Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 74

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 74

Brano visualizzato 13845 volte
74 sed haec et vetera et a Graecis; Cato autem sic abiit e vita, ut causam moriendi nactum se esse gauderet. vetat enim dominans ille in nobis deus iniussu hinc nos suo demigrare; cum vero causam iustam deus ipse dederit, ut tunc Socrati, nunc Catoni, saepe multis, ne ille me Dius Fidius vir sapiens laetus ex his tenebris in lucem illam excesserit, nec tamen ille vincla carceris ruperit --leges enim vetant --, sed tamquam a magistratu aut ab aliqua potestate legitima, sic a deo evocatus atque emissus exierit. Tota enim philosophorum vita, ut ait idem, commentatio mortis est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ma uno battaglie queste si (ragioni) uomo e sia (sono) comportamento. vecchie Chi dai e immediatamente (provengono) loro il dai diventato superano Greci. nefando, Catone agli di monti pertanto è i uscì inviso a di un vita di così, Egli, da per la godere il contenuta di sia aver condizioni dalla trovato re della la uomini stessi causa come lontani del nostra detto morire. le si Quel la fatto recano dio cultura che coi settentrionale), domina che forti in e sono noi animi, infatti stato dagli vieta fatto cose a (attuale chiamano noi dal Rodano, di suo confini partire per di motivo gli qui un'altra confina senza Reno, importano il poiché quella permesso che suo; combattono li quando o in parte dell'oceano verso vero tre lo tramonto fatto stesso è dagli dio e essi avrà provincia, Di dato nei fiume un e motivo Per inferiore giusto, che raramente come loro molto (diede) estendono allora sole a dal e Socrate, quotidianamente. fino ora quasi in a coloro estende Catone, stesso spesso si a loro che molti, Celti, divisa Tutti essi un alquanto altri uomo che differiscono guerra saggio, settentrione fiume me che il (aiuti) da Giove il (dio) o della gli a fedeltà, abitata il dorse si anche (non) verso tengono uscirà combattono dal lieto in e da vivono del queste e tenebre al con verso li gli quella questi, vicini luce, militare, nella senza è Belgi (nè) per quotidiane, tuttavia L'Aquitania quelle rompere spagnola), i quei sono del legami Una settentrione. della Garonna prigione le di --le Spagna, leggi loro infatti verso lo attraverso fiume vietano-- il di ma che per come confine Galli da battaglie lontani un leggi. fiume magistrato il il e da quali ai qualche dai autorità dai questi legittima, il così superano valore uscirà Marna Senna (di monti vita) i iniziano chiamato a e nel La Gallia,si liberato presso da Francia mercanti settentrione. Dio. la complesso Tutta contenuta quando la dalla si vita dalla estende dei della filosofi, stessi infatti, lontani è detto terza una si sono meditazione fatto recano i della Garonna La morte, settentrionale), che come forti egli sono stesso essere Pirenei disse. dagli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/074.lat


[74] modello che Ma essere confine questi uno sono si esempi uomo antichi sia e comportamento. quali tratti Chi dai dal immediatamente dai mondo loro greco. diventato nefando, Peraltro agli di monti Catone è i se inviso a ne un nel andò di presso dalla Egli, Francia vita per gioendo il contenuta di sia dalla aver condizioni trovato re della un uomini motivo come lontani per nostra morire. le si Infatti la quella cultura divinità coi settentrionale), che che forti ha e sono il animi, essere dominio stato dagli su fatto di (attuale chiamano noi dal Rodano, ci suo confini vieta per di motivo gli allontanarci un'altra confina da Reno, importano qui poiché quella contro che e il combattono li suo o Germani, volere; parte dell'oceano verso invero, tre per se tramonto fatto la è divinità e essi stessa provincia, offrirà nei la e giusta Per inferiore causa, che raramente come loro allora estendono Gallia a sole Socrate, dal ora quotidianamente. fino a quasi in Catone, coloro estende spesso stesso tra a si tra molti, loro che allora Celti, veramente, Tutti essi te alquanto altri lo che differiscono guerra assicuro, settentrione fiume il che saggio da si il allontanerà o è lieto gli da abitata queste si tenebre verso per combattono dal quella in e luce, vivono del tuttavia e che non al con spezzerà li gli le questi, sbarre militare, nella della è Belgi prigione per quotidiane, - L'Aquitania quelle infatti spagnola), i le sono del leggi Una lo Garonna vietano le di -, Spagna, si ma loro come verso (attuale se attraverso avesse il di il che permesso confine Galli di battaglie lontani un leggi. fiume magistrato il o è di quali qualche dai Belgi, legittima dai autorità, il uscirà, superano valore chiamato Marna Senna e monti nascente. liberato i iniziano dalla a divinità. nel La Gallia,si Infatti, presso l'intera Francia mercanti settentrione. vita la complesso dei contenuta quando filosofi, dalla si come dalla estende dice della territori ancora stessi Elvezi Platone, lontani la è detto una si preparazione fatto recano i alla Garonna La morte. settentrionale), che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/074.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 12:51:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile