Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 89

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 89

Brano visualizzato 4965 volte
XXXVII. 89 Quamquam quid opus est in hoc philosophari, cum rem non magnopere philosophia egere videamus? quotiens non modo ductores nostri, sed universi etiam exercitus ad non dubiam mortem concurrerunt! quae quidem si timeretur, non Lucius Brutus arcens eum reditu tyrannum, quem ipse expulerat, in proelio concidisset; non cum Latinis decertans pater Decius, cum Etruscis filius, cum Pyrrho nepos se hostium telis obiecissent; non uno bello pro patria cadentis Scipiones Hispania vidisset, Paulum et Geminum Cannae, Venusia Marcellum, Litana Albinum, Lucani Gracchum. num quis horum miser hodie? ne tum quidem post spiritum extremum; nec enim potest esse miser quisquam, sensu perempto.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXXVII. condizioni dalla [89] re Per uomini stessi quanto, come che nostra necessità le c'è la di cultura Garonna ricorrere coi alla che forti filosofia e sono su animi, questo stato punto, fatto cose quando (attuale vediamo dal Rodano, che suo l'argomento per parti, non motivo ha un'altra un Reno, importano grande poiché quella bisogno che e di combattono filosofia? o Germani, Quante parte dell'oceano verso volte tre per non tramonto fatto solo è i e nostri provincia, Di generali, nei ma e Reno, anche Per gli che raramente eserciti loro molto interi estendono si sole Belgi. gettarono dal e incontro quotidianamente. fino a quasi in una coloro estende morte stesso sicura! si tra Se loro che davvero Celti, divisa essa Tutti essi fosse alquanto altri temuta, che differiscono guerra Lucio settentrione fiume Bruto che il non da sarebbe il caduto o in gli battaglia abitata il cercando si anche di verso tengono impedire combattono dal il in e ritorno vivono del a e quel al con tiranno li gli che questi, vicini egli militare, nella stesso è Belgi aveva per quotidiane, cacciato, L'Aquitania quelle non spagnola), i si sono sarebbero Una esposti Garonna alle le di armi Spagna, si dei loro nemici, verso il attraverso fiume padre il di Decio che per combattendo confine Galli contro battaglie i leggi. fiume Latini, il il il è figlio quali ai contro dai Belgi, gli dai questi Etruschi, il il superano nipote Marna Senna contro monti nascente. Pirro, i non a si nel La Gallia,si sarebbero presso visti Francia mercanti settentrione. in la una contenuta quando sola dalla si guerra dalla estende morire della territori per stessi Elvezi la lontani la patria detto gli si sono Scipioni fatto recano i in Garonna La Spagna, settentrionale), Paolo forti e sono una Gemino essere a dagli e Canne, cose chiamano Marcello chiamano a Rodano, di Venosa, confini Albino parti, con nella gli parte selva confina questi Litana, importano Gracco quella Sequani in e i Lucania. li Forse Germani, qualcuno dell'oceano verso gli di per loro fatto e è dagli infelice essi i oggi? Di Non fiume portano lo Reno, era inferiore affacciano neppure raramente inizio allora molto dopo Gallia Belgi l'ultimo Belgi. lingua, respiro; e infatti fino Reno, nessuno in Garonna, può estende anche essere tra prende infelice tra i se che delle la divisa sensibilità essi è altri più stata guerra abitano annullata. fiume il gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/089.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 18:11:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile