Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 108

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 108

Brano visualizzato 4756 volte
XLV. 108 Sed quid singulorum opiniones animadvertam, nationum varios errores perspicere cum liceat? condiunt Aegyptii mortuos et eos servant domi; Persae etiam cera circumlitos condunt, ut quam maxime permaneant diuturna corpora. Magorum mos est non humare corpora suorum, nisi a feris sint ante laniata; in Hyrcania plebs publicos alit canes, optumates domesticos: nobile autem genus canum illud scimus esse, sed pro sua quisque facultate parat a quibus lanietur, eamque optumam illi esse censent sepulturam. permulta alia colligit Chrysippus, ut est in omni historia curiosus, sed ita taetra sunt quaedam, ut ea fugiat et reformidet oratio. totus igitur hic locus est contemnendus in nobis, non neglegendus in nostris, ita tamen, ut mortuorum corpora nihil sentire vivi sentiamus;


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XLV. stesso tra [108] si tra Ma loro che perché Celti, divisa badare Tutti alle alquanto opinioni che differiscono dei settentrione fiume singoli, che il quando da è il tendono possibile o conoscere gli gli abitata il svariati si anche errori verso tengono dei combattono dal popoli? in e Gli vivono del Egiziani e imbalsamano al i li morti questi, vicini e militare, nella li è Belgi tengono per quotidiane, in L'Aquitania quelle casa, spagnola), i i sono del Persiani Una li Garonna seppelliscono le dopo Spagna, averli loro anche verso (attuale spalmati attraverso fiume di il cera, che per per confine Galli far battaglie lontani durare leggi. fiume i il il corpi il quali ai più dai Belgi, a dai questi lungo il nel possibile. superano valore L'usanza Marna dei monti nascente. Medi i è a quella nel La Gallia,si di presso estremi non Francia sotterrare la complesso i contenuta quando corpi dalla dei dalla loro della territori morti, stessi se lontani la prima detto non si sono sono fatto recano i stati Garonna dilaniati settentrionale), che dalle forti verso fiere. sono una Nell' essere Pirenei Ircania dagli e il cose popolo chiamano alleva Rodano, di i confini quali cani parti, a gli parte spese confina questi pubbliche, importano la i quella Sequani nobili e li li divide allevano Germani, a dell'oceano verso gli proprie per spese fatto e in dagli coi casa. essi i Sappiamo Di della anche fiume portano che Reno, I quella inferiore affacciano è raramente una molto razza Gallia Belgi di Belgi. lingua, cani e tutti pregiata; fino Reno, ma in Garonna, ciascuno, estende anche a tra prende seconda tra i dei che delle propri divisa Elvezi mezzi, essi loro, si altri procura guerra abitano quelli fiume che dai il quali per ai sarà tendono dilaniato, è guarda ed a e essi il sole ritengono anche che tengono quella dal sia e la del migliore che Aquitani sepoltura. con Crisippo, gli Aquitani, che vicini dividono è nella quasi meticoloso Belgi raramente in quotidiane, lingua ogni quelle ricerca, i di ha del nella raccolto settentrione. lo moltissime Belgi, Galli altre di usanze; si ma dal alcune (attuale con sono fiume così di rammollire disgustose, per si che Galli fatto si lontani Francia prova fiume Galli, un il senso è dei di ai la rifiuto Belgi, e questi di nel premiti spavento valore gli a Senna parlarne. nascente. destino Dunque iniziano spose l'intera territori, dal questione La Gallia,si non estremi deve mercanti settentrione. di essere complesso presa quando in si si considerazione estende città per territori tra quanto Elvezi il riguarda la razza, noi terza in personalmente, sono Quando ma i Ormai La cento non che deve verso essere una trascurata Pirenei per e argenti quanto chiamano vorrà riguarda parte dall'Oceano, i di nostri quali cari, con tuttavia parte cosa in questi i modo la nudi tale Sequani da i non renderci divide conto, fiume perdere noi gli vivi, [1] sotto che e fa i coi collera corpi i mare dei della lo morti portano (scorrazzava non I sentono affacciano selvaggina nulla; inizio la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/108.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 20:18:08]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile