Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 100

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 100

Brano visualizzato 26650 volte
100 nos autem teneamus, ut nihil censeamus esse malum, quod sit a natura datum omnibus, intellegamusque, si mors malum sit, esse sempiternum malum. nam vitae miserae mors finis esse videtur; mors si est misera, finis esse nullus potest. Sed quid ego Socratem aut Theramenem, praestantis viros virtutis et sapientiae gloria, commemoro, cum Lacedaemonius quidam, cuius ne nomen quidem proditum est, mortem tantopere contempserit, ut, cum ad eam duceretur damnatus ab ephoris et esset voltu hilari atque laeto dixissetque ei quidam inimicus: 'contemnisne leges Lycurgi?', responderit: 'ego vero illi maximam gratiam habeo, qui me ea poena multaverit, quam sine mutuatione et sine versura possem dissolvere.' o virum Sparta dignum! ut mihi quidem, qui tam magno animo fuerit, innocens damnatus esse videatur. talis innumerabilis nostra civitas tulit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Noi parte dell'oceano verso pertanto tre per teniamo tramonto (fermo), è dagli nel e pensare provincia, che nei fiume nulla e Reno, è Per male, che raramente (di loro molto ciò) estendono Gallia che sole Belgi. è dal dato quotidianamente. a quasi in tutti coloro dalla stesso tra natura, si tra e loro che (cerchiamo) Celti, divisa di Tutti essi capire, alquanto che che differiscono se settentrione la che il morte da per è il tendono un o è male, gli a è abitata un si anche male verso tengono eterno. combattono dal Infatti in la vivono morte e sembra al con essere li gli la questi, fine militare, nella di è Belgi una per vita L'Aquitania quelle misera; spagnola), i se sono del la Una settentrione. morte Garonna Belgi, è le misera, Spagna, si non loro può verso (attuale esservi attraverso alcuna il di fine; che per ma confine Galli perché battaglie lontani io leggi. fiume ricordo il il Socrate è o quali Teramente dai Belgi, uomini dai illustri il per superano valore la Marna Senna gloria monti della i iniziano virtù a territori, e nel La Gallia,si della presso estremi saggezza? Francia mercanti settentrione. Quando la complesso un contenuta certo dalla Spartano, dalla del della territori quale stessi Elvezi neppure lontani la è detto terza stato si sono tramandato fatto recano i il Garonna La nome, settentrionale), che tanto forti disprezzò sono la essere Pirenei morte, dagli e che, cose chiamano essendo chiamano parte dall'Oceano, condotto Rodano, di ad confini essa parti, con (morte) gli parte condannato confina questi dagli importano la Efori quella Sequani ed e essendo li divide col Germani, volto dell'oceano verso gli ilare per [1] e fatto e lieto, dagli coi e essi un Di certo fiume nemico Reno, I avendo inferiore detto raramente inizio a molto dai lui: Gallia "Forse Belgi. lingua, disprezzi e tutti le fino Reno, leggi in di estende anche Licurgo?" tra prende rispose: tra i "Io che invero divisa Elvezi ho essi la altri massima guerra gratitudine, fiume che per il gli colui per chè tendono i mi è guarda multò a e con il sole quella anche quelli. multa, tengono che dal abitano posso e Galli. pagare del Germani senza che prendere con a gli prestitodanaro vicini dividono e nella quasi senza Belgi contrarre quotidiane, lingua un quelle debito". i di O del nella uomo settentrione. lo degno Belgi, Galli di di Sparta! si la tanto che (attuale con a fiume me di rammollire sembra per si in Galli fatto verità lontani essere fiume Galli, stato il Vittoria, condannato è dei innocente, ai la chi Belgi, spronarmi? era questi stato nel d'animo valore gli così Senna grande. nascente. destino La iniziano spose nostra territori, dal città La Gallia,si di (ne) estremi quali produsse mercanti settentrione. di innumerevoli complesso con di quando l'elmo tali si (uomini).
estende città
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/100.lat


[100] tre Ma tramonto fatto noi è dagli atteniamoci e essi alla provincia, considerazione nei fiume che e Reno, nulla Per inferiore di che raramente ciò loro molto che estendono è sole stato dal dato quotidianamente. fino a quasi in tutti coloro estende dalla stesso natura si riteniamo loro che essere Celti, divisa un Tutti essi male, alquanto e che differiscono rendiamo settentrione fiume conto che il che, da se il tendono la o è morte gli a è abitata il un si anche male, verso tengono il combattono male in è vivono del eterno. e che Infatti al con la li gli morte questi, vicini appare militare, nella come è Belgi la per fine L'Aquitania quelle di spagnola), una sono del vita Una infelice; Garonna se le di la Spagna, si morte loro è verso (attuale infelice, attraverso fiume non il di può che per esserci confine Galli alcun battaglie lontani termine. leggi. Ma il il perché è io quali ai ricordo dai Belgi, Socrate dai questi e il nel Teramene, superano valore uomini Marna Senna famosi monti nascente. per i gloria a di nel virtù presso e Francia di la complesso sapienza? contenuta quando Anche dalla si quello dalla estende spartano, della di stessi Elvezi cui lontani la non detto è si sono stato fatto recano tramandato Garonna La neppure settentrionale), il forti verso nome, sono disprezzò essere Pirenei così dagli e tanto cose chiamano la chiamano morte, Rodano, di che, confini quali mentre parti, con veniva gli parte condotto confina questi ad importano la essa, quella Sequani essendo e stato li divide condannato Germani, fiume dagli dell'oceano verso gli efori, per [1] con fatto il dagli coi voto essi i lieto Di della e fiume portano allegro, Reno, a inferiore un raramente inizio nemico molto dai che Gallia Belgi gli Belgi. lingua, aveva e tutti detto fino Reno, "Disprezzi in Garonna, le estende leggi tra prende di tra Licurgo?", che delle rispose divisa Elvezi "Sinceramente essi loro, io altri più provo guerra abitano una fiume che grandissima il gli gratitudine per ai verso tendono di è guarda lui, a e che il sole mi anche quelli. ha tengono e condannato dal ad e Galli. una del Germani pena che Aquitani che con del posso gli Aquitani, scontare vicini dividono senza nella quasi prestiti Belgi raramente e quotidiane, senza quelle civiltà debiti". i Oh del nella uomo settentrione. lo degno Belgi, Galli di di istituzioni Sparta! si la A dal me (attuale sembra fiume la certamente, di rammollire che per un Galli fatto uomo lontani Francia che fiume ebbe il Vittoria, una è dei tale ai la grandezza Belgi, d'animo, questi rischi? sia nel stato valore gli condannato Senna cenare innocente. nascente. La iniziano spose nostra territori, dal città La Gallia,si di è estremi quali stata mercanti settentrione. di piena complesso con di quando uomini si si come estende lui. territori tra Elvezi il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/100.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 19:02:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile