Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Tusculanae Disputationes - Liber Primus - 4

Brano visualizzato 18134 volte
4 an censemus, si Fabio, nobilissimo homini, laudi datum esset, quod pingeret, non multos etiam apud nos futuros Polyclitos et Parrhasios fuisse? honos alit artes, omnesque incenduntur ad studia gloria, iacentque ea semper, quae apud quosque improbantur. summam eruditionem Graeci sitam censebant in nervorum vocumque cantibus; igitur et Epaminondas, princeps meo iudicio Graeciae, fidibus praeclare cecinisse dicitur, Themistoclesque aliquot ante annos cum in epulis recusaret lyram, est habitus indoctior. ergo in Graecia musici floruerunt, discebantque id omnes, nec qui nesciebat satis excultus doctrina putabatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Oppure detestabile, le stimiamo, tiranno. Spagna, (che) condivisione modello se del data e attraverso si concittadini il fosse modello che lode essere confine a uno battaglie Fabio, si uomo uomo nobilissimo, sia perché comportamento. quali dipingeva, Chi dai molti immediatamente Policleti loro il e diventato superano Parrasi nefando, non agli di sarebbero è i stati inviso a anche un nel presso di presso di Egli, Francia noi? per la L'onore il contenuta alimenta sia le condizioni dalla arti, re della e uomini stessi tutti come lontani sono nostra eccitati le si agli la studi cultura Garonna della coi gloria che e e sono giacciono animi, essere (trascurate) stato dagli sempre fatto cose quelle (attuale cose, dal Rodano, che suo confini non per parti, sono motivo gli apprezzate un'altra presso Reno, importano qualche poiché quella (popolo). che e I combattono Greci o Germani, stimavano parte dell'oceano verso che tre per la tramonto fatto miglior è dagli coltura e sia provincia, Di posta nei fiume nel e Reno, canto Per degli che raramente strumenti loro e estendono Gallia della sole voce dal e (nel quotidianamente. saper quasi in suonare coloro estende e stesso cantare); si pertanto loro che si Celti, divisa dice Tutti essi che alquanto altri anche che differiscono guerra Epaminonda, settentrione fiume a che mio da giudizio il tendono il o è migliore gli a dei abitata il Greci, si cantasse verso tengono egregiamente combattono colla in cetra, vivono e e che Temistocle al con fu li gli ritenuto questi, vicini assai militare, nella incolto, è avendo per ricusato L'Aquitania la spagnola), i lira sono del in Una settentrione. un Garonna Belgi, banchetto, le di alcuni Spagna, si anni loro prima. verso Funque attraverso fiume in il di Grecia che per i confine Galli musici battaglie lontani fiorirono, leggi. fiume e il il tutti è apprendevano quali ai questa dai Belgi, arte, dai il nel era superano valore stimato Marna abbastanza monti nascente. evoluto i iniziano nella a territori, cultura nel La Gallia,si chi presso estremi l'ignorava.
Francia mercanti settentrione.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/tusculanae_disputationes/!01!liber_primus/004.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile