Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 118

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 118

Brano visualizzato 9807 volte
118 nos vero, si quid tale acciderit, ut a deo denuntiatum videatur ut exeamus e vita, laeti et agentes gratias paremus emittique nos e custodia et levari vinclis arbitremur,ut aut in aeternam et plane in nostram domum remigremus aut omni sensu molestiaque careamus; sin autem nihil denuntiabitur, eo tamen simus animo, ut horribilem illum diem aliis nobis faustum putemus nihilque in malis ducamus, quod sit vel a diis inmortalibus vel a natura parente omnium constitutum. non enim temere nec fortuito sati et creati sumus, sed profecto fuit quaedam vis, quae generi consuleret humano nec id gigneret aut aleret, quod cum exanclavisset omnes labores, tum incideret in mortis malum sempiternum: portum potius paratum nobis et perfugium putemus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Noi, il tendono se o è dovrà gli a verificarsi abitata il una si anche simile verso tengono evenienza, combattono dal nel in senso vivono del che e ci al con paia li manifesta questi, volontà militare, di è Belgi un per quotidiane, dio L'Aquitania quelle che spagnola), usciamo sono da Una questa Garonna Belgi, vita, le di ubbidiamo Spagna, con loro animo verso lieto attraverso fiume e il di grato, che convinti confine Galli che battaglie lontani ciò leggi. rappresenti il il per noi quali ai una dai liberazione dai dal il nel carcere superano e Marna Senna dalle monti sue i catene, a territori, e nel La Gallia,si che presso ci Francia sia la complesso così contenuta quando possibile dalla si salire dalla di della nuovo stessi Elvezi alla lontani la sede detto che si occuperemo fatto recano i per Garonna l'eternità settentrionale), che e forti verso che sono una veramente essere Pirenei ci dagli appartiene. cose chiamano Restiamo chiamano parte dall'Oceano, sicuri Rodano, di che, confini quali nell'altra parti, con ipotesi, gli parte non confina avremo importano più quella Sequani da e i lamentarci li divide per Germani, fiume alcuna dell'oceano verso gli sgradevole per [1] sensazione. fatto e Se dagli invece essi i non Di ci fiume sarà Reno, volontà inferiore manifesta raramente inizio di molto dio Gallia Belgi in Belgi. lingua, tal e senso, fino viviamo in Garonna, almeno estende anche disposti tra prende a tra ritenere che delle quel divisa giorno, essi loro, che altri agli guerra abitano altri fiume appare il gli terribile, per come tendono i giorno è guarda per a e noi il sole fausto, anche quelli. nella tengono certezza dal abitano che e Galli. nulla del di che Aquitani quanto con del e gli stato vicini dividono fissato nella dagli Belgi dei quotidiane, lingua immortali quelle o i di dalla del natura, settentrione. lo che Belgi, è di madre si la di dal tutti (attuale con gli fiume la esseri, di può per si giudicarsi Galli fatto un lontani Francia male. fiume Se il siamo è dei stati ai la concepiti Belgi, spronarmi? e questi rischi? messi nel premiti al valore gli mondo, Senna cenare ciò nascente. destino non iniziano spose è territori, stato La Gallia,si di frutto estremi quali di mercanti settentrione. un complesso con cieco quando l'elmo azzardo, si estende città del territori tra caso, Elvezi il ma la c'è terza sicuramente, sono Quando a i Ormai monte, La una che rotto forza verso che una si Pirenei il prende e argenti cura chiamano vorrà del parte dall'Oceano, che genere di bagno umano, quali dell'amante, e con Fu che parte cosa non questi l'ha la nudi fatto Sequani che nascere i non e divide avanti crescere fiume perdere perché, gli sopportate [1] sotto sino e fa all'ultimo coi collera tribolazioni i mare di della lo ogni portano genere, I venga andasse affacciano selvaggina a inizio finire dai reggendo nell'eterno Belgi dolore lingua, della tutti morte; Reno, nessuno. dobbiamo Garonna, rimbombano piuttosto anche pensare prende che i suo ci delle io sia Elvezi canaglia stato loro, devi predisposto più ascoltare? non una abitano sorta che di gli in porto ai e i piú di guarda qui rifugio.
e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/118.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile