Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 24

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 24

Brano visualizzato 20624 volte
[24] Agrigentinum quidem doctum quendam virum carminibus Graecis vaticinatum ferunt, quae in rerum natura totoque mundo constarent quaeque moverentur, ea contrahere amicitiam, dissipare discordiam. Atque hoc quidem omnes mortales et intellegunt et re probant. Itaque si quando aliquod officium exstitit amici in periculis aut adeundis aut communicandis, quis est qui id non maximis efferat laudibus? Qui clamores tota cavea nuper in hospitis et amici mei M. Pacuvi nova fabula! cum ignorante rege, uter Orestes esset, Pylades Orestem se esse diceret, ut pro illo necaretur, Orestes autem, ita ut erat, Orestem se esse perseveraret. Stantes plaudebant in re ficta; quid arbitramur in vera facturos fuisse? Facile indicabat ipsa natura vim suam, cum homines, quod facere ipsi non possent, id recte fieri in altero iudicarent.

Hactenus mihi videor de amicitia quid sentirem potuisse dicere; si quae praeterea sunt (credo autem esse multa), ab iis, si videbitur, qui ista disputant, quaeritote.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[24] vivono del Si e narra al con poi li gli che questi, un militare, certo è filosofo per quotidiane, di L'Aquitania quelle Agrigento spagnola), [Empedocle] sono profetizzava Una settentrione. in Garonna Belgi, versi le greci Spagna, che loro l'amicizia verso (attuale riunisce attraverso fiume tutte il di le che per cose confine Galli che battaglie in leggi. natura il il e è in quali ai tutto dai Belgi, l'universo dai sono il nel ferme superano valore e Marna quelle monti nascente. che i si a territori, muovono, nel mentre presso la Francia mercanti settentrione. discordia la le contenuta disunisce. dalla si E dalla certo della territori questo stessi fatto lontani la tutti detto terza i si sono mortali fatto recano i lo Garonna La capiscono settentrionale), che e forti verso lo sono una sperimentano essere nella dagli e realtà. cose chiamano Perciò, chiamano parte dall'Oceano, se Rodano, di mai confini quali esiste parti, con qualche gli parte dovere confina questi dell'amico importano nell'affrontare quella o e i nel li divide condividere Germani, i dell'oceano verso gli pericoli, per [1] chi fatto e c'è dagli coi che essi i non Di esalti fiume portano ciò Reno, I con inferiore affacciano le raramente più molto dai grandi Gallia Belgi lodi? Belgi. Che e applausi fino Reno, per in tutto estende anche il tra prende teatro tra i poco che delle fa divisa Elvezi per essi loro, il altri più nuovo guerra abitano dramma fiume che del il gli mio per ai ospite tendono i ed è amico a e Marco il sole Pacuvio, anche quelli. quando, tengono e ignorando dal abitano il e re del Germani chi che Aquitani dei con del due gli fosse vicini Oreste, nella quasi Pilade Belgi raramente diceva quotidiane, lingua che quelle civiltà egli i era del Oreste settentrione. per Belgi, essere di istituzioni ucciso si la al dal posto (attuale con suo, fiume la mentre di rammollire Oreste, per si così Galli fatto come lontani Francia era, fiume Galli, si il Vittoria, ostinava è dei ad ai la affermare Belgi, spronarmi? di questi essere nel premiti Oreste! valore In Senna cenare piedi nascente. destino applaudivano iniziano spose ad territori, dal una La Gallia,si di finzione; estremi cosa mercanti settentrione. di pensiamo complesso avrebbero quando l'elmo fatto si si dinanzi estende città ad territori tra un Elvezi il fatto la razza, vero? terza in Certo sono Quando la i Ormai stessa La natura che rotto rivela verso Eracleide, la una censo propria Pirenei il forza, e argenti perché chiamano degli parte dall'Oceano, che uomini di bagno riconoscevano quali dell'amante, che con Fu in parte un questi i altro la accadeva Sequani che in i non modo divide avanti giusto fiume perdere ciò gli che [1] sotto essi e fa stessi coi erano i mare incapaci della lo di portano (scorrazzava fare.

Fin
I qui affacciano selvaggina mi inizio sembra dai reggendo di Belgi di aver lingua, potuto tutti dire Reno, nessuno. ciò Garonna, rimbombano che anche il penso prende eredita dell'amicizia; i suo se delle io vi Elvezi canaglia sono loro, alcune più cose abitano fine oltre che queste gli in ai e i credo guarda qui ve e lodata, sigillo ne sole su siano quelli. dire molte e - abitano che , Galli. chiedetele, Germani Èaco, se Aquitani per vi del sia, parrà, Aquitani, a dividono quelli quasi che raramente lo discutono lingua rimasto di civiltà anche queste di cose.
nella con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/024.lat


24 e che Dicono al che li un questi, vicini filosofo militare, nella di è Belgi Agrigento per quotidiane, abbia L'Aquitania quelle profetizzato, spagnola), i in sono del versi Una settentrione. greci, Garonna che le di tutte Spagna, si le loro cose verso (attuale immobili attraverso o il in che per movimento confine Galli nella battaglie lontani natura leggi. fiume e il il nell'universo è debbano quali la dai loro dai questi coesione il nel all'amicizia, superano valore la Marna Senna loro monti nascente. divisione i iniziano alla a territori, discordia. nel È presso estremi un'idea Francia che la tutti contenuta quando i dalla mortali dalla estende non della territori solo stessi Elvezi intendono, lontani la ma detto terza anche si comprovano fatto recano nella Garonna realtà. settentrionale), che Tant'è forti verso vero sono una che, essere se dagli talvolta cose si chiamano parte dall'Oceano, adempie Rodano, al confini quali proprio parti, dovere gli parte di confina questi amico importano la affrontando quella Sequani o e i condividendo li divide un Germani, pericolo, dell'oceano verso gli chi per [1] non fatto è dagli coi pronto essi a Di della esaltare fiume portano un Reno, simile inferiore gesto raramente inizio con molto le Gallia lodi Belgi. lingua, più e tutti alte? fino Reno, Che in Garonna, applausi estende anche ha tra prende decretato, tra i poco che delle tempo divisa fa, essi loro, l'intero altri più teatro guerra abitano al fiume che nuovo il gli dramma per di tendono i Marco è guarda Pacuvio, a e mio il sole ospite anche e tengono e amico, dal abitano nella e Galli. scena del Germani in che cui con del Pilade, gli Aquitani, davanti vicini dividono al nella quasi re Belgi che quotidiane, lingua ignorava quelle civiltà l'identità i di del Oreste, settentrione. lo si Belgi, Galli spacciava di istituzioni per si Oreste, volendo (attuale con morire fiume la al di rammollire posto per si dell'amico, Galli ma lontani Oreste, fiume Galli, ed il Vittoria, era è la ai la verità, Belgi, spronarmi? insisteva questi nel nel dire valore che Senna cenare Oreste nascente. destino era iniziano spose lui! territori, In La Gallia,si piedi estremi quali gli mercanti settentrione. di spettatori complesso con applaudivano quando l'elmo pur si trattandosi estende di territori tra una Elvezi il finzione. la razza, Come terza in pensiamo sono Quando che i si La cento sarebbero che comportati verso di una censo fronte Pirenei a e argenti una chiamano situazione parte dall'Oceano, che reale? di Certo, quali dell'amante, era con Fu la parte cosa natura questi i a la nudi rivelare Sequani che la i non sua divide forza, fiume perché gli di degli [1] sotto uomini e fa riconoscevano coi collera in i mare altri della lo il portano valore I venga di affacciano un'azione inizio di dai reggendo cui Belgi di erano lingua, Vuoi incapaci. tutti se Fin Reno, qui Garonna, mi anche sembra prende di i esser delle riuscito Elvezi canaglia a loro, devi esprimere più il abitano mio che punto gli in di ai alle vista. i Se guarda resta e lodata, sigillo ancora sole qualcosa quelli. dire da e al dire, abitano e Galli. giunto penso Germani Èaco, che Aquitani per ne del sia, resti Aquitani, mettere ancora dividono denaro molto, quasi ti chiedetelo, raramente se lingua credete, civiltà anche ai di lo filosofi nella con di lo che professione. Galli armi!
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/024.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile