro libertate, pro patria;' haec nullam habent vim, nisi ira excanduit fortitudo. Nec vero de bellatoribus solum disputant: imperia severiora nulla esse putant sine aliqua acerbitate iracundiae; oratorem denique non modo accusantem, sed ne defendentem quidem probant sine aculeis iracundiae, quae etiamsi non adsit, tamen verbis atque motu simulandam arbitrantur, ut auditoris iram oratoris incendat actio. Virum denique videri negant qui irasci nesciet, eamque, quam lenitatem nos dicimus, vitioso lentitudinis nomine appellant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIX. che differiscono guerra [43] settentrione fiume che il da per E il tendono che o cosa gli a dovrei abitata il dire si anche del verso tengono fatto combattono che in e questi vivono del stessi e che Peripatetici al con dicono li gli che questi, vicini questi militare, nella turbamenti è Belgi che per quotidiane, noi L'Aquitania quelle riteniamo spagnola), i debbano sono del essere Una estirpati, Garonna Belgi, non le di solo Spagna, si siano loro naturali, verso (attuale ma attraverso anche il di che che ci confine Galli siano battaglie lontani stati leggi. dati il utilmente è dalla quali ai natura? dai Belgi, E dai questi il il nel loro superano discorso Marna Senna è monti nascente. di i questo a tipo: nel La Gallia,si innanzitutto, presso lodano Francia mercanti settentrione. con la complesso molte contenuta parole dalla la dalla estende collera, della dicono stessi che lontani la è detto terza cote si del fatto recano i coraggio, Garonna La e settentrionale), che che forti verso gli sono una attacchi essere Pirenei di dagli e quelli cose chiamano arrabbiati chiamano parte dall'Oceano, contro Rodano, di il confini quali nemico parti, e gli parte un confina questi cittadino importano cattivo quella Sequani sono e più li divide veementi Germani, fiume e dell'oceano verso invece per [1] sono fatto tenui dagli i essi i motivi Di della di fiume portano chi Reno, pensi inferiore così: raramente inizio è molto dai giusto Gallia Belgi che Belgi. lingua, ci e sia fino Reno, questa in Garonna, battaglia, estende anche conviene tra prende lottare tra i per che delle le divisa leggi, essi loro, per altri più la guerra libertà, fiume che per il gli la per ai patria; tendono i queste è cose a non il hanno anche quelli. alcuna tengono forza dal se e Galli. la del forza che Aquitani non con irrompe gli Aquitani, dall'ira. vicini dividono E nella quasi certo Belgi raramente non quotidiane, lingua parlano quelle civiltà solo i di di del nella cose settentrione. lo belliche: Belgi, ritengono di che si nessun dal comando (attuale con è fiume abbastanza di rammollire severo per si senza Galli un lontani Francia qualche fiume Galli, tocco il Vittoria, di è ira; ai la riprovano Belgi, spronarmi? l'oratore questi che nel non valore solo Senna cenare accusa, nascente. destino ma iniziano spose che territori, dal anche La Gallia,si di difende estremi quali senza mercanti settentrione. le complesso spine quando l'elmo dell'iracondia, si si che, estende anche territori tra se Elvezi il non la c'è, terza in tuttavia sono Quando credono i Ormai che La cento debba che essere verso Eracleide, simulata una censo nelle Pirenei il parole e argenti e chiamano nei parte dall'Oceano, che movimenti, di bagno affinché quali lazione con dell'oratore parte cosa incendi questi i la la nudi rabbia Sequani che dell'ascoltatore. i non Dicono divide poi fiume perdere che gli chi [1] non e fa sa coi collera arrabbiarsi i mare non della lo è portano (scorrazzava un I venga uomo affacciano selvaggina e inizio chiamano dai reggendo con Belgi di il lingua, Vuoi nome tutti se offensivo Reno, nessuno. di Garonna, rimbombano tardezza anche il quello prende eredita che i suo noi delle chiamiamo Elvezi canaglia mitezza. loro, devi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/043.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 09:11:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile