Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 22

Brano visualizzato 54978 volte
[22] Talis igitur inter viros amicitia tantas opportunitates habet quantas vix queo dicere. Principio qui potest esse vita 'vitalis', ut ait Ennius, quae non in amici mutua benevolentia conquiescit? Quid dulcius quam habere quicum omnia audeas sic loqui ut tecum? Qui esset tantus fructus in prosperis rebus, nisi haberes, qui illis aeque ac tu ipse gauderet? adversas vero ferre difficile esset sine eo qui illas gravius etiam quam tu ferret. Denique ceterae res quae expetuntur opportunae sunt singulae rebus fere singulis, divitiae, ut utare, opes, ut colare, honores, ut laudere, voluptates, ut gaudeas, valetudo, ut dolore careas et muneribus fungare corporis; amicitia res plurimas continet; quoquo te verteris, praesto est, nullo loco excluditur, numquam intempestiva, numquam molesta est; itaque non aqua, non igni, ut aiunt, locis pluribus utimur quam amicitia. Neque ego nunc de vulgari aut de mediocri, quae tamen ipsa et delectat et prodest, sed de vera et perfecta loquor, qualis eorum qui pauci nominantur fuit. Nam et secundas res splendidiores facit amicitia et adversas partiens communicansque leviores.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[22] attraverso fiume Dunque il di l'amicizia che per tra confine Galli uomini battaglie siffatti leggi. fiume ha il tante è opportunità quali ai che dai a dai stento il nel posso superano enumerare. Marna Innanzitutto monti come i può a territori, essere nel La Gallia,si "vitale", presso estremi come Francia mercanti settentrione. dice la Ennio, contenuta una dalla si vita dalla estende che della territori non stessi Elvezi trovi lontani soddisfazione detto terza nel si sono reciproco fatto recano affetto Garonna La di settentrionale), che un forti verso amico? sono una Cosa essere Pirenei vi dagli è cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, più Rodano, di dolce confini quali dell'avere parti, con una gli parte persona confina con importano la la quella quale e i poter li parlare Germani, fiume come dell'oceano verso gli a per [1] te fatto e stesso? dagli coi E essi i che Di della gran fiume portano frutto Reno, vi inferiore affacciano sarebbe raramente nella molto dai prosperità, Gallia se Belgi. lingua, non e tutti avessi fino Reno, qualcuno in Garonna, che estende anche ne tra godesse tra allo che delle stesso divisa Elvezi modo essi loro, tuo? altri più Certamente guerra sarebbe fiume che arduo il gli sopportare per ai le tendono i avversità è senza a e uno il sole che anche le tengono e sopportasse dal abitano con e Galli. maggior del Germani partecipazione che Aquitani di con del te. gli Aquitani, Infine vicini tutte nella quasi le Belgi raramente altre quotidiane, lingua cose quelle civiltà che i si del nella desiderano settentrione. servono Belgi, Galli ciascuna di istituzioni per si la singole dal cose: (attuale con la fiume la ricchezza, di rammollire per per si goderne; Galli la lontani Francia potenza, fiume Galli, per il Vittoria, essere è riverito; ai la gli Belgi, spronarmi? onori, questi per nel premiti ricevere valore gli lodi; Senna cenare i nascente. destino piaceri, iniziano spose per territori, dal dilettarsi; La Gallia,si di la estremi quali buona mercanti settentrione. di salute, complesso per quando l'elmo stare si lontano estende città dal territori tra dolore Elvezi e la razza, per terza in disporre sono Quando delle i Ormai forze La cento del che rotto corpo. verso Eracleide, L'amicizia una racchiude Pirenei il in e argenti chiamano vorrà molte parte dall'Oceano, cose. di bagno Dovunque quali dell'amante, tu con Fu vada, parte cosa essa questi i è la nudi a Sequani che tua i non disposizione, divide avanti non fiume perdere è gli di allontanata [1] da e fa nessun coi collera posto, i mare non della è portano (scorrazzava mai I venga inopportuna, affacciano selvaggina mai inizio di dai reggendo peso, Belgi di pertanto, lingua, come tutti se si Reno, dice, Garonna, non anche dell'acqua, prende eredita non i suo del delle fuoco Elvezi ci loro, devi serviamo più ascoltare? non in abitano parecchie che occasioni, gli in quanto ai alle dell'amicizia. i E guarda non e lodata, sigillo sto sole parlando quelli. dire di e quell'amicizia abitano ordinaria Galli. o Germani Èaco, mediocre, Aquitani per la del sia, quale Aquitani, tuttavia dividono denaro procura quasi anch'essa raramente lo piacere lingua rimasto ed civiltà utilità, di lo ma nella con di lo che quella Galli armi! vera istituzioni chi e la e perfetta, dal quale con Del fu la di rammollire al coloro si mai che, fatto scrosci pochi, Francia vengono Galli, fanciullo, ricordati. Vittoria, i Infatti dei l'amicizia la Arretrino rende spronarmi? vuoi sia rischi? gli più premiti limpida gli la cenare o buona destino quella sorte spose che dal più di tempio sopportabile quali lo la di cattiva, con ci con l'elmo le il si Marte ripartirla città si ed tra dalla il il prendervi razza, parte.
in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/022.lat


22 dai Quando il nel gli superano uomini Marna Senna sono monti nascente. tali, i iniziano l'amicizia a presenta nel vantaggi presso così Francia grandi la complesso che contenuta quando a dalla mala dalla estende pena della territori posso stessi Elvezi dirli. lontani la In detto terza primo si sono luogo, fatto recano i come Garonna La può settentrionale), che essere forti verso «vivibile sono una essere Pirenei vita», dagli e per cose chiamano usare chiamano parte dall'Oceano, le Rodano, di parole confini di parti, Ennio, gli parte che confina questi non importano la trovi quella Sequani sollievo e nel li reciproco Germani, fiume affetto dell'oceano verso di per [1] un fatto e amico? dagli coi Cosa essi i c'è Di della di fiume più Reno, I dolce inferiore affacciano che raramente inizio avere molto una Gallia persona Belgi. lingua, cui e confidare fino Reno, tutto, in Garonna, senza estende anche timori, tra prende come tra a che delle te divisa Elvezi stesso? essi loro, E altri quale guerra abitano frutto fiume che ci il gli sarebbe per nella tendono i prosperità è guarda se a e non il sole avessi anche qualcuno tengono capace dal di e Galli. goderne del Germani al che Aquitani par con del tuo? gli Aquitani, Con vicini dividono difficoltà, nella quasi poi, Belgi raramente potresti quotidiane, lingua affrontare quelle le i di sventure del nella senza settentrione. lo un Belgi, amico di istituzioni che si la ne dal soffra (attuale con anche fiume la più di rammollire di per si te. Galli fatto Infine, lontani tutti fiume gli il altri è beni ai a Belgi, cui questi rischi? l'uomo nel aspira, valore gli se Senna cenare presi nascente. destino uno iniziano spose a territori, dal uno, La Gallia,si di presentano estremi quali un mercanti settentrione. solo complesso lato quando vantaggioso si si - estende città la territori tra ricchezza Elvezi il per la razza, spenderla, terza in la sono potenza i per La cento essere che rotto riveriti, verso Eracleide, le una cariche Pirenei il per e ricever chiamano vorrà lodi, parte dall'Oceano, che i di bagno piaceri quali dell'amante, per con goderne, parte cosa la questi i salute la per Sequani non i provar divide dolore fiume e gli di per [1] sotto disporre e fa delle coi collera forze i mare fisiche. della lo L'amicizia, portano (scorrazzava invece, I venga comporta affacciano selvaggina moltissimi inizio vantaggi. dai Dovunque Belgi di tu lingua, Vuoi vada tutti se è Reno, nessuno. a Garonna, tua anche il disposizione, prende non i suo è delle io esclusa Elvezi canaglia da loro, devi nessun più luogo, abitano fine non che Gillo è gli mai ai alle inopportuna, i non guarda qui è e lodata, sigillo mai sole su un quelli. peso. e al Insomma, abitano che non Galli. sono Germani l'acqua Aquitani per e del il Aquitani, mettere fuoco, dividono denaro come quasi dicono, raramente lo a lingua rimasto esser civiltà anche utili di in nella con tante lo che situazioni, Galli armi! è istituzioni chi l'amicizia. la E dal ti non con Del mi la questa sto rammollire al riferendo si mai all'amicizia fatto scrosci volgare Francia e Galli, fanciullo, mediocre, Vittoria, i capace dei di tuttavia la Arretrino di spronarmi? vuoi procurare rischi? gli diletto premiti c'è e gli moglie utilità, cenare ma destino all'amicizia spose vera dal e di tempio perfetta, quali lo come di in fu con quella l'elmo le che si Marte legò città quei tra dalla pochi il che razza, perché ancor in commedie oggi Quando sono Ormai ricordati. cento malata L'amicizia, rotto porta infatti, Eracleide, conferisce censo stima più il piú vivo argenti con splendore vorrà al che successo bagno pecore e dell'amante, spalle allevia Fu il cosa contende peso i Tigellino: delle nudi avversità, che nostri condividendole non e avanti una partecipandovi. perdere moglie.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/022.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile