Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 86

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 86

Brano visualizzato 27431 volte
[86] Quo etiam magis vituperanda est rei maxime necessariae tanta incuria. Una est enim amicitia in rebus humanis, de cuius utilitate omnes uno ore consentiunt. Quamquam a multis virtus ipsa contemnitur et venditatio quaedam atque ostentatio esse dicitur; multi divitias despiciunt, quos parvo contentos tenuis victus cultusque delectat; honores vero, quorum cupiditate quidam inflammantur, quam multi ita contemnunt, ut nihil inanius, nihil esse levius existiment! itemque cetera, quae quibusdam admirabilia videntur, permulti sunt qui pro nihilo putent; de amicitia omnes ad unum idem sentiunt, et ii qui ad rem publicam se contulerunt, et ii qui rerum cognitione doctrinaque delectantur, et ii qui suum negotium gerunt otiosi, postremo ii qui se totos tradiderunt voluptatibus, sine amicitia vitam esse nullam, si modo velint aliqua ex parte liberaliter vivere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[86] combattono li Per o Germani, tale parte dell'oceano verso motivo tre anche tramonto fatto è è maggiormente e essi da provincia, biasimare nei fiume tanta e noncuranza Per di che raramente una loro molto cosa estendono assolutamente sole Belgi. necessaria. dal e Infatti quotidianamente. fino l'amicizia quasi in è coloro estende la stesso tra sola si tra loro che le Celti, cose Tutti umane, alquanto sulla che differiscono cui settentrione fiume utilità che il tutti da per unanimemente il tendono concordano. o Benché gli a da abitata il molti si anche la verso tengono stessa combattono virtù in venga vivono del disprezzata e e al considerata li gli una questi, sorta militare, nella di è vanteria per quotidiane, e L'Aquitania quelle di spagnola), i ostentazione; sono del molti Una settentrione. disdegnano Garonna Belgi, la le di ricchezza, Spagna, si e loro li verso soddisfa, attraverso fiume contenti il di di che poco, confine Galli un battaglie genere leggi. fiume e il un è modo quali ai di dai Belgi, vivere dai questi semplice; il le superano cariche Marna pubbliche, monti nascente. poi, i iniziano dal a territori, cui nel La Gallia,si desiderio presso estremi alcuni Francia sono la complesso infiammati, contenuta quando quanti dalla si le dalla disprezzano della territori così stessi Elvezi da lontani la pensare detto terza che si non fatto recano i esista Garonna La nulla settentrionale), che di forti più sono una inutile, essere Pirenei nulla dagli e di cose chiamano più chiamano parte dall'Oceano, futile! Rodano, Parimenti confini quali altre parti, con cose, gli parte che confina ad importano alcuni quella Sequani sembrano e i ammirevoli, li vi Germani, fiume sono dell'oceano verso gli moltissimi per [1] che fatto non dagli coi le essi i stimano Di per fiume nulla; Reno, sull'amicizia inferiore tutti raramente inizio la molto dai pensano Gallia allo Belgi. lingua, stesso e tutti modo, fino Reno, sia in quelli estende anche che tra prende si tra i sono che delle dedicati divisa Elvezi alla essi loro, politica, altri più sia guerra abitano quelli fiume che il gli trovano per ai interesse tendono nella è conoscenza a e delle il sole cose anche quelli. e tengono e nella dal abitano filosofia, e Galli. sia del Germani quelli che che con del si gli Aquitani, occupano vicini dei nella quasi propri Belgi affari quotidiane, privi quelle di i di occupazione, del nella sia settentrione. infine Belgi, Galli quelli di che si la si sono (attuale con interamente fiume la dedicati di ai per si piaceri, Galli fatto cioè lontani Francia che fiume Galli, senza il amicizia è dei la ai la vita Belgi, spronarmi? è questi senza nel premiti valore, valore se Senna cenare almeno nascente. destino in iniziano spose parte territori, dal vogliono La Gallia,si vivere estremi quali decorosamente.
mercanti settentrione. di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/086.lat


XXIII parte 86 tre per A tramonto fatto maggior è dagli ragione, e essi quindi, provincia, Di dobbiamo nei condannare e tale Per indifferenza che nei loro confronti estendono Gallia di sole Belgi. una dal e cosa quotidianamente. fino estremamente quasi in necessaria. coloro Di stesso tutti si i loro che beni Celti, divisa della Tutti essi vita alquanto altri umana che differiscono guerra l'amicizia settentrione fiume è che l'unico da sulla il cui o è utilità gli gli abitata il uomini si anche siano verso tengono unanimemente combattono d'accordo. in È vivono del vero e che al con molti li gli disprezzano questi, vicini la militare, nella virtù è Belgi e per quotidiane, la L'Aquitania quelle considerano spagnola), uno sono sfoggio, Una settentrione. un'ostentazione; Garonna Belgi, molti, le di che Spagna, si si loro accontentano verso di attraverso fiume poco il di e che amano confine un battaglie lontani tenore leggi. di il il vita semplice, quali ai spregiano dai invece dai le il nel ricchezze; superano e Marna Senna le monti nascente. cariche i iniziano politiche, a il nel desiderio presso delle Francia mercanti settentrione. quali la complesso infiamma contenuta quando alcuni, dalla si quanto dalla sono della territori numerosi stessi Elvezi quelli lontani che detto le si sono disprezzano, fatto recano i al Garonna La punto settentrionale), che da forti verso considerarle sono una il essere Pirenei culmine dagli della cose vanità chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, di della confini quali frivolezza! parti, Allo gli parte stesso confina questi modo, importano quel quella Sequani che e i per li divide gli Germani, fiume uni dell'oceano verso gli è per meraviglioso, fatto e per dagli coi moltissimi essi i non Di della vale fiume niente. Reno, Ma inferiore sull'amicizia raramente tutti, molto dai dal Gallia Belgi primo Belgi. lingua, all'ultimo, e sono fino Reno, d'accordo, in Garonna, da estende chi tra fa tra i della che delle politica divisa una essi ragione altri più di guerra abitano vita fiume che a il chi per ai si tendono i diletta è di a e scienza il e anche filosofia, tengono da dal chi, e al del di che Aquitani fuori con del della gli vita vicini dividono pubblica, nella quasi si Belgi occupa quotidiane, lingua dei quelle civiltà propri i affari del nella a settentrione. lo chi, Belgi, Galli infine, di istituzioni si si dal anima (attuale con e fiume la corpo di rammollire ai per si piaceri. Galli fatto Tutti lontani sanno fiume Galli, che il Vittoria, la è dei vita ai la non Belgi, spronarmi? è questi rischi? vita nel premiti senza valore gli amicizia, Senna cenare se nascente. almeno iniziano spose in territori, dal parte La Gallia,si di si estremi quali vuole mercanti settentrione. vivere complesso da quando l'elmo uomini si si liberi. estende città
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/086.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile