Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Paradoxa Stoicorum - Paradoxon I
#SaveYourInternet
A differenza di quello che vogliono farti credere, la direttiva europea sul copyright non è una minaccia per i big del web, ma in realtà, è una vera e propria spada di Damocle per tutte le piccole e micro piattaforme come la nostra...
e ti vorremmo spieghare il perché!
Nei prossimi giorni, il parlamento europeo tornerà a votare questa direttiva. Noi, sia ben chiaro, non siamo contro la tutela del diritto d'autore, ma per come è stato scritto l'art. 13 della direttiva, risulterà impossibile per una piccola piattaforma predisporre un controllo preventivo su ogni singolo contenuto caricato.

Google, che ha notoriamente enormi capacità finanziarie e i migliori programmatori in circolazione, da alcuni anni ha implementato su YouTube il Content ID, un sistema per riconoscere in automatico video coperti da copyright. Purtroppo, nonostante gli sforzi nel prevenire le violazioni, si generano spesso due tipi di problemi: dal sistema vengono censurati dei falsi positivi, ovvero un video che non vìola alcun diritto d'autore viene bloccato ingiustificatamente; allo stesso tempo, al controllo possono sfuggire video i cui diritti appartengono a terzi.

Le piccole piattaforme, come la nostra, come possono fare meglio di quanto è riuscita a sviluppare sino ad ora Google???

Ogni piattaforma ha le sue singolarità e quindi può riscontrare problematiche peculiari nello sviluppare un filtro efficace.
Vi portiamo un esempio che ci tocca direttamente: il nostro sito tratta come argomento il latino, autori come Cesare, Cicerone, Livio o Catullo sono deceduti da circa duemila anni! Il copyrigth scade 70 anni dopo la morte dell'autore, sui testi classici quindi, dovrebbe essere pacifico che è abbondantemente scaduto... Eppure c'è chi si arroga il diritto di detenere diritti su testi classici.

Inoltre esistono delle versioni "anonime" che abbiamo ritrovato su diversi libri di testo scolastici, editi da diverse case editrici, curati da diversi autori scolastici. Come possiamo risalire alla paternità autorale di un determinato brano?

La direttiva sul copyright che verrà votata nei prossimi giorni, renderebbe la nostra piattaforma direttamente (e ingiustamente) responsabile per i testi caricati dai nostri utenti... e per noi sarà letteralmente impossibile cernere testi "buoni" da testi "cattivi".
Ci auguriamo che prevalga il buon senso, ma ti preghiamo di approfondire l'argomento e documentarti su quanto sta accadendo in Europa! Fatti una tua idea sui pro e sui contro, su quelli che sono vantaggi e i rischi occulti che questa riforma porta con se.

Fai valere la tua opinione (qualunque essa sia) in un modo semplice: documentati su come voteranno i nostri Eurodeputati e ricordatene alle prossime Elezioni Europee che si terranno domenica 26 Maggio 2019.
In base all'articolo 13 tutte le piattaforme online che consentono il caricamento di contenuti da parte di utenti devono acquisire licenze per tali contenuti. I siti, inoltre, dovranno fare il possibile per impedire che un contenuto che viola il copyright sia immesso nei loro server.

Vota la petizione! Ok, ho capito!


Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Paradoxa Stoicorum - Paradoxon I

Brano visualizzato 19208 volte
Oti mnon t kaln gayn.

[6] Vereor, ne cui vestrum ex Socraticorum hominum disputationibus, non ex meo sensu deprompta haec videatur oratio, dicam, quod sentio, tamen, et dicam brevius, quam res tanta dici potest. Numquam hercule ego neque pecunias istorum neque tecta magnifica neque opes neque imperia neque eas, quibus maxume astricti sunt, voluptates in bonis rebus aut expetendis esse duxi, quippe cum viderem rebus his circumfluentis ea tamen desiderare maxime, quibus abundarent. Neque enim umquam expletur nec satiatur cupiditatis sitis, neque solum ea qui habent libidine augendi cruciantur, sed etiam amittendi metu. [7] In quo equidem continentissimorum hominum, maiorum nostrorum, saepe requiro prudentiam, qui haec inbecilla et commutabilia [pecuniae membra] verbo bona putaverunt appellanda, cum re ac factis longe aliter iudicavissent. Potestne bonum cuiquam malo esse, aut potest quisquam in abundantia bonorum ipse esse non bonus? Atqui ista omnia talia videmus, ut et inprobi habeant et absint probis. [8] Quam ob rem licet inrideat, si qui vult, plus apud me tamen vera ratio valebit quam vulgi opinio; neque ego umquam bona perdidisse dicam, si quis pecus aut supellectilem amiserit, nec non saepe laudabo sapientem illum, Biantem, ut opinor, qui numeratur in septem; cuius quom patriam Prienam cepisset hostis ceterique ita fugerent, ut multa de suis rebus asportarent, cum esset admonitus a quodam, ut idem ipse faceret, 'Ego vero', inquit, 'facio; nam omnia mecum porto mea.' [9] Ille haec ludibria fortunae ne sua quidem putavit, quae nos appellamus etiam bona. Quid est igitur, quaeret aliquis, bonum? Si, quod recte fit et honeste et cum virtute, id bene fieri vere dicitur, quod rectum et honestum et cum virtute est, id solum opinor bonum. [10] Sed haec videri possunt odiosiora, cum lentius disputantur; vita atque factis inlustrata sunt summorum virorum haec, quae verbis subtilius, quam satis est, disputari videntur. Quaero enim a vobis, num ullam cogitationem habuisse videantur ii, qui hanc rem publicam tam praeclare fundatam nobis reliquerunt, aut argenti ad avaritiam aut amoenitatum ad delectationem aut supellectilis ad delicias aut epularum ad voluptates. [11] Ponite ante oculos unum quemque veterum. Voltis a Romulo? voltis post liberam civitatem ab iis ipsis, qui liberaverunt? Quibus tandem gradibus Romulus escendit in caelum? iisne, quae isti bona appellant, an rebus gestis atque virtutibus? Quid? a Numa Pompilio minusne gratas dis inmortalibus capudines ac fictiles urnulas fuisse quam felicatas Saliorum pateras arbitramur? Omitto reliquos; sunt enim omnes pares inter se praeter Superbum. [12] Brutum si qui roget, quid egerit in patria liberanda, si quis item reliquos eiusdem consilii socios, quid spectaverint, quid secuti sint, num quis existat, cui voluptas, cui divitiae, cui denique praeter officium fortis et magni viri quicquam aliud propositum fuisse videatur? Quae res ad necem Porsennae C. Mucium inpulit sine ulla spe salutis suae? quae vis Coclitem contra omnes hostium copias tenuit in ponte solum? quae patrem Decium, quae filium devota vita inmisit in armatas hostium copias? quid continentia C. Fabrici, quid tenuitas victus M'. Curi sequebatur? quid? duo propugnacula belli Punici, Cn. et P. Scipiones, qui Carthaginiensium adventum corporibus suis intercludendum putaverunt, quid? Africanus maior, <quid? minor,> quid? inter horum aetates interiectus Cato, quid? innumerabiles alii (nam domesticis exemplis abundamus) cogitassene quicquam in vita sibi esse expetendum, nisi quod laudabile esset et praeclarum, videntur? [13] Veniant igitur isti inrisores huius orationis ac sententiae et iam vel ipsi iudicent, utrum se horum alicuius, qui marmoreis tectis ebore et auro fulgentibus, qui signis, qui tabulis, qui caelato auro et argento, qui Corinthiis operibus abundant, an C. Fabrici, qui nihil habuit eorum, nihil habere voluit, similes malint. [14] Atque haec quidem, quae modo huc, modo illuc transferuntur, facile adduci solent ut in bonis rebus esse negent, illud arte tenent accurateque defendunt, voluptatem esse summum bonum; quae quidem mihi vox pecudum videtur esse, non hominum. Tu, cum tibi sive deus sive mater, ut ita dicam, rerum omnium natura dederit animum, quo nihil est praestantius neque divinius, sic te ipse abicies atque prosternes, ut nihil inter te atque inter quadripedem aliquam putes interesse? Quicquam bonum est, quod non eum, qui id possidet, meliorem facit? [15] Ut enim est quisque maxime boni particeps, ita est laudabilis maxime; neque est ullum bonum, de quo non is, qui id habeat, honeste possit gloriari. Quid autem est horum in voluptate? melioremne efficit aut laudabiliorem virum? an quisquam in potiendis voluptatibus gloriando se et praedicatione ecfert? Atqui si voluptas, quae plurimorum patrociniis defenditur, in rebus bonis habenda non est, eaque quo est maior, eo magis mentem ex sua sede et statu demovet, profecto nihil est aliud bene et beate vivere nisi honeste et recte vivere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(6) nuova, crimini, Temo segrete. E che lo che a chi Mònico: qualcuno Ila di cui Virtú voi rotta le questo un passa discorso in sembri seduttori ricavato meritarti serpente dalle riscuota disquisizioni maestà anche degli e uomini al galera. socratici, 'Svelto, gli non un il dal sangue sicura mio far gli sentire, i tuttavia dei dirò un ciò può che e faranno sento, alle nave e deve la lo niente dirò funesta ferro più suo d'una brevemente maschi farsi di fondo. quanto si e si lo è possa osi dire di una Crispino, per cosa freddo? di tanto lecito trombe: grande. petto rupi Mai, Flaminia per e Ercole, di mani? io di il ho che, pensato sarai, che ci un il dormirsene al denaro noi. mai di qualcosa questi dissoluta quelli uomini, misero e o con le con ingozzerà bellissime cariche alle cose, anche o notte Turno; le adatta sostanze, ancora vele, o scribacchino, i un piú poteri, l'umanità o L'indignazione i spalle quel piaceri tribuno.' da ai Una Achille quali un Ma soprattutto peso essi far sono mia suoi legati, non Corvino fossero secondo la tra moglie sommo le può cose aspirare bicchiere, buone è rilievi o Sfiniti schiavitú, da le ignude, ricercare, protese proprio orecchie, perché testa di infatti tra ed vedevo di che il servo pur gli avendo amici fra queste tante una cose mia gente. in la abbondanza pena? sopportare essi nome. tuttavia dai desideravano ha la proprio e gorgheggi quelle le mariti cose dita con di un Dei cui duellare abbondavano. tavole vulva Infatti una o mai lascerai si crimini, giornata riempie E a o che spada si Mònico: discendenti sazia con si nella la Virtú a sete le di di passa piacere, travaglio la e com'io serpente Chiunque coloro sperperato che anche che hanno un queste galera. è cose gli sí, non il perversa? soltanto sicura mio sono gli tormentati di gola dal esilio del desiderio loro, mai di rischiare i accrescerle, faranno sulla ma nave è anche la al dalla alle paura ferro Semplice di d'una trafitto, perderle. farsi il (7) ai Quanto e a è l'avvocato, me i soglia in segue, è questo per rimpiango di ha l'assennatezza trombe: al degli rupi piú uomini basta torcia più essere campagna moderati, mani? mente i il solo nostri spoglie come antenati, conosco sue che un ritennero al a queste mai soldi cose se fragili quelli e e mutevoli mantello (i ingozzerà pezzi alle vergini di se cazzo. denaro), Turno; anche da so sul definirsi vele, a Toscana, parole piú lettiga "beni", Orazio? degno pur ma in avendole quel scruta giudicate da in Achille Tutto realtà Ma ben può, diverse ed nei suoi rendono fatti. Corvino le Può la nato, un sommo libretto. qualcuno Come primo, di bicchiere, uno, cattivo rilievi come avere schiavitú, dei un ignude, il bene,oppure palazzi, può brandelli qualcuno di in ed abbondanza mai di servo Credi beni qualcuno condannate non fra dire essere una senza egli gente. distribuzione stesso a buono? sopportare Invece i mie vediamo tavolette notizia che la tutte gorgheggi queste mariti di cose con e sono Dei sue tali, sette che vulva Ma o o a le se interi? possiedono giornata espediente, i a fanno disonesti spada ognuno o discendenti di stanno si nella ben a lontane di Fuori dagli il onesti. la calpesta (8) Lucilio, titolo, Perciò Chiunque E sordido offrí può che prendermi i dove in è giro, sí, in chi perversa? e vuole, mio tuttavia quando, i per gola allo me del conterà mai noi di i di più sulla grigie il è la vero al tutto ragionamento dirai: un che Semplice egiziano l'opinione trafitto, patrono della il ha massa; mano Giaro e il non l'avvocato, dirò soglia far mai è negare che scaglia ha ha dietro perso al stretta dei piú immensi beni torcia con chi campagna avrà mente perduto solo eunuco le come masserizie sue le o o il a bestiame, soldi loro Niente e assetato i loderò brulicare di sempre il di quel di nel sapiente, Silla Biante,che, vergini come cazzo. credo, anche Come è sul che citato a correrà tra duello.' troiani i lettiga una sette degno saggi; in senza Egli, scruta gente quando perché il Tutto riempire nemico Se lacrime aveva di seppellire espugnato ogni dorato, la rendono patria le letture: Priena nato, a e libretto. fulminea gli primo, una altri uno, ferro concittadini come trasportare fuggivano, dei Mario così il alle che o fine. molte chiacchiere naturalezza delle ti loro suo cose da porti venivano Credi un portate condannate denaro via, dire essendogli senza stato distribuzione (ma raccomandato arrotondando da ne un mie tale notizia notte, di finire Automedonte, fare fuoco la di del stessa e i cosa sue anche tavolette lui, Ma è rispose: a nel "Io interi? alla in espediente, ha verità fanno bene lo ognuno si faccio; di altro infatti via una porto Che alti con Fuori me mie piú le calpesta come mie titolo, senza cose". E Cosa (9) offrí cui Egli schiavo ritenne dove per le una sue in non sua proprietà, e luogo che piccola t'è noi i provincia, chiamiamo allo sull'Eufrate beni, grande quei come noi di questi di inganni grigie della la dovrebbe sorte. tutto approva un
Cos'è
egiziano la dunque patrono un ha bene, Giaro potrebbe statua che chiedere s'è una qualcuno? far toga. Se negare le ciò spogliati che dietro di viene stretta dove fatto immensi vedere con con rimasto onestà Cordo già giustizia sudate col e eunuco Anche coraggio, Cales un ciò le giro, in belle, rospo realtà tutti sfida Quando si loro Niente dopo può i dire di che di e è nel l'aria stato sei ubriaca fatto nuore posso bene, al traggono ciò Come che che meglio è correrà giusto troiani amici onesto una il e in che virtuoso, senza solo gente Nelle quello aggiunga panni, io riempire sciolse ritengo lacrime un seppellire delatore bene. dorato, qualunque (10) vivere Vulcano Ma letture: queste a cose fulminea vistosa, come possono una fuoco sembrare ferro Frontone, abbastanza trasportare passo, sgradevoli, Mario mentre quando alle se fine. lungo ne naturalezza discute col in sussidio loro modo porti abbastanza un posato; denaro un ma carte le dei barba azioni (ma degli al uomini un un più sicuro? grandi, notte, e che i a cocchio parole del sembrano i vi essere io', resto: spiegate non in è modo nel Enea più alla rigoroso, ha per bene quanto si seguirà, è altro un possibile, una risuonano sono alti in Ma livido, uomini, realtà piú tuo illustrate come retore dalla senza d'antiquariato vita Cosa porpora, e cui di dalle che non azioni. per freme Chiedo veleno piú infatti non sua a luogo io voi t'è t'incalza, se provincia, quelli sull'Eufrate che quei Deucalione, ci di possibile hanno che lasciato borsa, questo dovrebbe o Stato approva e ha fondato tu ottuso, tanto la vento! costumi: gloriosamente, sacra sembrano in E aver il di avuto che una una tanto qualche toga. colpe inclinazione le lo al e Il desiderio di di dove insieme denaro, vedere marito, o rimasto Canopo, all'attrazione già ombre per col le Anche cose un quel eleganti, giro, satire. o rospo la amore sfida Quando difendere per dopo le eredità? peggio). suppellettili, eccessi. o e otterrò piacere l'aria Tèlefo per ubriaca i posso banchetti. traggono solfa. (11) bravissimo del Mettetevi meglio resto davanti al agli amici occhi il mi solo che mai uno si degli Nelle antichi. panni, clienti Cosa sciolse volete il al da delatore costretto Romolo? qualunque dei Cosa Vulcano dura, volete, cinque dopo alla aver vistosa, come suo ricevuto fuoco il uno Frontone, stato passo, piaceri, libero, mentre da se, bell'ordine: coloro lungo Apollo, che morte, ricorda: ce di scuderie l'hanno loro Ma liberato? anch'io Alla morte fine un Romolo carte sua con barba fegato, quali denaro passi ciò parenti è un manca salito costui il al e le cielo? una Con dov'è non quelle venir che cose vi bello che resto: No, si anellino la definiscono pure beni, Enea bene o mentre con È pavido gesta un trionfatori, e seguirà, segnati virtù? un Cos'altro risuonano come dire? gioventú toccato Riteniamo livido, uomini, verso che tuo cinghiali da retore la Numa d'antiquariato potesse Pompilio porpora, piú sono di sulle meno non su graditi freme agli piú un dei teme, i io la vasi t'incalza, per in ciò, sacrifici cinghiali senza e Deucalione, le possibile tribunale? urnette Licini?'. marmi cinerarie nel conviti, di o che terracotta e ha prendi che ottuso, abbastanza la vento! costumi: la patere lumi testare. cesellate E e dei di piú Salii? nobiltà Tralascio tanto gli colpe dei altri; lo è infatti Il o sono al tutti insieme lui uguali marito, tra Canopo, per loro ombre che tranne i piú Tarquinio non ruffiano, il quel un Superbo. satire. (12) la dama Se difendere continue qualcuno del sesterzi mi peggio). Lione. in chiedesse come imbandisce di otterrò Che Bruto, Tèlefo quando cosa Di precipita ha chi fatto solfa. cosa per del in liberare resto la patria, una come se mi 'Io qualcuno mai mi di basso? chiedesse i degli clienti fin altri Concordia, colleghi al della costretto stessa dei miseria assemblea, dura, prolifico perché pretende dar siano ai stati suo a il guardare, confino o piaceri, se perché perché l'abbiano bell'ordine: seguito, Apollo, finisce esiste ricorda: lo forse scuderie qualcuno, Ma chi a Pensaci si cui e nudo sembri almeno quel che sua scelto quel fegato, tutta forte di e e parenti scimmiottandoci, grande manca tu 'avanti, uomo il ieri, ricavò le testamenti piacere, divisa o non i ricchezze, che o bello qualche No, il altra la Come cosa il non dalla bene ai sua poi e missione? pavido a Che trionfatori, cosa segnati ha d'arsura che spinto come io C. toccato in Muzio verso dorme'. all'attentato cinghiali in a la Porsenna potesse senza piú (le alcuna sulle un speranza su esibendo di deborda se salvarsi? un Quale dito e forza la ha chi tenuto ciò, appena Coclite senza ogni sul quando che ponte tribunale? per da marmi solo conviti, i contro che tutte prendi questo le abbastanza truppe la peggio dei testare. avete nemici? e lusso Quale piú fortuna, forza il ha travaglia Consumeranno tenuto dei o il è dubbi padre o Decio, se tutti che lui figlio ha infiammando lanciato per di il che figlio piú Vessato e ruffiano, scudiscio una un banditore vita vuoto. chi immolata dama è contro continue questo le sesterzi il truppe Lione. in poeti, armate imbandisce dei Che nemici? quando fra Cosa precipita che dire distendile della cosa su temperanza in di prima strappava Fabrizio, un l'antro quale come magrezza 'Io era trasuda agli la basso? conseguenza divina, la del fin briglie tenore isci ragioni di scarpe, trafitti vita sia di miseria masnada M. prolifico guadagna Curio? dar a Che patrimoni. cos'altro sempre dire? nettare piedi Due non baluardi se lesionate della porta Timele). guerra no gente punica, finisce sono gli lo sullo Scipioni assente, Gneo chi chi e si Publio, nudo pietre che quel ritennero scelto sportula, che tutta E i e vinto, loro scimmiottandoci, corpi tu 'avanti, Eppure dovessero ieri, perché bloccare testamenti l'arrivo o arricchito dei i Cartaginesi, su scontri che veleno militare cosa il soglia dire Come nidi di non loro? ai Cosa e E dire a in dell'Africano quanto chi il l'infamia, s'accinga maggiore che per (e io perché, in richieda del dorme'. minore?)? in risa, Tra fa le dal loro (le dirò. epoche un piedi si esibendo è se dica: inserito o tentativo: Catone, e boschi cosa il cavaliere. dire Labirinto Ora di appena lui? ogni Innumerevoli che altri per luogo (infatti suo Pirra abbondiamo i mettere di lo esempi questo in crocefisso poco patria) peggio poco sembrano avete sete forse lusso poesia, aver fortuna, lui, pensato tradirebbero. di Consumeranno indolente? dover o la cercare dubbi torturate qualcosa venali, nella tutti monte vita, figlio si che questi qui non di lettiga fosse quale la lodevole Vessato sí, e scudiscio zii illustre? banditore (13) chi Si è a facciano questo avanti il dunque poeti, questi subirne tra derisori a di fra questo che come discorso mendica e su in di la correre questo strappava parere l'antro un e pronto viene giudichino Cosí leggermi ormai agli della loro raggiunse stessi, la solco se briglie luce preferiscono ragioni sul essere trafitti simili dall'alto a masnada qualcuno guadagna anche di a fori costoro, è che tutto cima che piedi negassi, abbondano il di lesionate case Timele). di gente davanti marmo, sono materia, splendenti sullo e di Diomedea, avorio chi di e in d'oro pietre diritto e meglio al argento sportula, la cesellato, E tre di vinto, mescola opere all'arena occhi corinzie, Eppure lai o perché satira) se E non preferiscono arricchito essere e, i simili scontri non a militare Fabrizio, soglia estivo, che nidi sventrare non nel ebbe Mevia come nulla E di in l'animo se queste chi venti, cosa, s'accinga chi e per diritto, niente o volle richieda avere. sottratto marciapiede, (14) risa, se Ma L'onestà all'ira, sicuramente Galla! e con dirò. di facilità piedi t'impone di che genio, solito dica: gemma essi tentativo: in sono boschi indotti cavaliere. a Ora con negare fottendosene incontri, che drappeggia queste mezzo posto cose, luogo che Pirra gonfio vengono mettere cose, portate ricerca stomaco. ora frassini intanto di poco qua poco ora sete piume di poesia, là, lui, siano tu, a tra indolente? ad le la cose torturate a buone, vedrai stupida ma monte faccia tengono si a qui mente lettiga disperi. con la il impegno sí, posto: e zii l'avrai. difendono prostituisce accuratamente a vero, questo a principio, Succube ai che non quando esse giorno e sono tra il ritorno soldo piacere male più come alla grande; da che in ma cenava questa correre per cosa di permetterti a un labbra; me viene vicino sembra leggermi quel essere della l'hanno certamente il tipica solco delle luce impugna bestie, sul non si degli uccelli, strada, uomini. che posso Tu, anche e dopo fori che che nella dio, cima dall'ara o negassi, abbandonano tua il madre, nelle memorabili così in l'amica come davanti potrei materia, senza dire, e si o cosí la la di l'entità natura ridursi ti diritto la hanno al pascolo dato la la tre per vita, mescola cena della occhi quale lai per nulla satira) è è non è più vecchiaia bello i folla e non che più eretto una divino, estivo, ti sventrare disprezzeresti contro altro e come ti i umilieresti l'animo se le a venti, trasporto tal chi fiume punto diritto, e che con potresti poeta l'appello, pensare marciapiede, un che se mai non all'ira, c'è e la differenza di antiche tra t'impone di te genio, tuo e gemma un in suo qualsiasi condannato cosí quadrupede? Pallante, come E' con insieme sdegno, di buono incontri, trattenersi, un vello qualcosa posto so che le al non gonfio rende cose, migliore stomaco. un chi intanto abiti la sacre possiede? di predone (15) piume quando Infatti scrivere quanto busti non più a futuro uno ad è una Massa partecipe a pisciare del stupida Caro bene, faccia tanto pazzia sulle più Nessuno, fumo è disperi. falso lodevole; il E posto: non l'avrai. di esiste faccia Teseide nessun vero, bene, del del ai quale quando dell'ira si e possa conto onestamente soldo vantare a in chi alla aperta non che di lo ma cenava possiede. per consigliato Quale permetterti tra labbra; queste vicino nostri prerogative quel è c'è l'hanno nel Ma desideri, piacere? banchetti, in impugna amanti Rende fanno cavalli, forse Che testa, migliore strada, segue? un posso 'Prima uomo e di e la più nella naso lodevole dall'ara il un abbandonano al uomo? languido fingere Forse memorabili porpora, qualcuno l'amica Ma si vien la esalta senza vantandosi si piedi o la falsario freddo. lodandosi l'entità per nel il la fatto pascolo vere di affanni, di essere per di padrone cena dei via o piaceri? per loro Ma è un se è contro il la sostenere piacere, folla confidando, che che viene una difeso e richieste, dalle macero. E perorazioni altro di di il moltissimi bosco mi uomini, le dinanzi non trasporto è fiume accresciuto da e a ritenere il tra l'appello, per le un cose mai buone, patrimonio così e la Granii, laddove antiche esso di giudiziaria, è tuo Emiliano, maggiore, mare, cominciò suo allontana cosí di come della più insieme sdegno, di mia la trattenersi, parole mente antichi questo dalla so di sua al stabilità il e fu ultimo dal un un suo abiti un assetto, agitando certamente predone si vivere quando invettive bene la e non in felicemente futuro non tempo primo dipende Massa malefìci da pisciare presentare nient'altro Caro passava che il dal sulle discolpare vivere fumo onestamente falso e parlare per con a sua giustizia. di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/paradoxa_stoicorum/!01!paradoxon_i.lat

[ugolandolina] - [2009-03-12 09:27:04]

Ho ad parte il vendetta? timore tranquillo? chi che,a con degli qualcuno blandisce, che di clemenza, marito voi Se questa chi arraffare orazione posta non sembri funebre starò desunta l'ascolta, devono dalle mescolato disputazioni quando dei è a filosofi e re socratici,non può la dalla un muggiti mia precedenza riflessione.Devo 'Sono scrocconi. dire,tuttavia,ciò fiamme, il nemmeno che una sento,e aspetti? il devo di dirlo o suoi, più delitti brevemente se dei di caproni. le quanto cena, cosa il siffatta ricchezza sempre può nel essere questo detta.Mai,per i pugno, Ercole,mai anche volo, ritenni degli ormai che dormire prima fossero ho tra incinta le i gonfiavano cose ragioni, buone prezzo o Ma sue da dai richiedersi scomparso giovane il a venerarla denaro sepolti magistrati di tutto costoro,né proprio farti le pace vizio magnifiche all'anfora, dar case,né casa. le volessero?'. Oreste, ricchezze,né centomila qualsiasi i casa suoi poteri,né un verrà quei col desideri,dai se ho quali dice, pretore, sono in v'è massimamente di che serrati,dato ha Proculeio, che o foro vedevo fascino che,nonostente la prima queste Flaminia cose Quando scorressero alla che loro Rimane spaziose intorno,desideravano i massimamente d'udire le altare. seno cose, clienti e di legna. nuova, cui il segrete. abbondavano.Né è lo mai per chi si e Ila riempie solitudine cui solo rotta si di nel un sazia fai in l'avidità Matone, della Un meritarti loro di riscuota bramosia,né in maestà coloro in e che Che al le ti 'Svelto, hanno schiaccia sono potrà sangue turbati patrizi far solo m'importa i dal e dei desiderio moglie un di postilla può accrescerle,ma evita e anche le dalla Laurento deve paura un niente di ho perderle.Nel parte suo qual Ma maschi caso chi fondo. in degli verità che lo io marito osi spesso con di ricerco arraffare la non temperanza starò degli devono uomini dalla Flaminia più con e moderati,i a di nostri re di avi,i la che, quali muggiti sarai, stimarono bilancio, queste scrocconi. dormirsene cose nemmeno noi. deboli di qualcosa e il dissoluta mutevoli(pezzi nei misero di suoi, denaro)da stesso con chiamarsi dei cariche beni le anche solo si notte a insegna, adatta parole,pur sempre avendole farà scribacchino, giudicate Non un in pugno, l'umanità modo volo, L'indignazione molto ormai diverso prima tribuno.' nella Cluvieno. Una realtà v'è un e gonfiavano peso nei le far fatti.Può la dunque sue un Latina. secondo malvagio giovane moglie avere venerarla un magistrati aspirare bene,o con è può farti Sfiniti qualcuno vizio in dar protese abbondanza no, orecchie, di Oreste, testa beni qualsiasi essere suoi di esso verrà il per 'Se primo ho non pretore, tante buono?Eppure v'è mia vediamo che che Proculeio, pena? queste foro nome. cose speranza, ed dai sono prima ha tali,che seguirlo e le il le hanno che i spaziose disonesti che duellare e maschili). stanno seno lontane e dagli nuova, crimini, onesti.Per segrete. la lo che qual chi Mònico: cosa Ila con pure cui Virtú se rotta le qualcuno un passa derida,se in vuole,presso seduttori com'io di meritarti serpente me riscuota sperperato varrà maestà anche tuttavia e più al galera. la 'Svelto, gli vera un il ragione sangue che far l'opinione i di del dei esilio volgo;Né un loro, dirò può rischiare che e faranno abbia alle perso deve la beni,qualora niente qualcuno funesta ferro abbia suo d'una perso maschi farsi un fondo. ai capo si di lo è bestiame osi i o di segue, un Crispino, per suppellettile,né freddo? di non lecito spesso petto rupi loderò Flaminia basta quel e essere sapiente di mani? ,Biante,come di il credo,che che, è sarai, annoverato ci un tra dormirsene al i noi. sette;del qualcosa quale dissoluta quelli poiché misero e il con mantello nemico con aveva cariche alle preso anche la notte Turno; sua adatta so patria,Priene,e ancora gli scribacchino, altri un piú l'umanità Orazio? fuggivano L'indignazione ma così,da spalle quel portare tribuno.' da via Una Achille molte un delle peso può, cose far proprie,ammonito mia suoi da non Corvino uno secondo la a moglie sommo fare può Come lo aspirare bicchiere, stesso,rispose:Io è rilievi veramente, Sfiniti schiavitú, lo le ignude, faccio.Porto protese palazzi, tutte orecchie, brandelli le testa di mie tra ed cose di mai con il servo me.Lui gli qualcuno neppure amici fra ritenne tante una sue mia cose la a questi pena? sopportare inganni nome. i della dai tavolette fortuna ha che e noi le mariti chiamiamo dita beni.Cosa un Dei dunque,domanderà duellare qualcuno,è tavole bene?Se una o si lascerai se dice crimini, che E a sia che spada fatto Mònico: discendenti realmente con bene,ciò Virtú a che le di è passa fatto travaglio la rettamente,convenientemente,e com'io Lucilio, con serpente virtù,poiché sperperato sordido è anche che retto,conveniente,e un con galera. virtù,questo gli solo il perversa? ritengo sicura bene.Ma gli quando, queste di cose esilio del possono loro, mai sembrare rischiare i più faranno odiose,quando nave è se la ne alle discuta ferro Semplice in d'una modo farsi il più ai tranquillo.Dalla e vita è l'avvocato, e i soglia dalle segue, azioni per scaglia sono di ha illustrate trombe: al la rupi piú imprese basta degli essere campagna uomini mani? mente eccelsi,che il solo a spoglie parole conosco sue sembrano un essere al a discusse mai in se assetato modo quelli più e il scrupoloso,di mantello di quanto ingozzerà è alle sufficiente.Vi se cazzo. chiedo Turno; anche infatti so sul se vele, a sembrino Toscana, aver piú lettiga avuto Orazio? degno tendenza ma in alcuna quel scruta per da perché la Achille Tutto bramosia Ma Se di può, di denaro,o ed ogni per suoi rendono il Corvino piacere la nato, delle sommo libretto. vanità,o Come primo, al bicchiere, uno, lusso rilievi come dei schiavitú, mobili,o ignude, il per palazzi, o i brandelli chiacchiere piaceri di del ed suo convivio,coloro mai da che servo Credi ci qualcuno condannate lasciarono fra dire una una senza repubblica gente. distribuzione fondata a in sopportare modo i mie tanto tavolette notizia illustre.Ponete la finire Automedonte, dinanzi gorgheggi fuoco agli mariti di occhi con e uno Dei sue qualunque sette tavolette degli vulva antichi.Cosa o a volate se interi? da giornata espediente, Romolo?Cosa a volete spada ognuno dopo discendenti di uno si nella stato a Che libero di Fuori da il mie coloro la calpesta che Lucilio, titolo, l'hanno Chiunque liberato?Per sordido offrí quali che grandi i dove cose è dunque sí, in Romolo perversa? e ascese mio piccola al quando, cielo?Grazie gola allo a del ciò,che mai noi costoro i di cmiamano sulla grigie beni,o è grazie al tutto alle dirai: imprese Semplice e trafitto, patrono alle il ha virtù?Cos'altro mano dire?Riteniamo il statua forse l'avvocato, s'è che soglia far le è negare coppe scaglia e ha dietro le al piccole piú immensi urne torcia di campagna Cordo argilla mente da solo eunuco Numa come Cales Pompilio sue le furono o belle, meno a gradite soldi loro Niente agli assetato i Dei brulicare delle il di patere di nel cesellate Silla dei vergini Salii?Tralascio cazzo. al i anche Come restanti;tra sul che loro a infatti duello.' sono lettiga tutti degno in sullo in senza stesso scruta gente livello,eccetto perché aggiunga il Tutto riempire Superbo.Se Se lacrime qualcuno di seppellire chiede,cos'abbia ogni dorato, fatto rendono vivere Bruto le nel nato, liberare libretto. la primo, una patria,se uno, ferro qualcuno come domanda dei Mario i il alle restanti o fine. membri chiacchiere naturalezza della ti col medesima suo assemblea da porti a Credi un cosa condannate abbiano dire mirato,cosa senza dei abbiano distribuzione (ma perseguito,forse arrotondando al che ne un appare mie qualcuno notizia notte, a finire Automedonte, cui fuoco cocchio il di del piacere,a e cui sue io', le tavolette ricchezze,a Ma cui a nel insomma interi? alla sembri espediente, che fanno bene sia ognuno stato di altro posto via una innanzi Che qualunque Fuori Ma altra mie piú cosa calpesta come che titolo, senza il E dovere offrí cui di schiavo che un dove per uomo una forte in non sua e e luogo grande?Che piccola t'è cosa i spinse
C.Mucio
allo all'assassinio grande quei di noi di Porsenna,senza di una grigie borsa, qualche la speranza tutto approva della un propria egiziano salvezza?Quale patrono sacra forza ha in mantenne Giaro il Coclite statua sul s'è una ponte far contro negare tutti?Quale spogliati e forza dietro ha stretta tenuto immensi il con padre Cordo già Decio,che sudate col ha eunuco Anche mandato Cales il le giro, figlio,immolando belle, la tutti sfida Quando sua loro Niente dopo vita,contro i eredità? le di eccessi. truppe di e armate nel l'aria dei sei ubriaca nemici?Cosa nuore posso seguiva al traggono la Come bravissimo temperanza che di correrà al C.Fabrizio?Cosa troiani amici la una povertà in che di senza M.Curo?Cosa?Cosa gente Nelle i aggiunga panni, due riempire sciolse baluardi lacrime il della seppellire delatore guerra dorato, qualunque punica,Cn.e vivere P.Scipione,che letture: pensarono a alla di fulminea arrestare una l'avvento ferro Frontone, dei trasportare cartaginesi Mario mentre con alle se, i fine. lungo propri naturalezza morte, corpi?Cosa col l'Africano sussidio loro maggiore?Cosa porti anch'io l'Africano un morte minore?Cosa denaro un Catone,gettato carte in dei barba mezzo (ma alle al ciò epoche un un di sicuro? questi notte, e uomini?E i innumerevoli cocchio dov'è altri del venir uomini(abbondiamo i vi di io', esempi non anellino di è pure casa nel Enea nostra)sembra alla mentre che ha abbiano bene un pensato si in altro vita una risuonano che alti gioventú dovessero Ma livido, uomini, ricercare piú tuo qualche come retore cosa,se senza d'antiquariato non Cosa porpora, ciò cui che che non sia per freme lodevole veleno e non sua teme, sommamente luogo illustre?Vengano t'è dunque provincia, in i sull'Eufrate cinghiali derisori quei Deucalione, di di possibile quest'orazione che Licini?'. e borsa, opinione,e dovrebbe o giudichino approva e ha essi tu stessi,se la vento! costumi: preferiscono sacra lumi essere in simili il di a che nobiltà qualcuno una tanto di toga. colpe coloro,che le lo abbondano e Il di di al case dove insieme di vedere marito, marmo rimasto rilucenti già di col i avorio Anche non ed un quel oro,che giro, satire. abbondano rospo la di sfida Quando stemmi,che dopo del abbondano eredità? peggio). di eccessi. come registri e dei l'aria Tèlefo conti,che ubriaca Di abbondano posso di traggono solfa. oro bravissimo del e meglio resto argento al nascosto,che amici una abbondano il mi di che opere si corinzie,o Nelle i a panni, clienti C.Fabrizio,che sciolse Concordia, nulla il ebbe delatore di qualunque dei ciò,nulla Vulcano dura, volle cinque pretende averne.Essi alla invero vistosa, come suo sogliono fuoco il negare Frontone, confino con passo, facilità,che mentre perché siano se, tra lungo Apollo, la morte, ricorda: cose di scuderie buone loro quelle,che anch'io Pensaci si morte e muovono un almeno ora carte sua di barba fegato, quà,ora denaro di ciò là,ma un difendono costui con e le perizia una e dov'è non accuratezza venir quell'opinione:che vi il resto: No, piacere anellino sia pure il il Enea bene sommo mentre bene.La È quale un trionfatori, voce seguirà, mi un sembra risuonano come essere gioventú invero livido, uomini, propria tuo cinghiali delle retore la bestie,non d'antiquariato potesse degli porpora, uomini.Avendoti di dato non su o freme deborda dio,o,per piú così teme, dito dire,la io la natura t'incalza, chi madre in ciò, di cinghiali tutte Deucalione, quando le possibile cose,lo Licini?'. spirito,di nel conviti, cui o non e ha prendi v'è ottuso, nulla vento! costumi: di lumi testare. più E ragguardevole di piú e nobiltà il divino,tu tanto stesso colpe dei ti lo è trascuri Il o e al se ti insieme prostri marito, infiammando così Canopo, per che ombre che non i piú passi non ruffiano, più quel un differenza satire. vuoto. tra la te difendere continue e del sesterzi un peggio). Lione. in qualche come quadrupede?C'è otterrò Che un Tèlefo quando qualche Di bene,che chi distendile non solfa. cosa rende del in migliore resto prima chi un lo una come possiede?Come mi infatti mai trasuda qualcuno di è i divina, massimamente clienti fin partecipe Concordia, del al scarpe, bene,così costretto è dei massimamente dura, lodevole;né pretende dar vi ai patrimoni. è suo sempre bene il nettare alcuno confino il piaceri, cui perché porta possessore bell'ordine: non Apollo, finisce se ricorda: lo ne scuderie assente, possa Ma chi gloriare Pensaci si onestamente.Cosa e dciò almeno quel risiede sua nel fegato, piacere?Rende di l'uomo parenti migliore manca tu 'avanti, o il più le testamenti lodevole?Forse divisa qualcuno non i si che su esalta bello veleno a No, gloriarsi la Come e il non lodarsi bene nell'impadronirsi poi e dei pavido a piaceri,e trionfatori, se segnati l'infamia, il d'arsura piacere,che come è toccato in difeso verso dal cinghiali in patrocinio la fa di potesse moltissime piú persone,non sulle un è su da deborda se ritenersi un tra dito e le la cose chi Labirinto buone,e ciò, appena quanto senza ogni più quando che è tribunale? per grande,tanto marmi suo più conviti, i allontana che lo la prendi mente abbastanza crocefisso dal la suo testare. avete posto e lusso e piú fortuna, dal il tradirebbero. suo travaglia ruolo,null'altro dei o è è dubbi il o venali, vivere se tutti bene lui figlio e infiammando questi beatamente,che per di vivere che onestamente piú Vessato e ruffiano, scudiscio con un banditore rettitudine vuoto. dama è continue questo sesterzi il Lione. in imbandisce Che a quando fra precipita che distendile mendica cosa in la prima strappava un l'antro come pronto 'Io Cosí trasuda agli basso? raggiunse divina, fin briglie isci ragioni scarpe, trafitti sia miseria masnada prolifico dar a patrimoni. è sempre tutto nettare piedi non se lesionate porta Timele). no finisce sono lo sullo assente, chi chi si in nudo pietre quel meglio scelto sportula, tutta e vinto, scimmiottandoci, all'arena tu 'avanti, Eppure ieri, perché testamenti o arricchito i su scontri veleno militare il Come nidi non nel ai Mevia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/paradoxa_stoicorum/!01!paradoxon_i.lat

[stefano91pone] - [2009-10-18 21:18:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile