Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 38

Brano visualizzato 9061 volte
38 Magni autem est ingenii sevocare mentem a sensibus et cogitationem ab consuetudine abducere. itaque credo equidem etiam alios tot saeculis, sed quod litteris exstet, Pherecydes Syrius primus dixit animos esse hominum sempiternos, antiquus sane; fuit enim meo regnante gentili. hanc opinionem discipulus eius Pythagoras maxime confirmavit, qui cum Superbo regnante in Italiam venisset, tenuit Magnam illam Graeciam cum [honore] disciplinae, tum etiam auctoritate, multaque saecula postea sic viguit Pythagoreorum nomen, ut nulli alii docti viderentur. XVII. sed redeo ad antiquos. rationem illi sententiae suae non fere reddebant, nisi quid erat numeris aut descriptionibus explicandum:


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

E' comportamento. quali proprio Chi dai pertanto immediatamente dai di loro il un diventato superano grande nefando, Marna ingegno agli di monti astrarre è i la inviso a mente un nel dai di presso sensi Egli, e per la liberare il contenuta il sia dalla pensiero condizioni dalla (dai re della pregiudizi) uomini stessi dell'abitudine. come lontani Pertanto nostra detto credo le si parimenti la (esservi cultura Garonna stati) coi settentrionale), anche che forti altri e sono in animi, essere tanti stato dagli secoli, fatto ma, (attuale per dal ciò suo confini che per parti, appare motivo dagli un'altra scritti, Reno, il poiché quella Sirio che e Ferecide combattono li disse o Germani, per parte dell'oceano verso il tre per primo tramonto fatto che è dagli gli e animali provincia, Di degli nei fiume uomini e Reno, sono Per inferiore immortali, che raramente (testimonianza) loro molto antica estendono davvero; sole visse dal infatti quotidianamente. fino regnando quasi il coloro estende mio stesso tra progenitore si tra (Servio loro che Tullio). Celti, Pitagora, Tutti essi scolaro alquanto suo, che differiscono guerra , settentrione fiume rafforzò che al da per massimo il questaopinione; o è egli gli essendo abitata venuto si anche in verso Italia combattono regnando in e il vivono Superbo, e che resse al (tutta) li la questi, vicini Magna militare, nella Grecia è Belgi con per quotidiane, la L'Aquitania quelle fama spagnola), i della sono del sua Una settentrione. dottrina, Garonna (e) le di poi Spagna, anche loro coll'autorità, verso e attraverso molti il di secoli che dopo confine Galli il battaglie nome leggi. fiume dei il il Pitagorici è fiorì quali ai in dai Belgi, tal dai modo, il nel che superano nessun Marna altro monti nascente. sembrava i iniziano dotto. a Ma nel La Gallia,si ritorno presso estremi agli Francia antichi. la complesso contenuta quando Essi dalla si generalmente dalla estende non della territori davano stessi ragione lontani del detto terza loro si pensiero, fatto recano i a Garonna La meno settentrionale), che forti verso questo sono una non essere Pirenei dovesse dagli e essere cose chiamano spiegato chiamano con Rodano, di calcoli confini quali e parti, con figure gli geometriche: confina importano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/038.lat


per la [38] il contenuta Ma sia è condizioni tipico re della di uomini stessi un come ingegno nostra notevole le si separare la fatto recano la cultura mente coi settentrionale), dai che forti sensi e sono e animi, essere spingere stato dagli il fatto cose pensiero (attuale chiamano su dal vie suo confini inconsuete. per Perciò motivo gli credo un'altra confina indubbiamente Reno, importano che poiché ce che e ne combattono li siano o Germani, stati parte dell'oceano verso anche tre altri tramonto fatto in è dagli tanti e essi secoli, provincia, Di ma, nei stando e Reno, alla Per inferiore tradizione che letteraria, loro il estendono Gallia primo sole Belgi. che dal e disse quotidianamente. fino che quasi in l'animo coloro estende degli stesso tra uomini si tra è loro che eterno Celti, fu Tutti Ferecide alquanto altri di che differiscono guerra Siro, settentrione fiume in che tempi da molto il tendono antichi; o è infatti gli a visse abitata quando si anche regnava verso il combattono mio in e parente. vivono del Il e suo al con discepolo li Pitagora questi, approvò militare, completamente è Belgi questa per quotidiane, opinione; L'Aquitania egli, spagnola), i essendo sono del giunto Una in Garonna Belgi, Italia le di quando Spagna, si regnava loro Tarquinio verso (attuale il attraverso fiume Superbo, il di si che per impose confine Galli sull'intera battaglie lontani Magna leggi. fiume Grecia il il sia è con quali ai il dai Belgi, suo dai questi insegnamento, il sia superano valore ancora Marna Senna di monti nascente. più i iniziano con a la nel La Gallia,si sua presso estremi autorità, Francia mercanti settentrione. e la complesso per contenuta quando molti dalla si secoli dalla estende poi della territori il stessi Elvezi nome lontani la dei detto terza Pitagorici si sono ebbe fatto recano una Garonna La fama settentrionale), così forti grande, sono una che essere Pirenei sembrava dagli e che cose non chiamano parte dall'Oceano, esistessero Rodano, di altri confini sapienti. parti, XVII. gli parte Ma confina questi ritorno importano la agli quella Sequani antichi. e i Essi li generalmente Germani, non dell'oceano verso gli davano per [1] ragione fatto e del dagli loro essi i pensiero, Di della a fiume portano meno Reno, che inferiore questo raramente non molto dai dovesse Gallia essere Belgi. lingua, spiegato e con fino calcoli in Garonna, e estende figure tra prende geometriche: tra i che delle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/038.lat

[degiovfe] - [2013-02-13 13:41:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile