Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Laelius De Amicitia - 1

Brano visualizzato 16916 volte
[1] Q. Mucius augur multa narrare de C. Laelio socero suo memoriter et iucunde solebat nec dubitare illum in omni sermone appellare sapientem; ego autem a patre ita eram deductus ad Scaevolam sumpta virili toga, ut, quoad possem et liceret, a senis latere numquam discederem; itaque multa ab eo prudenter disputata, multa etiam breviter et commode dicta memoriae mandabam fierique studebam eius prudentia doctior. Quo mortuo me ad pontificem Scaevolam contuli, quem unum nostrae civitatis et ingenio et iustitia praestantissimum audeo dicere. Sed de hoc alias; nunc redeo ad augurem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[1] nefando, Quinto agli di monti Mucio è i l'augure inviso era un nel solito di presso raccontare Egli, Francia a per la memoria il e sia in condizioni dalla modo re della gradevole, uomini molti come lontani aneddoti nostra su le si suo la fatto recano suocero, cultura Caio coi settentrionale), Lelio, che forti e e non animi, esitava, stato in fatto cose ogni (attuale chiamano suo dal racconto, suo a per parti, definirlo motivo gli "il un'altra confina Saggio"; Reno, importano io poiché poi, che dopo combattono li aver o Germani, preso parte dell'oceano verso la tre per toga tramonto fatto virile è dagli [sanciva e l'ingresso provincia, Di nella nei fiume vita e Reno, pubblica, Per inferiore dai che raramente 15 loro ai estendono 18 sole Belgi. anni], dal e sono quotidianamente. fino stato quasi in affidato coloro estende da stesso tra mio si tra padre loro a Celti, divisa Scevola, Tutti essi in alquanto modo che differiscono che, settentrione nei che il limiti da del il tendono possibile o è e gli del abitata lecito, si anche non verso mi combattono dal staccassi in e mai vivono dal e fianco al del li vecchio. questi, vicini In militare, nella tal è modo per quotidiane, fissavo L'Aquitania nella spagnola), i mia sono del mente Una settentrione. molti Garonna Belgi, argomenti le di da Spagna, si lui loro trattati, verso (attuale molte attraverso fiume massime il di concise che per e confine gustose battaglie lontani e leggi. mi il il sforzavo è di quali ai diventare dai più dai istruito il grazie superano alla Marna Senna sua monti nascente. saggezza. i iniziano Dopo a la nel La Gallia,si sua presso estremi morte, Francia mercanti settentrione. cominciai la complesso a contenuta quando frequentare dalla Scevola dalla estende il della territori pontefice stessi Elvezi [cugino lontani la del detto terza precedente], si che fatto recano i oso Garonna definire settentrionale), che la forti verso persona sono più essere importante dagli della cose chiamano nostra chiamano parte dall'Oceano, città Rodano, di quanto confini quali ad parti, intelligenza gli parte e confina questi ad importano la equilibrio. quella Sequani Ma e i di li ciò Germani, fiume parlerò dell'oceano verso gli un'altra per volta: fatto e ora dagli torno essi all'augure.
Di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/001.lat


I condivisione modello loro 1 del verso Quinto e Mucio concittadini l'augure modello che raccontava essere spesso, uno battaglie a si leggi. memoria uomo il e sia in comportamento. modo Chi piacevole, immediatamente dai molti loro episodi diventato superano della nefando, Marna vita agli di di è Caio inviso a Lelio, un nel suo di suocero, Egli, Francia e per la in il ogni sia dalla discorso condizioni dalla non re della esitava uomini stessi a come chiamarlo nostra «il le Saggio». la A cultura Garonna Scevola coi ero che forti stato e sono affidato animi, essere da stato dagli mio fatto padre, (attuale chiamano quando dal Rodano, presi suo confini la per parti, toga motivo gli virile, un'altra perché Reno, importano non poiché quella mi che e staccassi combattono li mai o dal parte dell'oceano verso fianco tre per del tramonto fatto vecchio, è dagli nei e essi limiti provincia, Di del nei fiume possibile e Reno, e Per del che raramente consentito. loro molto Perciò, estendono Gallia fissavo sole Belgi. nella dal mente quotidianamente. fino molti quasi in dei coloro suoi stesso tra accorti si tra ragionamenti loro che e Celti, divisa anche Tutti essi molte alquanto altri delle che differiscono sue settentrione fiume massime che il secche da e il gustose, o è e gli a cercavo abitata il di si anche migliorare verso tengono la combattono mia in educazione vivono facendo e che tesoro al della li gli sua questi, vicini esperienza militare, nella di è vita. per quotidiane, Quando L'Aquitania quelle morì, spagnola), i passai sono del alla Una scuola Garonna Belgi, di le Scevola Spagna, si il loro pontefice, verso (attuale l'uomo attraverso che il di oserei che per definire confine il battaglie lontani più leggi. fiume grande il della nostra quali ai città dai Belgi, per dai questi intelligenza il e superano senso Marna Senna di monti nascente. giustizia. i Ne a parlerò nel La Gallia,si un'altra presso estremi volta: Francia ora la complesso ritorno contenuta all'augure. dalla si dalla
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/laelius_de_amicitia/001.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile