Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 86

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 86

Brano visualizzato 6334 volte
86 Pompeio, nostro familiari, cum graviter aegrotaret Neapoli, melius est factum. coronati Neapolitani fuerunt, nimirum etiam Puteolani; volgo ex oppidis publice gratulabantur: ineptum sane negotium et Graeculum, sed tamen fortunatum. utrum igitur, si tum esset extinctus, a bonis rebus an a malis discessisset? certe a miseris. non enim cum socero bellum gessisset, non inparatus arma sumpsisset, non domum reliquisset, non ex Italia fugisset, non exercitu amisso nudus in servorum ferrum et manus incidisset, non liberi defleti, non fortunae omnes a victoribus possiderentur. qui, si mortem tum obisset, in amplissimis fortunis occidisset, is propagatione vitae quot, quantas, quam incredibilis hausit calamitates! XXXVI. haec morte effugiuntur, etiamsi non evenerunt, tamen, quia possunt evenire; sed homines ea sibi accidere posse non cogitant: Metelli sperat sibi quisque fortunam, proinde quasi aut plures fortunati sint quam infelices aut certi quicquam sit in rebus humanis aut sperare sit prudentius quam timere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Per si anche Pompeo, verso tengono nostro combattono dal amico, in e quando vivono del era e che gravemente al con malato li a questi, vicini Napoli, militare, nella fu è Belgi preparato per un L'Aquitania quelle rimedio spagnola), i alquanto sono del efficace. Una settentrione. I Garonna napoletani le di furono Spagna, si coronati, loro senza verso dubbio attraverso anche il i che per puteolani; confine Galli dappertutto battaglie lontani dalle leggi. fiume città il pubblicamente è si quali esprimevano dai Belgi, congratulazioni: dai questi dimostrazioni il nel del superano valore tutto Marna Senna inopportune monti nascente. e i iniziano buone a territori, per nel La Gallia,si i presso estremi greci, Francia ma la complesso tuttavia contenuta felici. dalla si (Pompeo) dalla estende dunque, della se stessi allora lontani fosse detto terza morto, si sono si fatto recano i sarebbe Garonna separato settentrionale), dalle forti verso buone sono una o essere Pirenei dalle dagli e cattive cose chiamano cose? chiamano Certamente Rodano, da confini quali quelle parti, meschine. gli parte Infatti, confina questi non importano la avrebbe quella combattuto e i con li il Germani, fiume suocero, dell'oceano verso gli non per [1] avrebbe fatto preso dagli le essi armi Di impreparato, fiume portano non Reno, I avrebbe inferiore abbandonato raramente inizio la molto dai patria, Gallia Belgi non Belgi. sarebbe e tutti fuggito fino Reno, dall'Italia, in Garonna, non estende si tra sarebbe tra gettato che delle nudo divisa contro essi loro, il altri più ferro guerra e fiume che la il gli schiera per ai dei tendono i servi, è una a e volta il perso anche quelli. l'esercito, tengono e i dal abitano figli e Galli. non del Germani avrebbero che pianto, con del tutte gli Aquitani, le vicini dividono fortune nella non Belgi raramente sarebbero quotidiane, lingua in quelle civiltà mano i ai del vincitori. settentrione. lo Quante, Belgi, Galli quanto di istituzioni grandi, si la quanto dal incredibili (attuale con disgrazie fiume nel di prolungamento per si della Galli fatto vita lontani Francia sopportò fiume Galli, colui il che, è se ai la allora Belgi, spronarmi? fosse questi andato nel premiti incontro valore alla Senna cenare morte, nascente. destino si iniziano spose sarebbe territori, dal spento La Gallia,si in estremi grandissime mercanti settentrione. di fortune! complesso con Queste quando l'elmo cose, si si anche estende città se territori non Elvezi il capitarono, la tuttavia, terza in poiché sono possono i Ormai capitare, La cento sono che rotto schivate verso Eracleide, dalla una morte; Pirenei il ma e argenti gli chiamano vorrà uomini parte dall'Oceano, non di pensano quali dell'amante, che con esse parte cosa possano questi accadere la nudi a Sequani loro: i non ciascuno divide avanti si fiume perdere augura gli di la [1] sotto sorte e fa di coi collera Metello, i mare proprio della lo come portano se I venga o affacciano selvaggina la inizio la maggior dai reggendo parte Belgi (degli lingua, Vuoi uomini) tutti se sia Reno, nessuno. fortunata Garonna, rimbombano piuttosto anche che prende infelice i o delle non Elvezi ci loro, devi sia più ascoltare? non niente abitano di che Gillo sicuro gli nelle ai alle vicende i piú umane guarda qui o e sia sole su cosa quelli. dire più e al saggia abitano sperare Galli. giunto piuttosto Germani Èaco, che Aquitani temere. del sia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/086.lat

[robertaconte] - [2010-08-25 19:04:27]

si [86] verso tengono Il combattono dal mio in e amico vivono Pompeo, e che una al volta li gli a questi, vicini Napoli militare, nella era è gravemente per quotidiane, malato, L'Aquitania quelle ma spagnola), poi sono si Una settentrione. ristabilì. Garonna Belgi, le di I Spagna, si Napoletani loro furono verso (attuale incoronati, attraverso e il di certamente che anche confine Galli gli battaglie lontani abitanti leggi. fiume di il Pozzuoli, è da quali ai parte dai dei dai questi popoli il nel delle superano valore città Marna ci monti si i congratulava a territori, pubblicamente.] nel Manifestazioni presso estremi certamente Francia mercanti settentrione. frivole, la ispirate contenuta quando ai dalla si modelli dalla estende greci, della territori ma stessi Elvezi tuttavia lontani la fortunate. detto terza Dunque si sono se fatto recano i fosse Garonna La morto settentrionale), che allora, forti si sono una sarebbe essere allontanato dagli e da cose chiamano una chiamano parte dall'Oceano, condizione Rodano, buona confini o parti, con cattiva? gli parte Certamente confina questi da importano una quella cattiva. e i Infatti li divide non Germani, fiume avrebbe dell'oceano verso portato per [1] guerra fatto e al dagli coi suocero, essi i non Di avrebbe fiume portano preso Reno, I le inferiore affacciano armi raramente inizio impreparato, molto non Gallia avrebbe Belgi. lingua, lasciato e tutti la fino Reno, casa, in Garonna, non estende sarebbe tra prende fuggito tra dall'Italia, che delle dopo divisa Elvezi aver essi loro, perso altri più l'esercito, guerra privo fiume che di il tutto, per ai non tendono sarebbe è guarda finito a nelle il mani anche quelli. armate tengono e dei dal abitano servi, e Galli. non del Germani sarebbero che stati con compianti gli i vicini suoi nella figli, Belgi raramente tutti quotidiane, lingua i quelle civiltà suoi i beni del nella non settentrione. lo sarebbero Belgi, Galli stati di istituzioni posseduti si la dai dal vincitori. (attuale con fiume Se di egli per si fosse Galli fatto morto lontani Francia allora, fiume Galli, sarebbe il morto è dei al ai la culmine Belgi, spronarmi? della questi rischi? fortuna, nel con valore gli il Senna cenare prolungamento nascente. della iniziano vita, territori, dal quante La Gallia,si sciagure estremi quali tanto mercanti settentrione. crudeli complesso e quando incredibili si si egli estende città sopportò! territori Con Elvezi il la la razza, morte terza in queste sono Quando cose i Ormai si La cento evitano, che rotto perché, verso anche una censo se Pirenei il non e argenti si chiamano vorrà verificano, parte dall'Oceano, che tuttavia di possono quali dell'amante, accadere; con Fu ma parte cosa gli questi uomini la non Sequani che pensano i che divide avanti ciò fiume perdere possa gli di capitare [1] a e fa loro. coi collera Ciascuno i mare si della lo augura portano (scorrazzava la I venga fortuna affacciano selvaggina di inizio la Metello, dai reggendo come Belgi di se lingua, Vuoi davvero tutti se i Reno, nessuno. fortunati Garonna, rimbombano fossero anche più prende eredita numerosi i suo degli delle io sventurati Elvezi canaglia o loro, ci più ascoltare? non fosse abitano fine qualcosa che di gli in certo ai alle nelle i piú vicende guarda qui umane e lodata, sigillo o sole su fosse quelli. dire più e saggio abitano che sperare Galli. giunto che Germani Èaco, temere. Aquitani per

del sia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/086.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 17:59:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile