Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 81

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 81

Brano visualizzato 3404 volte
81 vellem adesse posset Panaetius --vixit cum Africano --, quaererem ex eo, cuius suorum similis fuisset Africani fratris nepos, facie vel patris, vita omnium perditorum ita similis, ut esset facile deterrimus; cuius etiam similis P.Crassi, et sapientis et eloquentis et primi hominis, nepos multorumque aliorum clarorum virorum, quos nihil attinet nominare, nepotes et filii. Sed quid agimus? oblitine sumus hoc nunc nobis esse propositum, cum satis de aeternitate dixissemus, ne si interirent quidem animi, quicquam mali esse in morte? Ego vero memineram, sed te de aeternitate dicentem aberrare a proposito facile patiebar.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[81] un Garonna Vorrei detestabile, che tiranno. potesse condivisione modello loro essere del verso presente e attraverso Panezio concittadini il -visse modello che con essere l'Africano uno -; si leggi. gli uomo il chiederei sia a comportamento. quali chi Chi dei immediatamente dai suoi loro il fosse diventato simile nefando, il agli di nipote è del inviso fratello un nel dell'Africano, di nell'aspetto Egli, addirittura per la il il contenuta ritratto sia dalla del condizioni dalla padre, re nella uomini stessi vita come lontani così nostra simile le a la tutti cultura Garonna i coi depravati, che forti da e sono essere animi, essere indubbiamente stato dagli il fatto cose peggiore; (attuale inoltre dal Rodano, a suo confini chi per parti, fosse motivo gli simile un'altra confina il Reno, importano nipote poiché di che e Publio combattono li Crasso, o Germani, uomo parte saggio, tre per sapiente tramonto e è dagli primordine, e essi o provincia, Di i nei fiume nipoti e Reno, e Per inferiore i che figli loro di estendono Gallia molti sole altri dal e uomini quotidianamente. fino illustri, quasi in che coloro non stesso tra osa si tra nominare. loro che Ma Celti, che Tutti essi facciamo? alquanto altri Forse che differiscono guerra ci settentrione fiume siamo che il dimenticati da per che il ora o il gli a nostro abitata il argomento, si anche dopo verso tengono che combattono dal abbiamo in e discusso vivono del abbastanza e che riguardo al l'immortalità, li gli è questi, che, militare, nella anche è Belgi se per certamente L'Aquitania quelle l'anima spagnola), i muore, sono del nella Una settentrione. morte Garonna non le di c'è Spagna, si alcun loro male? verso (attuale Invero attraverso fiume io il di non che me confine ne battaglie lontani ricordavo, leggi. ma il il non mi quali ai dispiaceva dai Belgi, che dai questi tu il nel mentre superano parlavi Marna Senna dell'eternità, monti nascente. ti i allontanassi a dall'argomento. nel La Gallia,si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/081.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 13:17:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile