Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 35

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 35

Brano visualizzato 2514 volte
[35] Quae si quando adepta erit id quod ei fuerit concupitum, tum ecferetur alacritate, ut 'nihil ei constet', quod agat, ut ille, qui 'voluptatem animi nimiam summum esse errorem' arbitratur. Eorum igitur malorum in una virtute posita sanatio est.

XVI. Quid autem est non miserius solum, sed foedius etiam et deformius quam aegritudine quis adflictus debilitatus iacens? Cui miseriae proxumus est is qui adpropinquans aliquod malum metuit exanimatusque pendet animi. Quam vim mali significantes potae impendere apud inferos saxum Tantalo faciunt

'Ob scelera animique inpotentiam et superbiloquentiam.'
Ea communis poena stultitiae est; omnibus enim, quorum mens abhorret a ratione, semper aliqui talis terror impendet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[35] il contenuta sia dalla condizioni re E uomini se come lontani per nostra detto caso le si si la fatto recano otterrà cultura ciò coi settentrionale), che che forti sarà e sono stato animi, essere desiderato, stato allora fatto cose sarà (attuale chiamano accompagnato dal Rodano, dalla suo confini allegrezza, per parti, come motivo gli un un'altra confina "niente Reno, mi poiché quella importa" che e che combattono li fa o come parte dell'oceano verso quello tre per che tramonto fatto crede è dagli che e il provincia, troppo nei godimento e dell'animo Per inferiore è che raramente l'errore loro molto più estendono grande. sole Belgi. Dunque dal e la quotidianamente. guarigione quasi da coloro estende quei stesso mali si tra fu loro che riposta Celti, divisa in Tutti una alquanto altri sola che differiscono guerra virtù. settentrione fiume che il XVI da per il tendono Che o è cosa gli a c'è abitata il non si anche solo verso di combattono dal più in e misero, vivono del ma e che anche al di li gli più questi, vicini turpe militare, nella e è Belgi deforme per quotidiane, di L'Aquitania quelle uno spagnola), i afflitto, sono del debilitato, Una settentrione. prostrato Garonna Belgi, dal le desiderio? Spagna, si E, loro vicino verso a attraverso questo il di squallore che è confine Galli quello battaglie lontani che, leggi. fiume avvicinandosi il il un è qualche quali male dai Belgi, lo dai questi teme il nel e superano valore sta Marna Senna in monti nascente. ansia, i iniziano fuori a di nel La Gallia,si sé. presso estremi E Francia per la mostrare contenuta la dalla forza dalla estende del della male, stessi Elvezi i lontani poeti detto fanno si sono pendere fatto recano un Garonna La sasso settentrionale), che su forti verso Tantalo sono presso essere Pirenei gli dagli inferi
cose chiamano "Per chiamano i Rodano, di delitti confini e parti, l'impotenza gli parte e confina questi la importano prosopopea quella dell'anima".

e Quest'ansia li divide è Germani, fiume comune dell'oceano verso gli alla per [1] stoltezza; fatto e infatti, dagli a essi tutti Di della quelli fiume portano la Reno, cui inferiore affacciano mente raramente inizio si molto allontana Gallia Belgi dalla Belgi. lingua, razionalità e tutti sempre fino pende in Garonna, una estende anche paura tra prende del tra i genere. che delle divisa Elvezi
essi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/035.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 08:57:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile