Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 46

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 46

Brano visualizzato 7119 volte
(46) itaque cum maior eius filius Lucretiae Tricipitini filiae Conlatini uxori vim attulisset, mulierque pudens et nobilis ob illam iniuriam sese ipsa morte multavisset, tum vir ingenio et virtute praestans L. Brutus depulit a civibus suis iniustum illud durae servitutis iugum. qui cum privatus esset, totam rem publicam sustinuit, primusque in hac civitate docuit in conservanda civium libertate esse privatum neminem. quo auctore et principe concitata civitas et hac recenti querella Lucretiae patris ac propinquorum, et recordatione superbiae Tarquinii multarumque iniuriarum et ipsius et filiorum, exulem et regem ipsum et liberos eius et gentem Tarquiniorum esse iussit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Avendo sia il comportamento. quali suo Chi dai maggior immediatamente figliuolo loro il fatto diventato violenza nefando, a agli di monti Lucrezia, è figlia inviso di un nel Tricipitino di presso e Egli, Francia moglie per di il contenuta Collatino, sia dalla ed condizioni dalla essendosi re della questa uomini casta come e nostra detto nobile le si donna la fatto recano punita cultura Garonna con coi settentrionale), la che forti morte e sono per animi, essere l'ingiuria stato dagli patita, fatto cose un (attuale chiamano uomo dal Rodano, d'ingegno suo e per di motivo virtù un'altra singolari, Reno, importano L. poiché quella Bruto, che liberò combattono li i o Germani, concittadini parte dell'oceano verso dall'ingiusto tre per giogo tramonto fatto di è quella e essi dura provincia, Di schiavitù. nei fiume E e Reno, non Per essendo che raramente che loro un estendono Gallia privato, sole Belgi. seppe dal e reggere quotidianamente. fino tutto quasi in lo coloro Stato stesso tra e si tra primo loro che insegnò Celti, al Tutti essi nostro alquanto altri popolo che differiscono guerra come, settentrione fiume quando che il si da per tratti il tendono di o è salvare gli a la abitata pubblica si anche libertà, verso tengono ognuno combattono dal possa in e diventare vivono del uomo e che pubblico. al con Per li gli il questi, vicini suo militare, consiglio, è sotto per quotidiane, la L'Aquitania sua spagnola), i guida, sono del la Una città Garonna fremente le e Spagna, si per loro i verso (attuale lamenti attraverso fiume del il di padre che di confine Galli Lucrezia battaglie lontani e leggi. fiume dei il il parenti è e quali per dai Belgi, il dai ricordo il nel della superano valore superbia Marna di monti nascente. Tarquinio i iniziano e a territori, delle nel La Gallia,si molte presso estremi offese Francia mercanti settentrione. sue la e contenuta quando dei dalla si figli, dalla estende volle della territori che stessi il lontani re detto stesso si e fatto recano I Garonna La figli settentrionale), che e forti verso tutta sono una la essere razza dagli e dei cose chiamano Tarquini chiamano parte dall'Oceano, fossero Rodano, di cacciati confini in parti, con esilio.
gli parte
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!02!liber_ii/46.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile