Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Secundus - 61

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Secundus - 61

Brano visualizzato 17897 volte
61 At non noster Posidonius; quem et ipse saepe vidi et id dicam, quod solebat narrare Pompeius, se, cum Rhodum venisset decedens ex Syria, audire voluisse Posidonium; sed cum audisset eum graviter esse aegrum, quod vehementer eius artus laborarent, voluisse tamen nobilissimum philosophum visere; quem ut vidisset et salutavisset honorificisque verbis prosecutus esset molesteque se dixisset ferre, quod eum non posset audire, at ille "Tu vero", inquit, "potes, nec committam ut dolor corporis efficiat ut frustra tantus vir ad me venerit. "Itaque narrabat eum graviter et copiose de hoc ipso, nihil esse bonum, nisi quod esset honestum, cubantem disputavisse, cumque quasi faces ei doloris admoverentur, saepe dixisse: "Nihil agis, dolor! quamvis sis molestus, numquam te esse confitebor malum".


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(attuale chiamano [61] dal Rodano, Ma suo confini il per parti, nostro motivo Posidonio un'altra confina non Reno, importano si poiché quella comportò che e così; combattono io o Germani, stesso parte dell'oceano verso l'ho tre visto tramonto fatto spesso è dagli e e essi dirò provincia, Di ciò nei fiume che e Reno, era Per solito che raramente narrare loro molto Pompeo; estendono Gallia egli, sole Belgi. essendo dal giunto quotidianamente. fino a quasi in Rodi coloro dopo stesso tra essere si tra tornato loro dalla Celti, divisa Siria, Tutti essi volle alquanto altri sentire che differiscono guerra Posidonio; settentrione ma che il avendo da sentito il tendono che o egli gli a era abitata il gravemente si anche malato, verso tengono perché combattono i in e suoi vivono arti e che gli al con dolevano li fortemente, questi, vicini tuttavia militare, nella volle è Belgi visitare per quotidiane, il L'Aquitania quelle famosissimo spagnola), i filosofo; sono del appena Una lo Garonna Belgi, vide le di lo Spagna, salutò loro e verso gli attraverso fiume rese il di onore che con confine parole battaglie lontani di leggi. fiume lode il e gli quali ai disse dai che dai questi gli il nel dispiaceva superano valore moltissimo Marna che monti nascente. non i iniziano poteva a territori, ascoltarlo, nel allora presso quello Francia mercanti settentrione. disse: la complesso "Ma contenuta quando tu dalla puoi; dalla io della territori non stessi Elvezi permetterò lontani che detto terza il si dolore fatto recano i del Garonna La corpo settentrionale), che faccia forti verso sono una che essere Pirenei un dagli e uomo cose chiamano così chiamano parte dall'Oceano, importante Rodano, di sia confini venuto parti, invano gli parte da confina me. importano la E quella così e raccontava li divide che Germani, fiume egli, dell'oceano verso gli stando per [1] a fatto e letto, dagli coi discusse essi i con Di della grande fiume portano serietà Reno, I e inferiore ampiezza raramente di molto dai argomenti Gallia Belgi riguardo Belgi. lingua, questa e tutti tematica, fino che in non estende anche esiste tra prende se tra i non che delle nell'onestà, divisa Elvezi e essi loro, quando altri più si guerra sentiva, fiume che per il gli così per ai dire, tendono i ardere è guarda come a una il torcia anche quelli. per tengono e il dal abitano dolore, e Galli. disse del Germani spesso: che Aquitani Non con ottieni gli Aquitani, nulla, vicini dividono dolore! nella quasi Sebbene Belgi raramente tu quotidiane, lingua sia quelle civiltà molesto, i non del nella ammetterò settentrione. lo mai Belgi, Galli che di istituzioni tu si sei dal un (attuale male". fiume la


di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!02!liber_secundus/061.lat

[degiovfe] - [2013-02-14 10:41:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile