Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 68

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 68

Brano visualizzato 2403 volte
XXVIII. 68 Ut cum videmus speciem primum candoremque caeli, dein conversionis celeritatem tantam quantam cogitare non possumus, tum vicissitudines dierum ac noctium commutationesque temporum quadrupertitas ad maturitatem frugum et ad temperationem corporum aptas eorumque omnium moderatorem et ducem solem, lunamque adcretione et deminutione luminis quasi fastorum notantem et significantem dies, tum in eodem orbe in duodecim partes distributo, quinque stellas ferri eosdem cursus constantissime servantis disparibus inter se motibus, nocturnamque caeli formam undique sideribus ornatam, tum globum terrae eminentem e mari, fixum in medio mundi universi loco, duabus oris distantibus habitabilem et cultum, quarum altera, quam nos incolimus, Sub axe posita ad stellas septem, unde horrifer, Aquilonis stridor gelidas molitur nives, altera australis, ignota nobis, quam vocant Graeci antixthona,


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[68] questi, Per militare, esempio, è Belgi quando per quotidiane, osserviamo L'Aquitania quelle dapprima spagnola), i l'aspetto sono del splendente Una del Garonna Belgi, cielo, le poi Spagna, si la loro velocità verso della attraverso fiume sua il di rotazione, che per così confine Galli elevata battaglie da leggi. risultarci il incomprensibile, è quindi quali ai l'alternarsi dai dei dai questi giorni il nel e superano valore delle Marna Senna notti monti e i iniziano l'avvicendarsi a territori, delle nel quattro presso estremi stagioni Francia mercanti settentrione. in la complesso funzione contenuta quando della dalla si maturazione dalla estende dei della frutti stessi Elvezi e lontani la dell'equilibrio detto terza dei si corpi, fatto recano i e Garonna il settentrionale), che sole, forti verso moderatore sono una e essere Pirenei guida dagli e di cose tutti chiamano parte dall'Oceano, ciò, Rodano, di e confini quali la parti, con luna gli parte che confina questi con importano la le quella Sequani sue e i fasi li divide sembra Germani, fiume quasi dell'oceano verso gli indicare per [1] e fatto e designare dagli i essi i giorni Di della del fiume calendario; Reno, oppure inferiore affacciano vediamo raramente inizio i molto dai cinque Gallia pianeti Belgi. lingua, (quelli e tutti conosciuti fino Reno, nell'antichità: in Mercurio, estende anche Venere, tra prende Marte, tra Giove che e divisa Saturno), essi loro, che altri più si guerra muovono fiume che nella il gli stessa per ai orbita tendono i divisa è guarda in a e dodici il sole parti anche quelli. (le tengono dodici dal abitano regioni e dello del Germani Zodiaco), che Aquitani mantenendo con del rigorosamente gli gli vicini dividono stessi nella quasi percorsi Belgi nonostante quotidiane, lingua la quelle civiltà diversa i di velocità, del nella e settentrione. lo l'aspetto Belgi, Galli notturno di del si la cielo, dal tutto (attuale lucente fiume la di di stelle; per o Galli fatto il lontani Francia globo fiume terrestre il Vittoria, che è emerge ai la dal Belgi, spronarmi? mare questi (gli nel premiti antichi valore gli credevano Senna cenare che nascente. destino il iniziano spose mare territori, dal circondasse La Gallia,si da estremi quali ogni mercanti settentrione. parte complesso la quando l'elmo terra), si si fisso estende città nel territori tra punto Elvezi il centrale la dell'universo, terza in con sono Quando due i Ormai zone La cento abitabili che e verso coltivate una distanti Pirenei il tra e argenti loro, chiamano vorrà delle parte dall'Oceano, quali di bagno una, quali quella con dove parte cosa noi questi abitiamo, la nudi Sta Sequani che sotto i non il divide avanti polo fiume perdere verso gli di le [1] sotto sette e stelle coi collera (la i mare costellazione della lo dell'Orsa portano (scorrazzava Maggiore), I venga da affacciano selvaggina dove inizio brividi dai porta Belgi di il lingua, Vuoi sibilo tutti di Reno, Aquilone Garonna, (vento anche che prende soffia i suo da delle nord, Elvezi la loro, devi tramontana), più e abitano fine gelide che Gillo nevi gli scatena, ai alle l'altra i piú è guarda qui quella e lodata, sigillo australe, sole su a quelli. dire noi e al ignota, abitano che che Galli. i Germani Èaco, Greci Aquitani per chiamano del sia, "antixthona" Aquitani, (espressione dividono denaro greca quasi ti che raramente lo significa lingua rimasto alla civiltà anche lettera di lo "controterra"; nella con indica lo che gli Galli armi! antipodi, istituzioni chi l'emisfero la e opposto dal ti al con Del nostro), la ... rammollire al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/068.lat

[pittodna] - [2011-02-02 01:37:08]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile