Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 72

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 72

Brano visualizzato 18185 volte
XXX. 72 Ita enim censebat itaque disseruit, duas esse vias duplicesque cursus animorum e corpore excedentium: nam qui se humanis vitiis contaminavissent et se totos libidinibus dedissent, quibus caecati vel domesticis vitiis atque flagitiis se inquinavissent vel, re publica violanda, fraudes inexpiabiles concepissent, iis devium quoddam iter esse, seclusum a concilio deorum; qui autem se integros castosque servavissent, quibusque fuisset minima cum corporibus contagio seseque ab is semper sevocavissent essentque in corporibus humanis vitam imitati deorum, iis ad illos a quibus essent profecti reditum facilem patere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Pensava si infatti uomo il così sia e comportamento. quali così Chi dai ragionò, immediatamente essere loro il due diventato le nefando, vie agli di monti e è i duplice inviso a il un nel corso di presso dell'animo Egli, quando per la esce il contenuta dal sia dalla corpo. condizioni dalla Infatti re della coloro uomini stessi che come si nostra sono le si contaminati la fatto recano con cultura Garonna vizi coi umani che forti e e sono hanno animi, essere dato stato dagli tutti fatto cose se (attuale stessi dal Rodano, ai suo piaceri, per parti, dai motivo gli quali un'altra confina accecati Reno, importano o poiché si che sono combattono li macchiati o di parte dell'oceano verso vizi tre per e tramonto fatto di è dagli danni e essi domestici provincia, (nella nei fiume vita e Reno, privata) Per inferiore o che raramente hanno loro concepito estendono Gallia frodi sole Belgi. inespiabili dal e nel quotidianamente. fino violare quasi lo coloro stato, stesso tra per si tra costoro loro che v'è Celti, divisa una Tutti essi specie alquanto di che differiscono cammino settentrione fiume separato, che il chiuso da per fuori il dal o concilio gli a degli abitata dei; si coloro verso tengono che combattono dal pertanto in e si vivono sono e mantenuti al con integri li gli e questi, vicini casti, militare, nella e è pei per quotidiane, quali L'Aquitania il spagnola), i contatto sono del con Una settentrione. i Garonna corpi le di è Spagna, stato loro minimo verso (attuale e attraverso fiume sempre il di si che per sono confine Galli tenuti battaglie lontani lontano leggi. fiume da il il quelli (i quali ai corpi) dai e dai questi hanno il nel imitato superano la Marna Senna vita monti nascente. degli i iniziano dei a territori, (pur nel La Gallia,si trovandosi) presso in Francia un la complesso corpo contenuta quando umano, dalla si per dalla estende questi della si stessi Elvezi apre lontani facilmente detto terza il si ritorno fatto recano a Garonna La coloro settentrionale), che (gli forti dei), sono dai essere Pirenei quali dagli e sono cose partiti. chiamano parte dall'Oceano,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/072.lat


XXX. condivisione modello loro [72] del verso Infatti e così concittadini il pensava modello che Socrate essere confine e uno pertanto si affermò uomo il che sia ci comportamento. sono Chi dai due immediatamente vie loro e diventato superano una nefando, Marna duplice agli di direzione è i delle inviso a anime un nel che di presso escono Egli, Francia dal per la corpo. il Infatti sia se condizioni dalla esse re si uomini stessi lasciano come lontani contaminare nostra detto dai le si vizi la fatto recano umani cultura Garonna e coi settentrionale), si che forti abbandonano e sono completamente animi, essere alle stato dagli passioni, fatto diventando (attuale chiamano cieche dal al suo punto per da motivo corrompere un'altra confina se Reno, stesse poiché quella in che vizi combattono li e o Germani, turpitudini parte dell'oceano verso nella tre per vita tramonto privata, è o e essi da provincia, Di concepire nei inganni e Reno, senza Per inferiore rimedio che per loro molto danneggiare estendono Gallia lo sole Belgi. stato, dal e per quotidianamente. fino esse quasi in coloro estende un stesso tra percorso si tra secondario, loro che Celti, non Tutti essi conduce alquanto al che differiscono concilio settentrione fiume degli che il dèi; da per se il tendono invece o è esse gli si abitata il sono si anche conservate verso intatte combattono dal e in e pure, vivono del e e che hanno al avuto li gli minimi questi, vicini contatti militare, nella con è il per quotidiane, corpo L'Aquitania quelle e spagnola), i si sono del sono Una tenute Garonna Belgi, sempre le lontane Spagna, si da loro esso, verso (attuale imitando, attraverso fiume mentre il di stavano che nel confine Galli corpo battaglie umano, leggi. la il il vita è degli quali dèi, dai Belgi, appare dai davanti il nel ad superano esse Marna un monti nascente. facile i ritorno a territori, a nel quegli presso dèi Francia mercanti settentrione. dai la complesso quali contenuta quando erano dalla si partite. dalla estende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/072.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 12:38:38]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile