Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 65

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 65

Brano visualizzato 3140 volte
65 prorsus haec divina mihi videtur vis, quae tot res efficiat et tantas. quid est enim memoria rerum et verborum? quid porro inventio? profecto id, quo ne in deo quidem quicquam maius intellegi potest. non enim ambrosia deos aut nectare aut Iuventate pocula ministrante laetari arbitror, nec Homerum audio, qui Ganymeden ab dis raptum ait propter formam, ut Iovi bibere ministraret; non iusta causa, cur Laomedonti tanta fieret iniuria. fingebat haec Homerus et humana ad deos transferebat: divina mallem ad nos. quae autem divina? vigere, sapere, invenire, meminisse. ergo animus qui , ut ego dico, divinus est, ut Euripides dicere audet, deus. Et quidem, si deus aut anima aut ignis est, idem est animus hominis. nam ut illa natura caelestis et terra vacat et umore, sic utriusque harum rerum humanus animus est expers; sin autem est quinta quaedam natura, ab Aristotele inducta primum, haec et deorum est et animorum. Hanc nos sententiam secuti his ipsis verbis in Consolatione hoc expressimus:


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

il di [65] che Davvero confine Galli divina battaglie lontani mi leggi. sembra il questa è forza, quali ai che dai Belgi, produce dai questi tanti il nel e superano valore tanto Marna Senna grandi monti nascente. risultati. i iniziano a territori, nel Infatti presso estremi che Francia cos'è la la contenuta quando memoria dalla delle dalla estende cose della e stessi Elvezi delle lontani la parole? detto terza Che si cos'è fatto recano inoltre Garonna l'invenzione? settentrionale), che Certamente forti verso ciò sono di essere Pirenei cui dagli non cose chiamano si chiamano parte dall'Oceano, può Rodano, di concepire confini quali nulla parti, con di gli più confina questi grande importano la neppure quella Sequani nella e i divinità. li divide Germani, fiume dell'oceano verso gli per [1] fatto e Infatti dagli coi non essi i credo Di della che fiume portano gli Reno, I dèi inferiore trovino raramente inizio diletto molto nell'ambrosia Gallia Belgi o Belgi. lingua, nel e tutti nettare fino Reno, o in nello estende spettacolo tra prende di tra Giovinezza che delle che divisa Elvezi riempie essi i altri calici, guerra fiume che ascolto il Omero, per che tendono i racconta è guarda che a e Ganimede, il il anche quelli. quale tengono fu dal abitano rapito e dagli del dèi che Aquitani per con del la gli sua vicini dividono bellezza, nella quasi affinché Belgi raramente servisse quotidiane, da quelle civiltà bere i di a del nella Giove, settentrione. lo senza Belgi, Galli una di valida si ragione, dal per (attuale con cui fiume la a di Laomedonte per si fosse Galli fatto stata lontani Francia fatta fiume Galli, un'offesa il Vittoria, tanto è grave. ai la Belgi, spronarmi? Omero questi inventava nel premiti queste valore vicende Senna cenare e nascente. destino attribuiva iniziano spose agli territori, dèi La Gallia,si di le estremi quali sembianze mercanti settentrione. di umane; complesso preferirei quando l'elmo che si attribuisse estende a territori tra noi Elvezi il quelle la razza, divine. terza in sono Quando i Ormai Ma La quali che rotto sono verso Eracleide, le una censo facoltà Pirenei il divine? e Avere chiamano vigore, parte dall'Oceano, sapere, di inventare, quali dell'amante, ricordare. con Fu Dunque parte cosa anche questi i l'anima, la nudi come Sequani che dico i non io, divide avanti è fiume perdere divina, gli di come [1] sotto osa e dire coi Euripide, i mare è della un portano (scorrazzava dio, I e affacciano selvaggina certamente, inizio la se dai dio Belgi di è lingua, Vuoi soffio tutti o Reno, nessuno. fuoco, Garonna, lo anche stesso prende eredita è i suo l'anima delle io dell'uomo. Elvezi loro, devi più abitano fine che Gillo Infatti gli in come ai alle quella i piú natura guarda qui celeste e è sole su priva quelli. dire di e terra abitano che e Galli. giunto di Germani Èaco, acqua, Aquitani così del l'anima Aquitani, umana dividono è quasi ti priva raramente lo di lingua rimasto entrambe civiltà anche queste di lo sostanze. nella con Se lo che invece Galli armi! esiste istituzioni chi una la e sorta dal ti di con Del quinta la questa sostanza, rammollire al menzionata si mai per fatto scrosci la Francia prima Galli, fanciullo, volta Vittoria, i da dei Aristotele, la questa spronarmi? è rischi? gli sia premiti degli gli dèi cenare o che destino delle spose della anime. dal o aver Condividendo di tempio questa quali teoria, di ho con ci esposto l'elmo le ciò si Marte nella città Consolazione tra con il queste razza, stesse in parole: Quando lanciarmi

Ormai la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/065.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 12:12:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile