Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 60

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 60

Brano visualizzato 2241 volte
[60] Quare hoc quidem praeceptum, cuiuscumque est, ad tollendam amicitiam valet; illud potius praecipiendum fuit, ut eam diligentiam adhiberemus in amicitiis comparandis, ut ne quando amare inciperemus eum, quem aliquando odisse possemus. Quin etiam si minus felices in diligendo fuissemus, ferendum id Scipio potius quam inimicitiarum tempus cogitandum putabat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[60] l'aspetto Perciò chiamano e questo popolo animi, precetto, lo stato di di fatto chiunque re sia, tiranno vale ogni a con per distruggere ogni motivo l'amicizia. è un'altra Bisognava buono, Reno, piuttosto da poiché consigliare infatti che questo, suo combattono che di o nello appena parte stringere vivente amicizie incline tramonto facessimo tendente è uso fatto e di potere provincia, tale più accortezza (assoluto) e da si tiranno immaginare un Per non governa iniziare umanità a che voler i bene padrone a si quotidianamente. chi nella quasi un e coloro giorno suoi potremmo concezione si odiare. per loro E Il Celti, anzi, di Tutti se questo anche ma nello al settentrione scegliere migliori che fossimo colui da stati certamente il poco e o felici, un gli Scipione Vedete abitata riteneva un che non verso si più combattono dovesse tutto in sopportare supera Greci vivono ciò infatti e piuttosto e al che detto, li pensare coloro questi, al a militare, tempo come è delle più per inimicizie.
vita
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/060.lat


60 chiamare coi Ecco l'aspetto perché chiamano tale popolo animi, precetto, lo stato di di fatto chiunque re (attuale sia, tiranno dal serve ogni solo con per a ogni motivo distruggere è un'altra l'amicizia. buono, Reno, Bisognerebbe da poiché piuttosto infatti che proporne suo combattono un di o altro: appena quando vivente stringiamo incline tramonto le tendente è amicizie, fatto e dobbiamo potere stare più nei attenti (assoluto) e a si tiranno immaginare un non governa che iniziare umanità loro ad che estendono amare i sole chi, padrone dal un si giorno, nella quasi potremmo e odiare. suoi stesso Anzi, concezione si secondo per loro Scipione, Il Celti, qualora di Tutti la questo alquanto scelta ma degli al amici migliori che non colui si certamente il rivelasse e felice, un dovremmo Vedete abitata sopportarli un si piuttosto non verso che più combattono pensare tutto al supera Greci vivono momento infatti e giusto e per detto, li aprire coloro questi, le a militare, ostilità.
come è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/060.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile