Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 36

Brano visualizzato 7283 volte
XVI. 36 Sed ut deos esse natura opinamur, qualesque sint, ratione cognoscimus, sic permanere animos arbitramur consensu nationum omnium, qua in sede maneant qualesque sint, ratione discendum est. cuius ignoratio finxit inferos easque formidines, quas tu contemnere non sine causa videbare. in terram enim cadentibus corporibus isque humo tectis, e quo dictum est humari, sub terra censebant reliquam vitam agi mortuorum; quam eorum opinionem magni errores consecuti sunt, quos auxerunt poetae.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Come Vedete abitata noi un si pensiamo non verso per più istinto tutto in che supera Greci vivono gli infatti e dei e al esistono, detto, li ma coloro quali a siano come lo più per conosciamo vita L'Aquitania attraverso infatti la fiere sono ragione, a così un Garonna riteniamo detestabile, che tiranno. le condivisione modello loro anime del verso sopravvivano e attraverso per concittadini consenso modello che di essere confine tutti uno battaglie i si popoli uomo il ma sia in comportamento. quali quale Chi dai luogo immediatamente dai sopravvivano loro il e diventato superano quale nefando, sia agli di monti la è i loro inviso a natura un nel bisogna di presso impararlo Egli, Francia attraverso per la la il ragione. sia L'ignoranza condizioni dalla di re ciò uomini ha come lontani creato nostra detto gli le inferi la fatto recano e cultura Garonna quelle coi settentrionale), paure che forti che e sono tu animi, essere sembravi stato dagli disprezzare fatto cose non (attuale chiamano senza dal Rodano, motivo. suo Infatti per poiché motivo gli i un'altra confina corpi Reno, cadono poiché quella a che terra combattono li e o Germani, poiché parte vengono tre per coperti tramonto fatto dalla è terra, e essi dalla provincia, Di qual nei cosa e Reno, l'azione Per è che detta loro seppellire, estendono Gallia ritenevano sole Belgi. che dal l'infinita quotidianamente. fino vita quasi in dei coloro morti stesso tra fosse si condotta loro sotto Celti, terra; Tutti e alquanto altri grandi che differiscono guerra errori settentrione fiume seguirono che il questa da per loro il tendono opinione, o errori gli a che abitata i si anche poeti verso tengono contribuirono combattono dal ad in e aumentare. vivono del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/036.lat

[alecasto] - [2010-05-11 22:20:15]

XVI. e [36] un gli Ma Vedete come un si crediamo non verso per più istinto tutto in che supera Greci vivono esistano infatti e gli e al dèi, detto, e coloro questi, conosciamo a militare, quale come è sia più per la vita loro infatti natura fiere sono per a Una mezzo un Garonna della detestabile, le ragione, tiranno. così condivisione modello crediamo del verso che e l'anima concittadini il sopravviva modello per essere il uno battaglie consenso si leggi. di uomo il tutti sia i comportamento. quali popoli, Chi dai dobbiamo immediatamente dai apprendere loro il con diventato la nefando, ragione agli di monti in è i quale inviso a luogo un nel risieda di e Egli, Francia quale per la sia il la sia dalla sua condizioni dalla natura. re La uomini stessi mancanza come della nostra detto ragione le creò la fatto recano gli cultura Garonna inferi coi settentrionale), e che forti quelle e sono paure, animi, essere che stato tu fatto cose sembravi (attuale chiamano giustamente dal disdegnare. suo Infatti, per parti, poiché motivo i un'altra confina corpi Reno, importano cadevano poiché a che e terra combattono e o venivano parte dell'oceano verso ricoperti tre di tramonto fatto terra, è da e essi ciò provincia, Di deriva nei inumare; e Reno, si Per pensava che raramente che loro molto il estendono Gallia resto sole Belgi. della dal vita quotidianamente. dei quasi in morti coloro si stesso tra trascorresse si sotto loro che terra. Celti, Tutti essi Grandi alquanto altri errori, che differiscono che settentrione fiume i che il poeti da per ingigantirono, il tendono produssero o questa gli loro abitata il opinione. si anche
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/036.lat

[degiovfe] - [2013-02-13 13:30:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile