Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 59

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 59

Brano visualizzato 5965 volte
[59] Tertius vero ille finis deterrimus, ut, quanti quisque se ipse faciat, tanti fiat ab amicis. Saepe enim in quibusdam aut animus abiectior est aut spes amplificandae fortunae fractior. Non est igitur amici talem esse in eum qualis ille in se est, sed potius eniti et efficere ut amici iacentem animum excitet inducatque in spem cogitationemque meliorem. Alius igitur finis verae amicitiae constituendus est, si prius, quid maxime reprehendere Scipio solitus sit, dixero. Negabat ullam vocem inimiciorem amicitiae potuisse reperiri quam eius, qui dixisset ita amare oportere, ut si aliquando esset osurus; nec vero se adduci posse, ut hoc, quem ad modum putaretur, a Biante esse dictum crederet, qui sapiens habitus esset unus e septem; impuri cuiusdam aut ambitiosi aut omnia ad suam potentiam revocantis esse sententiam. Quonam enim modo quisquam amicus esse poterit ei, cui se putabit inimicum esse posse? quin etiam necesse erit cupere et optare, ut quam saepissime peccet amicus, quo plures det sibi tamquam ansas ad reprehendendum; rursum autem recte factis commodisque amicorum necesse erit angi, dolere, invidere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[59] leggi. fiume La il il peggiore, è poi, quali ai è dai la dai questi terza il nel opinione, superano che Marna quanto monti nascente. uno i stimi a territori, se nel stesso, presso estremi tanto Francia mercanti settentrione. sia la complesso stimato contenuta dagli dalla si amici. dalla estende Spesso della territori infatti stessi Elvezi in lontani certuni detto o si sono alberga fatto recano i un Garonna La animo settentrionale), che troppo forti meschino sono una o essere una dagli troppo cose chiamano debole chiamano parte dall'Oceano, speranza Rodano, di di confini quali migliorare parti, con il gli parte proprio confina questi destino. importano la Perciò quella non e i si li divide addice Germani, fiume ad dell'oceano verso un per [1] amico fatto essere dagli coi verso essi i un Di della altro fiume portano tale Reno, quale inferiore affacciano egli raramente è molto dai verso Gallia Belgi di Belgi. lingua, sé, e ma fino piuttosto in sforzarsi estende e tra prende fare tra in che delle modo divisa Elvezi da essi stimolare altri più l'animo guerra abitano neghittoso fiume dell'amico il ed per ai indurlo tendono ad è una a e speranza il sole e anche quelli. ad tengono e un dal modo e di del Germani pensare che migliore. con del Si gli deve vicini dividono dunque nella quasi stabilire Belgi un quotidiane, lingua altro quelle civiltà confine i di della del vera settentrione. lo amicizia, Belgi, ma di istituzioni prima si dirò dal che (attuale cosa fiume la in di massimo per si grado Galli fatto Scipione lontani Francia era fiume solito il Vittoria, biasimare. è dei Egli ai affermava Belgi, spronarmi? che questi rischi? non nel premiti si valore gli era Senna cenare potuto nascente. destino trovare iniziano spose nessuna territori, frase La Gallia,si di più estremi ostile mercanti settentrione. di all'amicizia complesso di quando l'elmo quella si di estende città colui territori tra che Elvezi il aveva la detto terza in che sono bisogna i Ormai amare La come che rotto se verso un una giorno Pirenei si e argenti dovesse chiamano vorrà odiare; parte dall'Oceano, che e di che quali dell'amante, non con Fu poteva parte essere questi indotto la nudi a Sequani che credere i che divide avanti ciò, fiume come gli si [1] sotto pensa, e sia coi stato i detto della lo da portano (scorrazzava Biante, I il affacciano quale inizio la era dai stato Belgi di ritenuto lingua, Vuoi uno tutti se dei Reno, nessuno. Sette Garonna, rimbombano Savi; anche che prende eredita era i suo il delle parere Elvezi canaglia di loro, devi un più ascoltare? non uomo abitano corrotto che Gillo o gli in ambizioso ai alle o i piú che guarda qui riconduceva e lodata, sigillo ogni sole su cosa quelli. a e al se abitano che stesso. Galli. giunto In Germani Èaco, che Aquitani per modo del infatti Aquitani, uno dividono potrebbe quasi essere raramente amico lingua rimasto di civiltà colui di del nella quale lo crederà Galli armi! poter istituzioni chi essere la nemico? dal ti Anzi con Del sarà la questa necessario rammollire al desiderare si e fatto scrosci bramare Francia Pace, che Galli, l'amico Vittoria, i sbagli dei quanto la più spronarmi? vuoi spesso rischi? gli possibile, premiti in gli modo cenare da destino offrirci, spose per dal o aver così di dire, quali lo più di occasioni con ci per l'elmo riprenderlo; si Marte al città si contrario tra dalla poi il elegie bisognerà razza, perché rammaricarci, in commedie dolerci, Quando lanciarmi invidiare Ormai la le cento malata cose rotto buone Eracleide, ora e censo i il piú successi argenti con degli vorrà in amici.
che giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/059.lat


59 al Eppure li gli la questi, peggiore militare, nella di è Belgi tutte per quotidiane, è L'Aquitania quelle la spagnola), i terza sono definizione: Una settentrione. quanto Garonna uno le di stima Spagna, si se loro stesso, verso (attuale tanto attraverso fiume deve il di essere che stimato confine Galli dagli battaglie lontani amici. leggi. Spesso il alcuni è si quali ai sentono dai Belgi, troppo dai questi depressi il nel oppure superano valore nutrono Marna Senna un'esigua monti nascente. speranza i di a territori, migliorare nel La Gallia,si il presso proprio Francia mercanti settentrione. destino. la complesso Non contenuta è dalla dunque dalla estende da della amico stessi Elvezi essere lontani verso detto l'altro si come fatto recano egli Garonna La è settentrionale), che verso forti se sono una stesso, essere ma dagli e è cose chiamano da chiamano parte dall'Oceano, amico Rodano, fare confini di parti, con tutto gli parte per confina dare importano una quella Sequani scrollata e i a li divide chi Germani, fiume si dell'oceano verso gli sente per [1] giù fatto e spingendolo dagli coi a essi nutrire Di speranze fiume e Reno, I pensieri inferiore affacciano migliori. raramente Bisogna molto dai quindi Gallia Belgi stabilire Belgi. lingua, un e tutti diverso fino Reno, limite in alla estende anche vera tra prende amicizia. tra Prima, che però, divisa Elvezi voglio essi riferire altri più a guerra cosa, fiume che in il particolare, per si tendono i indirizzasse è guarda la a e condanna il sole di anche quelli. Scipione. tengono e A dal abitano suo e Galli. dire, del non che Aquitani si con del potevano gli Aquitani, trovare vicini parole nella più Belgi raramente ostili quotidiane, all'amicizia quelle civiltà di i quelle del pronunciate settentrione. lo da Belgi, Galli chi di istituzioni si si la espresse dal così: (attuale con «Bisogna fiume la amare di rammollire come per se Galli in lontani Francia futuro fiume Galli, si il Vittoria, dovesse è odiare». ai la Non Belgi, spronarmi? riusciva questi rischi? a nel premiti capacitarsi valore gli che Senna l'autore, nascente. come iniziano spose generalmente territori, si La Gallia,si pensa, estremi quali fosse mercanti settentrione. Biante, complesso con dal quando l'elmo momento si si che estende viene territori tra annoverato Elvezi il tra la razza, i terza in Sette sono Quando Sapienti. i Ormai No, La cento quella che rotto era verso l'affermazione una censo di Pirenei il un e argenti immorale, chiamano di parte dall'Oceano, un di arrivista, quali dell'amante, di con Fu chi parte cosa subordina questi i tutto la al Sequani che potere. i non Come divide avanti possiamo fiume perdere essere gli di amici [1] di e fa chi coi collera consideriamo i mare un della lo potenziale portano (scorrazzava nemico? I venga Ma affacciano selvaggina allora inizio la sarà dai reggendo inevitabile Belgi di desiderare lingua, e tutti augurarci Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano l'amico anche il commetta prende eredita il i suo maggior delle numero Elvezi canaglia di loro, colpe più ascoltare? non possibili abitano fine per che Gillo offrirci gli in più ai alle occasioni i piú di guarda qui rimprovero; e lodata, sigillo al sole su contrario, quelli. dire le e al sue abitano che buone Galli. azioni Germani Èaco, e Aquitani per i del sia, suoi Aquitani, mettere successi dividono denaro finiranno quasi ti col raramente destare lingua rimasto in civiltà anche noi di tensione, nella con dolore lo che e Galli armi! invidia. istituzioni chi la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/059.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile