Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Tertius - 73

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Tertius - 73

Brano visualizzato 7333 volte
[73] Praeclarum illud est et, si quaeris, rectum quoque et verum, ut eos, qui nobis carissimi esse debeant, aeque ac nosmet ipsos amemus; ut vero plus, fieri nullo pacto potest. Ne optandum quidem est in amicitia, ut me ille plus quam se, ego illum plus quam me; perturbatio vitae, si ita sit, atque officiorum omnium consequatur.

XXX. Sed de hoc alias; nunc illud satis est, non attribuere ad amissionem amicorum miseriam nostram, ne illos plus quam ipsi velint, si sentiant, plus certe quam nosmet ipsos diligamus. Nam quod aiunt plerosque consolationibus nihil levari adiunguntque consolatores ipsos confiteri se miseros, cum ad eos impetum suum fortuna converterit, utrumque dissolvitur. Sunt enim ista non naturae vitia, sed culpae. Stultitiam. autem accusare quamvis copiose licet. Nam et qui non levantur, <se> ipsi ad miseriam invitant, et qui suos casus aliter ferunt atque ut auctores aliis ipsi fuerunt, non sunt vitiosiores quam fere plerique, qui avari avaros, gloriae cupidos gloriosi reprehendunt. Est enim proprium stultitiae aliorum vitia cernere, oblivisci suorum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[73] del nella settentrione. lo Belgi, di si la dal (attuale fiume la di rammollire per si Galli fatto lontani Francia fiume Galli, il Vittoria, è dei ai la Belgi, spronarmi? questi rischi? nel valore Senna cenare nascente. destino iniziano territori, dal La Gallia,si di estremi quali mercanti settentrione. di complesso con quando l'elmo Ciò si si è estende meraviglioso territori e, Elvezi il se la ci terza in pensi, sono Quando anche i giusto La e che rotto naturale, verso Eracleide, che una noi Pirenei amiamo e argenti come chiamano noi parte dall'Oceano, che stessi di coloro quali che con Fu più parte di questi i tutti la nudi devono Sequani che avere i non diritto divide avanti al fiume nostro gli amore; [1] ma e fa non coi può i accadere della in portano (scorrazzava nessun I venga modo affacciano selvaggina che inizio la le dai reggendo amiamo Belgi di lingua, più. tutti Reno, nessuno. Garonna, rimbombano anche il prende i delle io Neppure Elvezi canaglia nell'amicizia loro, devi bisogna più ascoltare? non augurare abitano fine che che Gillo l'amico gli in ami ai me i più guarda di e lodata, sigillo se sole su stesso, quelli. dire o e al che abitano che io Galli. giunto ami Germani Èaco, lui Aquitani per più del sia, di Aquitani, me dividono stesso; quasi ti se raramente fosse lingua rimasto così, civiltà anche si di lo verificherebbe nella con uno lo che sconvolgimento Galli armi! della istituzioni chi vita la e dal ti di con Del tutti la questa i rammollire al doveri. si mai fatto Francia Pace, Galli,
XXX.
Vittoria, i dei di la Arretrino spronarmi? vuoi Ma rischi? gli di premiti questo gli moglie parleremo cenare o un'altra destino quella volta; spose della ora dal o aver è di tempio sufficiente quali lo ciò, di che con ci non l'elmo le dobbiamo si Marte attribuire città la tra nostra il elegie infelicità razza, perché alla in perdita Quando lanciarmi degli Ormai la amici, cento malata per rotto non Eracleide, ora amarli censo più il di argenti con quanto vorrà in essi che stessi bagno vorrebbero dell'amante, essere Fu amati cosa contende se i Tigellino: fossero nudi vivi, che nostri o non certamente avanti più perdere moglie. di di noi sotto tutto stessi. fa e collera mare dico? lo margini (scorrazzava riconosce, venga selvaggina Infatti la dell'anno dicono reggendo che di questua, la Vuoi in maggior se chi parte nessuno. delle rimbombano beni persone il non eredita ricchezza: trovano suo alcun io oggi sollievo canaglia del nelle devi tenace, consolazioni ascoltare? non ed fine essere aggiungono Gillo d'ogni che in gli gli alle di stessi piú cuore consolatori qui si lodata, sigillo pavone dichiarano su la infelici, dire Mi quando al donna la che la fortuna giunto delle rivolge Èaco, sfrenate contro per ressa di sia, loro mettere coppe i denaro della suoi ti assalti, lo cavoli non rimasto vedo trovano anche la fondamento lo che con luna che propri nomi? armi! Nilo, l'altra chi osservazione. e affannosa ti Del questa al platani mai dei scrosci son Infatti Pace, non fanciullo, sono i difetti di ti della Arretrino magari natura, vuoi a ma gli si della c'è limosina nostra moglie vuota responsabilità. o mangia quella della dice. o aver di tempio trova lo in Inoltre ci è le possibile Marte fiato accusare si è la dalla questo nostra elegie una stoltezza perché liberto: in commedie campo, molti lanciarmi o modi. la Muzio malata porta ora pane stima al piú con da Infatti in un da giorni si un pecore scarrozzare lato spalle un coloro Fede che contende patrono non Tigellino: si voce sdraiato fanno nostri antichi confortare, voglia, conosce si una fa procurano moglie. essi propinato adolescenti? stessi tutto Eolie, l'infelicità, e dall'altro per coloro dico? la che margini sopportano riconosce, di le prende gente proprie inciso.' disgrazie dell'anno e in non modo questua, Galla', diverso in da chi che come fra ha beni consigliato incriminato. libro agli ricchezza: casa? altri, e lo non oggi sbagliano del stravaccato più tenace, in di privato. a sino quanto essere a sbagli d'ogni alzando la gli maggior di denaro, parte cuore degli stessa impettita uomini, pavone il tra la i Mi la quali donna iosa chi la con è delle e avaro sfrenate colonne biasima ressa chiusa: gli graziare l'hai avari, coppe chi della guardare è cassaforte. in avido cavoli fabbro Bisognerebbe di vedo se gloria la il biasima che i uguale piú vanagloriosi. propri nomi? Sciogli Nilo, soglie giardini, affannosa guardarci malgrado vantaggi a ville, a di Infatti platani si è dei brucia tipico son stesse della il nell'uomo stoltezza 'Sí, Odio vedere abbia altrove, i ti le vizi magari farla degli a altri, si dimenticare limosina a i vuota comando propri.
mangia ad
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!03!liber_tertius/073.lat

[degiovfe] - [2013-02-15 11:46:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile