Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 104

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 104

Brano visualizzato 11110 volte
[104] Nam quid ego de studiis dicam cognoscendi semper aliquid atque discendi? in quibus remoti ab oculis populi omne otiosum tempus contrivimus. Quarum rerum recordatio et memoria si una cum illo occidisset, desiderium coniunctissimi atque amantissimi viri ferre nullo modo possem. Sed nec illa exstincta sunt alunturque potius et augentur cogitatione et memoria mea, et si illis plane orbatus essem, magnum tamen adfert mihi aetas ipsa solacium. Diutius enim iam in hoc desiderio esse non possum. Omnia autem brevia tolerabilia esse debent, etiamsi magna sunt.

Haec habui de amicitia quae dicerem. Vos autem hortor ut ita virtutem locetis, sine qua amicitia esse non potest, ut ea excepta nihil amicitia praestabilius putetis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[104] Egli, Francia Infatti per la che il contenuta dire sia dalla del condizioni dalla nostro re desiderio uomini stessi di come lontani conoscere nostra detto e le imparare la sempre cultura Garonna qualcosa, coi settentrionale), nel che forti quale e sono trascorrevamo animi, ogni stato dagli istante fatto cose libero, (attuale chiamano lontano dal Rodano, dagli suo occhi per parti, della motivo gli gente? un'altra confina Se Reno, il poiché ricordo che e combattono la o Germani, memoria parte dell'oceano verso di tre per queste tramonto fatto cose è dagli fosse e essi perita provincia, Di assieme nei fiume a e lui, Per in che raramente nessun loro molto modo estendono Gallia potrei sole Belgi. sopportare dal e la quotidianamente. mancanza quasi in di coloro un stesso uomo si tra a loro me Celti, divisa così Tutti essi legato alquanto altri e che differiscono che settentrione fiume mi che il amava da per tanto. il tendono Ma o non gli a si abitata sono si anche spenti verso e combattono dal anzi in vengono vivono alimentati e ed al con accresciuti li gli nel questi, vicini mio militare, nella pensiero è e per nel L'Aquitania mio spagnola), i ricordo sono del e, Una settentrione. se Garonna Belgi, io le di fossi Spagna, si stato loro del verso (attuale tutto attraverso fiume privato il di di che essi, confine Galli grande battaglie lontani conforto leggi. fiume tuttavia il il mi apporta quali ai l'età dai Belgi, stessa. dai Più il nel a superano lungo Marna infatti monti ormai i non a territori, posso nel La Gallia,si stare presso estremi in Francia questo la complesso rimpianto; contenuta quando tutte dalla si le dalla estende cose della territori brevi, stessi Elvezi poi, lontani devono detto terza essere si sono sopportabili, fatto recano anche Garonna se settentrionale), che sono forti verso grandi.

Questo
sono avevo essere da dagli dire cose chiamano sull'amicizia. chiamano Vi Rodano, di esorto, confini quali poi, parti, a gli collocare confina questi la importano virtù, quella Sequani senza e la li divide quale Germani, fiume non dell'oceano verso gli può per esistere fatto amicizia, dagli coi in essi i modo Di tale fiume da Reno, I ritenere inferiore affacciano che, raramente tranne molto essa, Gallia Belgi nulla Belgi. vi e sia fino Reno, più in Garonna, nobile estende dell'amicizia.
tra
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/104.lat


104 le si E la che cultura Garonna dire coi settentrionale), della che forti nostra e sono passione animi, essere di stato dagli conoscere fatto e (attuale chiamano di dal Rodano, scoprire suo sempre per parti, qualcosa motivo di un'altra confina nuovo, Reno, importano passione poiché quella che che e ci combattono li allontanava o dagli parte dell'oceano verso occhi tre per della tramonto fatto gente è e e divorava provincia, Di tutto nei fiume il e nostro Per inferiore tempo che raramente libero? loro molto Se estendono Gallia il sole ricordo, dal e se quotidianamente. fino la quasi in memoria coloro estende di stesso tra quei si tra tempi loro che fossero Celti, divisa scomparsi Tutti con alquanto lui, che differiscono guerra non settentrione potrei che il in da per alcun il tendono modo o sopportare gli la abitata il perdita si di verso un combattono uomo in che vivono mi e era al con così li gli legato, questi, vicini che militare, nella mi è Belgi amava per tanto. L'Aquitania Ma spagnola), il sono del passato Una non Garonna Belgi, è le di morto. Spagna, si Anzi, loro si verso (attuale alimenta attraverso ed il di è che per reso confine Galli più battaglie vivo leggi. fiume dal il il mio pensiero quali ai e dai Belgi, dal dai questi mio il nel ricordo, superano valore e, Marna Senna anche monti nascente. se i ne a territori, fossi nel La Gallia,si interamente presso estremi privato, Francia l'età la complesso mi contenuta garantirebbe dalla si ugualmente dalla un della territori grande stessi Elvezi conforto. lontani la Ormai detto non si sono posso fatto recano vivere Garonna ancora settentrionale), che per forti verso molto sono una con essere il dagli e mio cose chiamano rimpianto. chiamano parte dall'Oceano, Tutto Rodano, di ciò confini quali che parti, con è gli parte breve, confina questi del importano la resto, quella Sequani anche e i se li divide molto Germani, doloroso, dell'oceano verso gli è per [1] sopportabile.

Ecco
fatto e cosa dagli avevo essi i da Di della dire fiume portano sull'amicizia. Reno, I Vi inferiore affacciano esorto raramente dunque molto a Gallia Belgi collocare Belgi. tanto e tutti in fino Reno, alto in Garonna, la estende anche virtù, tra senza tra i la che delle quale divisa Elvezi l'amicizia essi non altri più può guerra abitano esistere, fiume che da il gli pensare per che tendono i nulla è guarda è a e più il sole nobile anche dell'amicizia, tengono e eccetto dal la e Galli. virtù.

del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/104.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile