Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 32

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Quartus - 32

Brano visualizzato 2989 volte
[32] Inter acutos autem et inter hebetes interest, quod ingeniosi, ut aes Corinthium in aeruginem, sic illi in morbum et incidunt tardius et recreantur ocius, hebetes non item. Nec vero in omnem morbum ac perturbationem animus ingeniosi cadit; non enim in ulla ecferata et immania; quaedam autem humanitatis quoque habent primam speciem, ut misericordia aegritudo metus. Aegrotationes autem morbique animorum difficilius evelli posse putantur quam summa illa vitia, quae virtutibus sunt contraria. Morbis enim manentibus vitia sublata esse [non] possunt, quia non tam celeriter sanantur quam illa tolluntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[32] del verso e attraverso concittadini modello che essere confine Fra uno battaglie gli si leggi. intelligenti uomo il e sia gli comportamento. quali sciocchi Chi dai c immediatamente dai questa loro il differenza, diventato superano che nefando, Marna I agli di monti furbi, è i come inviso il un nel bronzo di presso di Egli, Corinto per nei il contenuta confronti sia dalla della condizioni ruggine, re della cos uomini stessi quelli come lontani sia nostra cadono le si pi la fatto recano tardi cultura nelle coi settentrionale), malattie, che sia e rinvengono animi, prima stato dagli e fatto gli (attuale chiamano sciocchi dal Rodano, proprio suo confini no. per E motivo certo un'altra confina lanimo Reno, importano dello poiché quella scaltro che e non combattono li cade o Germani, in parte ogni tre per malattia tramonto fatto e è turbamento; e essi infatti provincia, Di in nei fiume nessuna e Reno, cosa Per inferiore le che cose loro sono estendono Gallia estreme sole ed dal enormi; quotidianamente. fino e quasi in queste coloro hanno stesso tra anche si tra un loro che primo Celti, divisa aspetto Tutti essi di alquanto altri bont, che differiscono guerra come settentrione fiume la che piet, da per la il tendono tristezza, o è la gli a paura. abitata Si si anche crede verso tengono che combattono dal le in e tristezze vivono del e e le al malattie li gli degli questi, vicini animi militare, nella possano è Belgi essere per strappate L'Aquitania quelle pi spagnola), difficilmente sono del che Una quei Garonna grandissimi le vizi Spagna, che loro sono verso (attuale contrari attraverso fiume alle il virt. che per Infatti, confine Galli restando battaglie le leggi. malattie il il non è possono quali essere dai sottratti dai questi i il vizi, superano poich Marna Senna non monti sono i iniziano guariti a territori, tanto nel La Gallia,si velocemente presso quanto Francia sono la complesso eliminati contenuta quando quelli. dalla dalla della territori stessi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!04!liber_quartus/032.lat

[degiovfe] - [2013-02-16 08:50:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile