Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 106

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 106

Brano visualizzato 2275 volte
106 ecce alius exoritur e terra, qui matrem dormire non sinat: 'Mater, te appello, tu, quae curam somno suspensam levas, Neque te mei miseret, surge et sepeli natum --!' haec cum pressis et flebilibus modis, qui totis theatris maestitiam inferant, concinuntur, difficile est non eos qui inhumati sint miseros iudicare. 'prius quam ferae volucresque --' metuit, ne laceratis membris minus bene utatur; ne combustis, non extimescit. 'Neu reliquias semesas sireis denudatis ossibus Per terram sanie delibutas foede divexarier --' non intellego, quid metuat, cum tam bonos septenarios fundat ad tibiam. Tenendum est igitur nihil curandum esse post mortem, cum multi inimicos etiam mortuos poeniuntur. exsecratur luculentis sane versibus apud Ennium Thyestes, primum ut naufragio pereat Atreus: durum hoc sane; talis enim interitus non est sine gravi sensu; illa inania: 'Ipse summis saxis fixus asperis, evisceratus, Latere pendens, saxa spargens tabo, sanie et sanguine atro --'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[106] militare, nella Ecco è Belgi qui per quotidiane, un L'Aquitania altro spagnola), che sono si Una settentrione. leva Garonna Belgi, dalla le terra, Spagna, si che loro non verso permette attraverso fiume che il la che per madre confine Galli dorma: battaglie lontani "Madre, leggi. fiume ti il il invoco, tu quali che dai Belgi, nel dai questi sonno il dai superano valore tregua Marna all'angoscioso monti nascente. affanno, i iniziano non a territori, hai nel La Gallia,si pietà presso estremi di Francia mercanti settentrione. me; la alzati contenuta e dalla si seppellisci dalla tuo della territori figlio". stessi Elvezi Queste lontani melodie detto terza sono si cantate fatto recano i con Garonna La versi settentrionale), che gravi forti verso e sono una lamentosi, essere Pirenei che dagli e suscitano cose chiamano il chiamano parte dall'Oceano, pianto Rodano, di confini quali interi parti, con teatri: gli è confina questi difficile importano la non quella considerare e i infelici li divide coloro Germani, fiume che dell'oceano verso non per hanno fatto e ricevuto dagli la essi i sepoltura. Di della "Prima fiume portano che Reno, I fiere inferiore affacciano ed raramente uccelli… molto Teme Gallia di Belgi. lingua, non e tutti poter fino usare in Garonna, bene estende anche le tra membra tra i dilaniate; che se divisa sono essi loro, bruciate, altri non guerra abitano ha fiume che paura. il "Non per ai permettete tendono i che è guarda i a e miei il sole resti anche quelli. semidivorati, tengono le dal abitano ossa e Galli. nude del trasudanti che Aquitani putredine con siano gli Aquitani, turpemente vicini dividono trascinati nella quasi per Belgi terra". quotidiane, lingua Non quelle capisco i di di del nella che settentrione. cosa Belgi, Galli abbia di istituzioni paura, si la quando dal recita (attuale con piacevoli fiume la settenari di con per si il Galli fatto flauto. lontani Dunque fiume Galli, quando il Vittoria, molti è si ai la vendicano Belgi, spronarmi? dei questi rischi? nemici nel premiti anche valore se Senna cenare sono nascente. morti, iniziano spose bisogna territori, essere La Gallia,si convinti estremi quali che mercanti settentrione. dopo complesso con la quando l'elmo morte si non estende c'è territori nulla Elvezi il e la che terza in non sono ci i Ormai si La cento deve che curare verso Eracleide, di una censo nulla. Pirenei il Con e argenti versi chiamano vorrà straordinari, parte dall'Oceano, che nella di bagno tragedia quali dell'amante, di con Fu Ennio, parte cosa Tieste questi i si la nudi scaglia Sequani che in i non maledizioni, divide avanti prima fiume di gli di tutto [1] sotto affinché e fa Atreo coi muoia i mare in della un portano (scorrazzava naufragio. I Questo affacciano selvaggina passo inizio la è dai reggendo davvero Belgi di duro; lingua, infatti tutti se una Reno, morte Garonna, rimbombano di anche il tal prende genere i non delle io avviene Elvezi canaglia senza loro, devi colpire più ascoltare? non gravemente abitano i che Gillo sensi; gli in ma ai sono i piú privi guarda qui di e lodata, sigillo significato sole su questi quelli. dire altri e versi: abitano che "Egli, Galli. inchiodato Germani Èaco, su Aquitani alte del sia, rupi Aquitani, scoscese, dividono sventrato, quasi ti appeso raramente lo per lingua rimasto il civiltà fianco, di cosparge nella con le lo che rupi Galli armi! di istituzioni chi marcia la puledrine dal ti e con Del di la questa sangue rammollire al nero". si fatto scrosci
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/106.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 20:03:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile