Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 52

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 52

Brano visualizzato 3131 volte
(52) (Scipio) <cau>sas requisivit, civitatemque optandam magis quam sperandam, quam minimam potuit, non quae posset esse, sed in qua ratio rerum civilium perspici posset, effecit. ego autem, si modo consequi potuero, rationibus eisdem quas ille vidit non in umbra et imagine civitatis sed in amplissima re publica enitar, ut cuiusque et boni publici et mali causam tamquam virgula videar attingere. iis enim regiis quadraginta annis et ducentis paulo cum interregnis fere amplius praeteritis, pulsoque Tarquinio, tantum odium populum Romanum regalis nominis tenuit, quantum tenuerat post obitum vel potius excessum Romuli desiderium. itaque ut tum carere rege, sic pulso Tarquinio nomen regis audire non poterat. hic facultatem cum

(*****)


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(Scipione)... li gli "secondo questi, Platone, militare, nella una è Belgi perfetta per quotidiane, giustizia L'Aquitania quelle dovrebbe spagnola), i regolare sono del la Una settentrione. distribuzione Garonna delle le di terre Spagna, si e loro il verso sorgere attraverso delle il di case: che ed confine Galli egli battaglie lontani vorrebbe leggi. restringere il il il è più quali ai possibile dai Belgi, la dai sua il repubblica superano ch'é Marna Senna più monti desiderabile i iniziano forse a che nel La Gallia,si sperabile presso estremi e Francia non la complesso quale contenuta quando la dalla si realtà dalla avrebbe della territori potuto stessi Elvezi crearla lontani la ma detto terza soltanto si sono schema fatto recano i teorico Garonna La per settentrionale), che poter forti verso veder sono una chiaro essere in dagli e tutte cose chiamano le chiamano questioni Rodano, di politiche. confini quali Ma parti, io, gli parte se confina questi mi importano fosse quella Sequani possibile, e vorrei li divide studiare Germani, finalmente dell'oceano verso la per [1] scienza fatto e politica dagli coi non essi in Di uno fiume schema Reno, I immaginario inferiore affacciano di raramente Stato molto dai ma Gallia nel Belgi. lingua, più e tutti vasto fino Reno, Stato in del estende anche mondo, tra prende per tra i mettere che delle in divisa Elvezi luce essi loro, con altri la guerra più fiume che minuziosa il gli precisione per ogni tendono causa è tanto a e del il sole male anche quelli. quanto tengono e del dal bene e pubblico. del Germani Passati che Aquitani dunque con del quei gli ducentoquarant'anni vicini di nella quasi potere Belgi raramente monarchico quotidiane, lingua e quelle civiltà un i di po' del più settentrione. lo forse, Belgi, Galli dati di gli si la interregni, dal e (attuale con cacciato fiume la Tarquinio, di il per popolo Galli fatto ebbe lontani Francia tanto fiume odio il Vittoria, contro è dei il ai la re Belgi, quant'amore questi per nel premiti esso valore gli aveva Senna avuto nascente. destino dopo iniziano spose la territori, morte La Gallia,si di o, estremi quali meglio, mercanti settentrione. la complesso con scomparsa quando di si Romolo. estende città E territori tra come Elvezi il allora la razza, non terza aveva sono Quando potuto i Ormai fare La a che rotto meno verso Eracleide, del una censo re Pirenei il così, e argenti cacciato chiamano Tarquinio, parte dall'Oceano, che non di bagno poté quali più con Fu nemmeno parte cosa sentir questi nominare la nudi il Sequani che re.
(Manca
i non il divide avanti quaderno fiume XXI)
...Dunque,
gli di quella [1] sotto bella e fa costituzione coi collera di i mare Romolo, della lo essendo portano (scorrazzava rimasta I venga intatta affacciano selvaggina per inizio la quasi dai reggendo ducentoquarant'anni...
[Da
Belgi questo lingua, nacque tutti se che, Reno, nessuno. non Garonna, sopportando anche più prende eredita il i potere delle monarchico, Elvezi canaglia si loro, crearono più ascoltare? non comandi abitano fine annuali che Gillo affidati gli in a ai due i piú comandanti guarda qui che e furono sole su chiamati quelli. dire consoli e al da abitano che "consigliare", Galli. giunto non Germani re Aquitani per o del domini Aquitani, mettere da dividono "regnare" quasi ti o raramente lo "dominare"] lingua rimasto . civiltà (S. di Agostino. nella con Della lo che città Galli di istituzioni Dio, la e 5, dal ti 12).
con Del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!02!liber_ii/52.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile