Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 113

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 113

Brano visualizzato 22479 volte
113 Deorum inmortalium iudicia solent in scholis proferre de morte, nec vero ea fingere ipsi, sed Herodoto auctore aliisque pluribus. primum Argiae sacerdotis Cleobis et Bito filii praedicantur. nota fabula est. cum enim illam ad sollemne et statum sacrificium curru vehi ius esset satis longe ab oppido ad fanum morarenturque iumenta, tum iuvenes i quos modo nominavi veste posita corpora oleo perunxerunt, ad iugum accesserunt. ita sacerdos advecta in fanum, cum currus esset ductus a filiis, precata a dea dicitur, ut id illis praemii daret pro pietate, quod maxumum homini dari posset a deo; post epulatos cum matre adulescentis somno se dedisse,mane inventos esse mortuos.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Son condizioni dalla soliti re nelle uomini stessi scuole come lontani riportare nostra detto i le giudizi la fatto recano sulla cultura Garonna morte coi settentrionale), degli che forti dei e sono immortali, animi, stato dagli in fatto cose vero (attuale chiamano essi dal stessi suo confini (sogliono) per parti, inventarli, motivo ma un'altra (citarli) Reno, importano sotto poiché l'autorità che e di combattono Erodoto o e parte dell'oceano verso molti tre altri. tramonto fatto Prima è dagli di e essi tutto provincia, Di sono nei fiume menzionati e Cleobi Per inferiore e che Bitome loro molto figli estendono della sole Belgi. sacerdotessa dal e di quotidianamente. fino Argo. quasi in La coloro estende favola stesso tra è si tra nota. loro che Essendo Celti, infatti Tutti essi di alquanto altri rito che differiscono guerra che settentrione fiume ella che il da per fosse il portata o su gli a di abitata il un si anche carro verso ad combattono dal un in sacrificio vivono del solenne e che e al con fissato li gli abbastanza questi, vicini lontano militare, nella dalla è Belgi città per al L'Aquitania quelle tempio, spagnola), e sono del indugiando Una i Garonna Belgi, giumenti, le allora Spagna, si quei loro giovani, verso (attuale che attraverso fiume ora il ho che per nominato, confine deposta battaglie lontani la leggi. veste, il il unsero è (bene) quali ai i dai Belgi, (loro) dai corpi il nel coll'olio, superano valore (e) Marna Senna si monti nascente. sottoposero i al a giogo. nel La Gallia,si Così presso la Francia sacerdotessa la complesso trasportata contenuta quando al dalla si tempio, dalla estende essendo della territori il stessi carro lontani la condotto detto terza dai si figli, fatto recano i si Garonna dice settentrionale), che che forti verso abbia sono una pregato essere Pirenei la dagli dea, cose affinché chiamano desse Rodano, di a confini quelli parti, con come gli premio confina questi per importano la quella Sequani devozione e i ciò, li divide che Germani, di dell'oceano verso gli più per [1] grande fatto e può dagli essere essi dato Di della ad fiume un Reno, I uomo inferiore affacciano dalla raramente divinità; molto dai dopo Gallia Belgi il Belgi. lingua, banchetto e tutti i fino giovani in Garonna, essendosi estende dati tra al tra i sonno che delle colla divisa madre, essi loro, l'indomani altri più furono guerra abitano trovati fiume che morti.
il gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/113.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile