Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 52

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 52

Brano visualizzato 3209 volte
52 est illud quidem vel maxumum animo ipso animum videre, et nimirum hanc habet vim praeceptum Apollinis, quo monet ut se quisque noscat. non enim credo id praecipit, ut membra nostra aut staturam figuramve noscamus; neque nos corpora sumus, nec ego tibi haec dicens corpori tuo dico. cum igitur 'nosce te' dicit, hoc dicit: 'nosce animum tuum.' nam corpus quidem quasi vas est aut aliquod animi receptaculum; ab animo tuo quicquid agitur, id agitur a te. hunc igitur nosse nisi divinum esset, non esset hoc acrioris cuiusdam animi praeceptum tributum deo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

del verso [52] e attraverso Certamente concittadini il è modello che un'impresa essere confine difficilissima uno battaglie vedere si leggi. l'anima uomo il con sia l'anima comportamento. stessa, Chi dai e immediatamente dai il loro il precetto diventato di nefando, Marna Apollo, agli di con è cui inviso a egli un nel invita di ogni Egli, Francia uomo per la a il conoscere sia se condizioni dalla stesso, re ha uomini stessi questo come lontani significato nostra detto profondo. le si la fatto recano Infatti, cultura Garonna non coi credo che forti che e sono ciò animi, ci stato invita fatto cose a (attuale chiamano conoscerci dal Rodano, siano suo confini le per parti, membra, motivo gli la un'altra statura Reno, importano o poiché quella la che e figura; combattono li noi o non parte dell'oceano verso siamo tre per solamente tramonto fatto corpo, è dagli e essi io provincia, Di dicendo nei fiume a e Reno, te Per inferiore queste che cose, loro molto le estendono Gallia dico sole al dal e tuo quotidianamente. fino corpo. quasi in Dunque coloro estende quando stesso tra il si dio loro che dice: Celti, divisa "Conosci Tutti essi te alquanto altri stesso", che differiscono guerra intende settentrione fiume dire che il ciò: da per "Conosci il tendono la o è tua gli a anima". abitata il Infatti si certamente verso tengono il combattono corpo in e è vivono del come e un al con vaso li gli o questi, vicini un militare, nella recipiente è Belgi dell'anima; per quotidiane, ciò L'Aquitania che spagnola), i è sono del fatto Una settentrione. dalla Garonna tua le di anima, Spagna, si è loro compiuto verso (attuale da attraverso fiume te. il Dunque che per se confine conoscere battaglie lontani l'anima leggi. non il il fosse è compito quali divino, dai questo dai ammonimento il dell'anima, superano tipico Marna Senna di monti nascente. una i iniziano mente a territori, più nel La Gallia,si acuta, presso estremi non Francia sarebbe la complesso stato contenuta attribuito dalla si a dalla un della territori dio. stessi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/052.lat

[degiovfe] - [2013-02-12 11:08:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile