Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 4

Brano visualizzato 28548 volte
[4] Cum enim saepe mecum ageres ut de amicitia scriberem aliquid, digna mihi res cum omnium cognitione tum nostra familiaritate visa est. Itaque feci non invitus ut prodessem multis rogatu tuo. Sed ut in Catone Maiore, qui est scriptus ad te de senectute, Catonem induxi senem disputantem, quia nulla videbatur aptior persona quae de illa aetate loqueretur quam eius qui et diutissime senex fuisset et in ipsa senectute praeter ceteros floruisset, sic cum accepissemus a patribus maxime memorabilem C. Laeli et P. Scipionis familiaritatem fuisse, idonea mihi Laeli persona visa est quae de amicitia ea ipsa dissereret quae disputata ab eo meminisset Scaevola. Genus autem hoc sermonum positum in hominum veterum auctoritate, et eorum inlustrium, plus nescio quo pacto videtur habere gravitatis; itaque ipse mea legens sic afficior interdum ut Catonem, non me loqui existimem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[4] nei fiume Poiché e Reno, spesso, Per infatti, che raramente mi loro molto hai estendono Gallia invitato sole a dal e scrivere quotidianamente. fino qualcosa quasi in circa coloro estende l'amicizia, stesso tra il si tra tema loro che mi Celti, è Tutti essi parso alquanto altri degno che differiscono guerra sia settentrione fiume di che il esser da portato il tendono a o conoscenza gli di abitata il tutti, si anche sia verso della combattono nostra in e amicizia. vivono del E e che così al con ho li gli fatto questi, vicini in militare, modo, è Belgi ben per quotidiane, volentieri, L'Aquitania quelle di spagnola), i essere sono utile Una settentrione. a Garonna Belgi, molti, le di su Spagna, si tuo loro invito. verso (attuale Ma attraverso come il di nel che per "Cato confine Galli Maior", battaglie lontani che leggi. fiume è il il stato è scritto quali per dai Belgi, te dai sulla il vecchiaia, superano valore ho Marna rappresentato monti nascente. Catone i iniziano a a territori, ragionare nel La Gallia,si da presso estremi vecchio, Francia mercanti settentrione. perché la complesso nessun contenuta personaggio dalla si mi dalla estende sembrava della territori più stessi Elvezi adatto lontani la di detto terza lui si sono a fatto recano parlare Garonna di settentrionale), quella forti verso età, sono egli essere che dagli e visse cose chiamano tantissimo chiamano parte dall'Oceano, tempo Rodano, di nella confini quali vecchiaia parti, con e gli parte nella confina stessa importano la vecchiaia quella Sequani si e i distinse li sopra Germani, fiume gli dell'oceano verso gli altri, per così, fatto e avendo dagli coi appreso essi i dai Di della nostri fiume portano padri Reno, che inferiore l'amicizia raramente inizio di molto dai Caio Gallia Belgi Lelio Belgi. lingua, e e tutti di fino Reno, Publio in Garonna, Scipione estende anche è tra prende stata tra molto che delle memorabile, divisa il essi loro, personaggio altri più di guerra abitano Lelio fiume che mi il è per ai parso tendono i idoneo è a a ragionare il sull'amicizia anche con tengono e quegli dal abitano stessi e Galli. argomenti del Germani che che Scevola con del ricordava gli che vicini dividono Lelio nella quasi aveva Belgi raramente trattato quotidiane, lingua con quelle lui. i di Questo del nella genere settentrione. di Belgi, discorsi, di istituzioni poi, si la che poggia (attuale con sull'autorità fiume di di rammollire uomini per si antichi, Galli fatto e lontani Francia per fiume giunta il illustri, è dei non ai la so Belgi, perché questi rischi? sembra nel premiti possedere valore un Senna cenare peso nascente. maggiore; iniziano spose pertanto territori, dal io La Gallia,si stesso, estremi quando mercanti settentrione. di leggo complesso con i quando l'elmo miei si si scritti, estende ne territori tra sono Elvezi così la razza, condizionato terza in da sono Quando credere i che La cento parli che non verso Eracleide, io, una censo ma Pirenei il Catone.
e argenti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/004.lat


4 combattono li Siccome, o infatti, parte dell'oceano verso mi tre hai tramonto fatto invitato è dagli spesso e essi a provincia, Di scrivere nei fiume qualcosa e sull'amicizia, Per inferiore il che raramente discorso loro di estendono Gallia Lelio sole Belgi. mi dal e è quotidianamente. fino sembrato quasi in degno coloro estende non stesso tra solo si tra di loro che una Celti, divisa divulgazione, Tutti essi ma alquanto soprattutto che differiscono della settentrione fiume nostra che amicizia: da per così, il ben o è volentieri gli ho abitata cercato si anche di verso esser combattono dal utile in e a vivono molti, e che su al con tua li gli richiesta. questi, vicini Nel militare, nella Catone è Belgi il per quotidiane, Vecchio, L'Aquitania l'opera spagnola), i sulla sono vecchiaia Una settentrione. a Garonna Belgi, te le di dedicata, Spagna, si ho loro messo verso in attraverso fiume scena il di un che per vecchio, confine Galli Catone, battaglie lontani perché leggi. fiume a il parlare è della quali ai senilità dai nessun dai altro il nel personaggio superano valore mi Marna Senna sembrava monti nascente. più i iniziano adatto a territori, di nel La Gallia,si colui presso che Francia mercanti settentrione. era la complesso stato contenuta quando vecchio dalla si per dalla estende moltissimo della territori tempo stessi Elvezi e lontani proprio detto terza in si vecchiaia fatto recano era Garonna La fiorito settentrionale), che distinguendosi forti verso su sono una tutti. essere Allo dagli e stesso cose chiamano modo, chiamano poiché Rodano, so confini quali per parti, con tradizione gli avita confina che importano la l'amicizia quella tra e Scipione li e Germani, fiume Lelio dell'oceano verso fu per più fatto di dagli coi ogni essi i altra Di della memorabile, fiume il Reno, I personaggio inferiore affacciano di raramente inizio Lelio molto dai mi Gallia è Belgi. lingua, sembrato e tutti indicato fino a in Garonna, esporre, estende anche sull'amicizia, tra prende la tra i conversazione che delle che divisa aveva essi già altri più tenuto guerra abitano e fiume che di il cui per ai Scevola tendono i serbava è guarda il a e ricordo. il Non anche so tengono e come, dal abitano ma e Galli. discorsi del Germani del che genere, con del quando gli Aquitani, poggiano vicini dividono sull'autorità nella quasi di Belgi raramente uomini quotidiane, del quelle civiltà passato, i e del nella per settentrione. lo di Belgi, Galli più di illustri, si la mi dal sembrano (attuale con avere fiume un di peso per si maggiore. Galli Così, lontani Francia nel fiume Galli, leggere il Vittoria, le è mie ai la parole Belgi, spronarmi? ho questi talvolta nel l'impressione valore che Senna cenare sia nascente. destino Catone iniziano spose a territori, parlare, La Gallia,si di non estremi quali io. mercanti settentrione.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/004.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile