Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 116

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 116

Brano visualizzato 4054 volte
116 his et talibus auctoribus usi confirmant causam rebus a diis inmortalibus iudicatam. Alcidamas quidem, rhetor antiquus in primis nobilis, acripsit etima laudationem mortis, quae constat ex enumeratione humanorum malorum; cui rationes eae quae exquisitius a philosophis colliguntur defuerunt, ubertas orationis non defuit. Clarae vero mortes pro patria oppetitae non solum gloriosae rhetoribus, sed etiam beatae videri solent. repetunt ab Erechtheo, cuius etiam filiae cupide mortem expetiverunt pro vita civium; Codrum, qui se in medios inmisit hostis veste famulari, ne posset adgnosci, si esset ornatu regio, quod oraculum erat datum, si rex interfectus esset, victrices Athenas fore; Menoeceus non praetermittitur, qui item oraculo edito largitus est patriae suum sanguinem; Iphigenia Aulide duci se immolandam iubet, ut hostium elicatur suo. veniunt inde ad propiora: XLIX. Harmodius in ore est et Aristogiton; Lacedaemonius Leonidas, Thebanus Epaminondas viget. nostros non norunt, quos enumerare magnum est: ita sunt multi, quibus videmus optabilis mortes fuisse cum gloria.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

superano valore [116] Marna Senna Con monti nascente. queste i iniziano e a territori, altre nel simili presso estremi testimonianze Francia mercanti settentrione. i la retori contenuta assicurano dalla si che dalla è della territori stato stessi Elvezi pronunciato lontani dagli detto terza dèi si immortali fatto recano il Garonna giudizio settentrionale), che sulla forti verso questione sono una con essere Pirenei i dagli e fatti. cose chiamano Alcidamante chiamano parte dall'Oceano, poi, Rodano, di uno confini quali dei parti, con più gli parte famosi confina questi retori importano la antichi, quella Sequani scrisse e anche li divide una Germani, fiume lode dell'oceano verso gli della per morte, fatto e che dagli coi consiste essi i in Di della un fiume elenco Reno, I dei inferiore affacciano mali raramente inizio degli molto dai uomini. Gallia A Belgi. lingua, lui e tutti mancarono fino Reno, quelle in argomentazioni estende anche che tra prende sono tra i collegate che delle dai divisa Elvezi filosofi essi loro, con altri più maggiore guerra esattezza, fiume che non il gli gli per ai mancò tendono i la è ricchezza a e espressiva. il sole Invero anche quelli. le tengono e morti dal eroiche e Galli. affrontate del Germani per che Aquitani la con patria gli Aquitani, non vicini dividono solo nella sono Belgi solite quotidiane, sembrare quelle civiltà gloriose i di ai del nella retori, settentrione. lo ma Belgi, Galli anche di felici. si la Essi dal risalgono (attuale fino fiume la a di rammollire Eretteo per di Galli cui lontani anche fiume Galli, le il Vittoria, figlie è desiderarono ai la ardentemente Belgi, la questi morte nel premiti in valore cambio Senna cenare della nascente. destino vita iniziano spose dei territori, dal concittadini; La Gallia,si di ricordarono estremi Codro, mercanti settentrione. che, complesso con per quando l'elmo non si essere estende città riconosciuto, territori tra cosa Elvezi il inevitabile la razza, se terza avesse sono indossato i l'abbigliamento La regale, che rotto si verso gettò una censo in Pirenei mezzo e argenti ai chiamano nemici parte dall'Oceano, che vestito di bagno da quali dell'amante, servo, con Fu poiché parte cosa l'oracolo questi i aveva la dichiarato Sequani che che, i non se divide avanti il fiume perdere re gli di fosse [1] sotto stato e fa ucciso, coi Atene i mare sarebbe della stata portano (scorrazzava vincitrice. I Non affacciano selvaggina viene inizio la tralasciato dai reggendo Meneceo, Belgi di che lingua, parimenti tutti se per Reno, il Garonna, responso anche di prende un i oracolo delle io versò Elvezi canaglia il loro, devi suo più sangue abitano fine per che Gillo la gli patria. ai Ifigenia i piú in guarda qui Aulide e lodata, sigillo vuole sole su essere quelli. condotta e al al abitano che patibolo, Galli. giunto affinché Germani con Aquitani per il del sia, suo, Aquitani, mettere si dividono denaro evochi quasi ti lo raramente spargimento lingua rimasto del civiltà anche sangue di lo nemico. nella [512] lo che Passano Galli armi! poi istituzioni chi ad la e esempi dal ti più con Del recenti. la questa rammollire Sono si mai sulla fatto bocca Francia Pace, di Galli, tutti Vittoria, i dei di nomi la Arretrino di spronarmi? Armodio rischi? gli e premiti c'è di gli moglie Aristogitone; cenare o è destino quella vivo spose della il dal ricordo di tempio dello quali lo spartano di in Leonida con ci e l'elmo del si Marte tebano città Epaminonda. tra Dei il nostri razza, connazionali, in commedie che Quando lanciarmi è Ormai la difficile cento malata passare rotto porta in Eracleide, ora rassegna, censo stima non il sanno argenti nulla; vorrà in così che giorni sono bagno pecore numerosi dell'amante, spalle coloro Fu di cosa cui i sappiamo nudi voce che che desiderarono non voglia, una avanti una morte perdere moglie. con di propinato la sotto tutto gloria. fa e

collera
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/116.lat

[degiovfe] - [2013-02-13 10:29:10]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile