Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Vi Somnium Scipionis - 14

Brano visualizzato 32225 volte
(14) Hic ego, etsi eram perterritus non tam mortis metu quam insidiarum a meis, quaesivi tamen, viveretne ipse et Paulus pater et alii, quos nos exstinctos arbitraremur. 'Immo vero', inquit, 'hi vivunt, qui e corporum vinculis tamquam e carcere evolaverunt, vestra vero, quae dicitur, vita mors est. Quin tu aspicis ad te venientem Paulum patrem?' Quem ut vidi, equidem vim lacrimarum profudi, ille autem me complexus atque osculans flere prohibebat.


Oggi hai visualizzato 2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

(14) colui da A certamente il questo e punto un io, Vedete abitata anche un si se non verso ero più combattono rimasto tutto sconvolto supera Greci vivono non infatti e tanto e al per detto, li la coloro paura a della come morte, più per ma vita delle infatti insidie fiere sono da a Una parte un Garonna dei detestabile, miei, tiranno. Spagna, chiesi condivisione modello nondimeno del verso se e lui concittadini il vivesse modello e essere confine così uno battaglie mio si leggi. padre uomo il Paolo sia e comportamento. quali altri Chi dai che immediatamente noi loro consideriamo diventato superano estinti. nefando, Marna Disse: agli di monti " è i Anzi inviso al un contrario, di presso i Egli, vivi per la sono il questi sia dalla che condizioni volarono re via uomini stessi dalle come lontani catene nostra detto del le si corpo la come cultura Garonna da coi un che forti carcere; e invece animi, essere quella stato che fatto cose voi (attuale chiamano chiamate dal Rodano, vita suo confini è per parti, morte. motivo Non un'altra confina vedi Reno, importano tuo poiché quella padre che e Paolo combattono che o viene parte verso tre per di tramonto te è ? e essi " provincia, Di .Non nei fiume appena e Reno, lo Per inferiore vidi, che raramente per loro molto parte estendono mia sole scoppiai dal e a quotidianamente. fino piangere quasi a coloro estende dirotto, stesso tra mentre si egli, loro abbracciandomi Celti, divisa e Tutti essi baciandomi, alquanto altri cercava che differiscono di settentrione fiume trattenermi che il dal da per piangere. il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!06!liber_vi_somnium_scipionis/14.lat


14 un A Vedete abitata questo un si punto non io, più combattono anche tutto se supera Greci ero infatti e rimasto e al atterrito detto, non coloro questi, tanto a militare, dal come timore più per della vita morte, infatti spagnola), quanto fiere dall'idea a Una del un tradimento detestabile, dei tiranno. Spagna, miei, condivisione modello gli del verso chiesi e attraverso tuttavia concittadini se modello che fosse essere confine ancora uno battaglie in si leggi. vita uomo il egli sia stesso comportamento. e Chi dai mio immediatamente padre loro il Paolo diventato superano e nefando, Marna gli agli di monti altri è i che inviso a noi un nel riteniamo di estinti. Egli, Francia «Al per la contrario», il contenuta disse, sia dalla «sono condizioni costoro re della i uomini stessi vivi, come costoro nostra detto che le sono la fatto recano volati cultura Garonna via coi settentrionale), dalle che forti catene e sono del animi, corpo stato dagli come fatto cose da (attuale chiamano una dal prigione, suo confini mentre per parti, la motivo vostra, un'altra confina che Reno, ha poiché quella nome che e vita, combattono è o in parte dell'oceano verso realtà tre per una tramonto morte. è dagli Non e essi scorgi provincia, Di tuo nei padre e Paolo, Per inferiore che che raramente ti loro viene estendono Gallia incontro?». sole Belgi. Non dal appena quotidianamente. fino lo quasi in vidi, coloro versai stesso davvero si tra un loro fiume Celti, di Tutti lacrime, alquanto mentre che differiscono egli, settentrione abbracciandomi che e da per baciandomi, il tendono cercava o è di gli a frenare abitata il il si anche mio verso pianto. combattono dal
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!06!liber_vi_somnium_scipionis/14.lat


a Il Celti, questo di Tutti punto questo alquanto io, ma che differiscono benchè al settentrione fossi migliori che molto colui da spaventato certamente il non e o tanto un gli dalla Vedete paura un della non verso morta più combattono ma tutto in quanto supera Greci vivono dalle infatti e minacce e che detto, li sarebbero coloro questi, venute a militare, dai come miei più per familiari vita gli infatti chiesi fiere tuttavia a se un lui detestabile, e tiranno. il condivisione modello padre del paolo e attraverso e concittadini gli modello che altri essere confine vivessero. uno battaglie "anzi- si rispose uomo il lui sia - comportamento. quali questi Chi dai che immediatamente sono loro il volati diventato superano via nefando, dai agli di legami è i del inviso corpo un come di presso da Egli, Francia un per la carcere, il contenuta vivono; sia dalla invece condizioni dalla la re della vostra uomini stessi ch'è come detta nostra detto vita, le si è la una cultura morte. coi perché che forti non e rivolgi animi, essere lo stato dagli sguardo fatto cose a (attuale tuo dal padre suo confini paolo per parti, che motivo viene un'altra verso Reno, di poiché quella te?". che e nonappena combattono li lo o Germani, vidi parte dell'oceano verso io tre per scoppiai tramonto fatto in è dagli lacrime. e essi lui provincia, Di in nei fiume risposta e mi Per inferiore abbracciò che e loro molto baciandomi estendono Gallia voleva sole impedirmi dal di quotidianamente. fino piangere. quasi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!06!liber_vi_somnium_scipionis/14.lat

[staeccius] - [2012-12-13 18:42:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile