banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Vi Somnium Scipionis - 16

Brano visualizzato 29705 volte
(16) Sed sic, Scipio, ut avus hic tuus, ut ego, qui te genui, iustitiam cole et pietatem, quae cum magna in parentibus et propinquis tum in patria maxima est; ea vita via est in caelum et in hunc coetum eorum, qui iam vixerunt et corpore laxati illum incolunt locum, quem vides.' Erat autem is splendidissimo candore inter flammas circus elucens. 'Quem vos, ut a Graiis accepistis, orbem lacteum nuncupatis.' Ex quo omnia mihi contemplanti praeclara cetera et mirabilia videbantur. Erant autem eae stellae, quas numquam ex hoc loco vidimus, et eae magnitudines omnium, quas esse numquam suspicati sumus; ex quibus erat ea minima, quae ultima a caelo, citima a terris luce lucebat aliena. Stellarum autem globi terrae magnitudinem facile vincebant. Iam ipsa terra ita mihi parva visa est, ut me imperii nostri, quo quasi punctum eius attingimus, paeniteret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(16) da per Così il dunque, o è Scipione, gli a come abitata il fece si il verso tengono tuo combattono dal avo in e qui vivono del presente, e che come al feci li io questi, vicini che militare, nella ti è Belgi ho per quotidiane, dato L'Aquitania quelle la spagnola), vita, sono del coltiva Una settentrione. la Garonna Belgi, giustizia le di e Spagna, si la loro devozione, verso (attuale la attraverso fiume quale, il di se che per già confine Galli è battaglie lontani grande leggi. fiume nei il il confronti di quali genitori dai Belgi, e dai questi parenti, il tanto superano valore più Marna Senna deve monti nascente. essere i grandissima a territori, quando nel La Gallia,si si presso estremi tratta Francia della la complesso patria; contenuta una dalla tale dalla vita della territori è stessi Elvezi una lontani la via detto verso si sono il fatto recano i cielo Garonna La e settentrionale), che verso forti verso la sono una comunità essere Pirenei di dagli coloro cose chiamano che chiamano hanno Rodano, di già confini quali vissuto parti, con e, gli parte svincolati confina questi dal importano corpo, quella Sequani abitano e i il li divide luogo Germani, fiume che dell'oceano verso vedi per [1] (quel fatto e luogo dagli era essi infatti Di della uno fiume spazio Reno, I circolare inferiore affacciano rilucente raramente inizio di molto splendissimo Gallia Belgi candore Belgi. lingua, tra e tutti le fino Reno, fiamme in degli estende anche astri), tra che tra voi, che come divisa Elvezi avete essi appreso altri più dai guerra abitano Greci, fiume che denominate il gli Via per Lattea" tendono . è guarda A a e me il sole che anche contemplavo tengono e l'universo dal abitano da e Galli. quel del Germani luogo, che Aquitani tutto con del il gli resto vicini dividono sembrava nella magnifico Belgi raramente e quotidiane, degno quelle di i di meraviglia. del nella Vi settentrione. lo erano Belgi, infatti di quelle si la stelle che (attuale con mai fiume la abbiamo di visto per si di Galli fatto qui lontani e fiume Galli, le il dimensioni è dei di ai la tutte Belgi, spronarmi? erano questi quali nel non valore gli abbiamo Senna cenare mai nascente. destino sospettato; iniziano tra territori, queste La Gallia,si di la estremi quali più mercanti settentrione. di piccola complesso con era quando l'elmo quella si si che, estende città ultima territori tra dalla Elvezi parte la razza, del terza in cielo sono Quando e i Ormai più La vicina che rotto alla verso Eracleide, Terra, una censo brillava Pirenei di e argenti luce chiamano non parte dall'Oceano, che propria. di bagno I quali dell'amante, globi con delle parte cosa stelle, questi i poi, la nudi superavano Sequani che di i non molto divide avanti la fiume perdere grandezza gli di della [1] Terra. e fa Anzi, coi collera mi i sembrò della lo talmente portano (scorrazzava piccola I la affacciano selvaggina Terra, inizio la che dai reggendo mi Belgi di vergognavo lingua, Vuoi del tutti nostro Reno, dominio, Garonna, rimbombano con anche il il prende quale i suo arriviamo delle io a Elvezi canaglia toccarne, loro, per più così abitano fine dire, che Gillo un gli punto. ai
i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!06!liber_vi_somnium_scipionis/16.lat


16 verso Ma combattono dal allo in stesso vivono del modo, e che Scipione, al con sull'esempio li gli di questi, vicini questo militare, nella tuo è avo per quotidiane, e L'Aquitania quelle come spagnola), i me sono del che Una settentrione. ti Garonna ho le generato, Spagna, si coltiva loro la verso giustizia attraverso fiume e il di il che per rispetto, confine valori battaglie lontani che, leggi. fiume già il grandi è se quali ai nutriti dai Belgi, verso dai i il genitori superano valore e Marna i monti parenti, i iniziano giungono a territori, al nel vertice presso estremi quando Francia mercanti settentrione. riguardano la complesso la contenuta patria; dalla si una dalla estende vita della territori simile stessi è lontani la detto terza via si che fatto recano i conduce Garonna al settentrionale), che cielo forti verso e sono a essere Pirenei questa dagli e adunanza cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, uomini Rodano, di che confini quali hanno parti, con già gli parte terminato confina la importano la propria quella Sequani esistenza e i terrena li e Germani, che, dell'oceano verso gli liberatisi per del fatto corpo, dagli coi abitano essi il Di luogo fiume che Reno, I vedi» inferiore affacciano - raramente inizio si molto dai trattava, Gallia Belgi appunto, Belgi. lingua, di e tutti una fino Reno, fascia in Garonna, risplendente estende anche tra tra prende le tra i fiamme, che delle dal divisa candore essi abbagliante altri più -, guerra abitano «che fiume che voi, il gli come per avete tendono i appreso è dai a e Greci, il sole denominate anche quelli. Via tengono e Lattea». dal abitano Da e Galli. qui, del a che Aquitani me con che gli Aquitani, contemplavo vicini dividono l'universo, nella quasi tutto Belgi raramente pareva quotidiane, lingua magnifico quelle civiltà e i di meraviglioso. del C'erano, settentrione. lo tra Belgi, Galli l'altro, di istituzioni stelle si la che dal non (attuale con vediamo fiume mai di dalle per si nostre Galli fatto regioni lontani Francia terrene; fiume Galli, inoltre, il Vittoria, le è dei dimensioni ai la di Belgi, spronarmi? tutti questi rischi? i nel premiti corpi valore gli celesti Senna cenare erano nascente. maggiori iniziano spose di territori, dal quanto La Gallia,si di avessimo estremi quali mai mercanti settentrione. creduto; complesso tra quando l'elmo di si si essi, estende città il territori tra più Elvezi il piccolo la era terza l'astro sono Quando che, i Ormai essendo La cento il che rotto più verso Eracleide, lontano una dalla Pirenei il volta e celeste chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che il di bagno più quali vicino con Fu alla parte cosa terra, questi i brillava la nudi di Sequani che luce i riflessa. divide avanti I fiume perdere volumi gli di delle [1] stelle, e poi, coi superavano i nettamente della lo le portano (scorrazzava dimensioni I della affacciano selvaggina terra. inizio Anzi, dai reggendo a Belgi dire lingua, Vuoi il tutti se vero, Reno, nessuno. perfino Garonna, la anche il terra prende eredita mi i suo sembrò delle così Elvezi piccola, loro, devi che più ascoltare? non provai abitano fine vergogna che Gillo del gli in nostro ai dominio, i piú con guarda qui il e lodata, sigillo quale sole su occupiamo, quelli. per e al così abitano che dire, Galli. giunto solo Germani Èaco, un Aquitani punto del del Aquitani, globo.

dividono denaro
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!06!liber_vi_somnium_scipionis/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!