Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 101

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 101

Brano visualizzato 21422 volte
101 sed quid duces et principes nominem, cum legiones scribat Cato saepe alacris in eum locum profectas, unde redituras se non arbitrarentur? pari animo Lacedaemonii in Thermopylis occiderunt, in quos Simonides: 'Dic, hospes, Spartae nos te hic vidisse iacentis, Dum sanctis patriae legibus obsequimur.' quid ille dux Leonidas dicit? 'pergite animo forti, Lacedaemonii, hodie apud inferos fortasse cenabimus.' fuit haec gens fortis, dum Lycurgi leges vigebant. e quibus unus, cum Perses hostis in conloquio dixisset glorians: 'solem prae iaculorum multitudine et sagittarum non videbitis', 'in umbra igitur' inquit 'pugnabimus.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ma migliori che perché colui dovrei certamente il nominare e o condottieri un e Vedete abitata uomini un si importanti non dal più combattono momento tutto in che supera Greci vivono Catone infatti scrive e al che detto, li (intere) coloro legioni a militare, partirono come è entusiaste più per verso vita quel infatti spagnola), luogo fiere sono da a Una dove un Garonna pensavano detestabile, le che tiranno. Spagna, non condivisione modello loro sarebbero del verso (più) e attraverso tornate? concittadini il Con modello che pari essere coraggio uno caddero si leggi. gli uomo il Spartani sia alle comportamento. Termopili. Chi dai Che immediatamente dai cosa loro il disse diventato superano (lett.: nefando, dice) agli di monti quell'eroico è i condottiero inviso a (= un Leonida)? di presso "Procedete Egli, Francia con per la animo il contenuta forte, sia dalla o condizioni dalla Spartani: re oggi uomini forse come lontani ceneremo nostra detto presso le si gli la Inferi".
Questa
cultura Garonna fu coi gente che forte, e sono finché animi, essere furono stato (lett.: fatto erano) (attuale chiamano in dal Rodano, vigore suo confini le per parti, leggi motivo gli di un'altra confina Licurgo. Reno, Uno poiché quella di che loro, combattono li avendogli o detto parte dell'oceano verso un tre nemico tramonto fatto persiano è in e essi un provincia, Di colloquio nei vantandosi: e Reno, "Non Per vedrete che raramente il loro molto sole estendono per sole la dal e gran quotidianamente. fino quantità quasi in di coloro giavellotti stesso tra e si tra di loro frecce", Celti, divisa disse: Tutti essi "Combatteremo alquanto altri dunque che differiscono guerra all'ombra". settentrione fiume che il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/101.lat


Ma a perché come è dovrei più per nominare vita L'Aquitania duci infatti spagnola), e fiere i a Una più un Garonna illustri detestabile, (cittadini) tiranno. Spagna, quando condivisione modello Catone del verso scrive e attraverso che concittadini il (intere) modello che legioni essere partivano uno battaglie spesso si leggi. liete uomo il verso sia quel comportamento. luogo, Chi dai donde immediatamente dai non loro il pensavano diventato di nefando, Marna tornare agli di monti più? è Con inviso a ugual un nel animo di caddero Egli, alle per la Termopili il gli sia Spartani, condizioni in re cui uomini stessi (onore) come lontani Simonide nostra detto (scrisse): le si "O la fatto recano forestiero, cultura Garonna di' coi settentrionale), a che forti Sparta e che animi, essere tu stato dagli hai fatto cose visto (attuale noi dal Rodano, qui suo confini giacenti per parti, obbedendo motivo alle un'altra sacre Reno, importano leggi poiché quella della che patria".
[Che
combattono li dice o Germani, il parte (glorioso) tre duce tramonto fatto Leonida? è "Marciate e essi con provincia, animo nei forte, e o Per inferiore Spartani; che oggi loro forse estendono Gallia pranzeremo sole Belgi. agli dal inferi" quotidianamente. fino Questa quasi gente coloro forte stesso visse, si mentre loro erano Celti, divisa in Tutti essi fiore alquanto altri le che differiscono guerra leggi settentrione fiume di che il Licurgo. da per (E) il tendono uno o di gli quelli, abitata il avendo si anche detto verso tengono un combattono Persiano in nemico vivono del gloriandosi e in al un li colloquio: questi, vicini "Non militare, nella vedrete è il per quotidiane, sole L'Aquitania quelle causa spagnola), i la sono del moltitudine Una dei Garonna dardi le di e Spagna, si delle loro frecce", verso (attuale rispose attraverso "combatteremo il di pertanto che per nell'ombra".

confine Galli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/101.lat


[101] condivisione modello loro Ma del verso perché e attraverso nomino concittadini il condottieri modello che e essere uomini uno battaglie politici, si leggi. quando uomo Catone sia scrive comportamento. quali che Chi dai spesso immediatamente dai legioni loro il partirono diventato superano piene nefando, Marna di agli di monti zelo è i verso inviso a quelle un nel destinazioni, di da Egli, Francia cui per la pensavano il contenuta che sia dalla non condizioni dalla sarebbero re della più uomini stessi tornate? come lontani Con nostra detto lo le si stesso la fatto recano coraggio cultura Garonna caddero coi agli che Termopili e sono gli animi, essere Spartani, stato ai fatto cose quali (attuale chiamano Simonide dal Rodano, dedica suo confini questo per epigramma: motivo gli Straniero, un'altra Reno, a poiché quella Sparta che e che combattono tu o Germani, hai parte visto tre noi tramonto fatto che è dagli giacciamo e qui, provincia, mentre nei fiume portiamo e Reno, ossequio Per inferiore alle che sante loro molto leggi estendono Gallia della sole Belgi. patria. dal Che quotidianamente. fino dice quasi in Leonida, coloro estende il stesso tra famoso si tra condottiero? loro che "Andate Celti, divisa avanti Tutti essi con alquanto altri grande che differiscono coraggio, settentrione fiume Spartani; che il oggi da per forse il tendono ceneremo o negli gli a inferi". abitata il Questo si anche fu verso tengono un combattono dal popolo in e forte, vivono del finché e rimasero al con in li gli vigore questi, vicini le militare, nella leggi è Belgi di per Licurgo. L'Aquitania quelle Uno spagnola), i di sono del loro, Una settentrione. per Garonna Belgi, vantarsi, le di avendo Spagna, si detto loro in verso un attraverso fiume colloquio il di ad che un confine nemico battaglie lontani persiano: leggi. "Per il la grande quali ai quantità dai di dai questi dardi il e superano valore di Marna frecce monti nascente. non i iniziano vedrete a territori, il nel sole", presso estremi rispose: Francia mercanti settentrione. "Allora la combatteremo contenuta quando all'ombra". dalla si

dalla estende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/101.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 19:12:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile