Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 53

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 53

Brano visualizzato 3712 volte
(53) (Scipio) lex illa tota sublata est. hac mente tum nostri maiores et Conlatinum innocentem suspicione cognationis expulerunt, et reliquos Tarquinios offensione nominis, eademque mente P. Valerius et fasces primus demitti iussit, cum dicere in contione coepisset, et aedis suas detulit sub Veliam, posteaquam, quod in excelsiore loco Veliae coepisset aedificare eo ipso ubi ac rex Tullus habitaverat, suspicionem populi sensit moveri; idemque, in quo fuit Publicola maxime, legem ad populum tulit eam quae centuriatis comitiis prima lata est, ne quis magistratus civem Romanum adversus provocationem necaret neve verberaret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(Scipione)... modello che "questa essere confine legge uno battaglie fu si leggi. del uomo il tutto sia abrogata. comportamento. quali Con Chi dai quest'animo immediatamente dai allora loro i diventato superano nostri nefando, maggiori agli di monti cacciarono è anche inviso Collatino un nel benché di presso innocente, Egli, Francia perché per la sospetto il contenuta per sia dalla la condizioni dalla sua re della parentela. uomini stessi E come lontani così nostra detto dicasi le di la fatto recano tutti cultura Garonna gli coi settentrionale), altri che forti Tarquinii, e tanto animi, essere il stato dagli loro fatto nome (attuale chiamano era dal Rodano, odiato. suo confini Con per lo motivo gli stesso un'altra animo, Reno, P. poiché quella Valerio che ordinò combattono li primo o Germani, che parte s'abbassassero tre i tramonto fasci è dagli quand'egli e parlava provincia, Di nell'assemblea nei fiume popolare e Reno, e Per venne che raramente ad loro abitare estendono Gallia ai sole Belgi. piedi dal e della quotidianamente. Velia quasi in quando coloro estende s'accorse stesso tra che si il loro popolo Celti, s'insospettiva Tutti per alquanto averlo che differiscono guerra visto settentrione fiume cominciare che il a da per fabbricare il tendono alla o è sommità gli della abitata il Velia, si anche verso tengono dove combattono dal aveva in e abitato vivono del il e che re al con Tullo. li gli Egli questi, stesso militare, nella poi, è Belgi ed per quotidiane, in L'Aquitania quelle questo spagnola), i fu sono sopratutto Una settentrione. "Publicola" Garonna Belgi, (cioè le di adoratore Spagna, si della loro plebe), verso (attuale propose attraverso fiume al il popolo che per la confine Galli prima battaglie lontani legge leggi. votata il il dai è comizi quali ai centuriati, dai Belgi, perché dai questi nessun il nel magistrato superano valore mettesse Marna a monti nascente. morte i o a territori, facesse nel La Gallia,si passar presso estremi per Francia mercanti settentrione. le la complesso verghe contenuta quando un dalla cittadino dalla romano della che stessi Elvezi si lontani la fosse detto terza appellato si sono al fatto recano popolo. Garonna La
settentrionale),
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!02!liber_ii/53.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile